Jetawanarama Anuradhapura Sri Lanka

Sommario

Anuradhapura

Jetawanarama Stupa è nascosto nel città storica di Anuradhapura, Sri Lanka, a circa 200 km da Colombo. Jetawanarama era uno degli antichi di spicco Monasteri buddisti situati all'interno di Anuradhapura. C'erano molti monasteri buddisti nell'antica città come Abhayagiri e Mahavihara insieme al monastero Jetawanarama. Il monastero di Jetawanarama fa parte del sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO di Anuradhapura. Secondo il ritrovamento archeologico nell'antica città, il monastero di Jetawanarama era abitato da un gran numero di monaci buddisti.

Esplorare i ricchi passato storico dello Sri Lanka è una delle attività più popolari tra i viaggiatori. Pertanto, il tour della città di Anuradharapura fa parte della maggior parte Pacchetti turistici dello Sri Lanka. Il tour della città consente ai visitatori di vedere un gran numero di antichi templi, palazzi, giardini, musei e molti altri monumenti storici. Questa città del III secolo a.C. si estende su oltre 3 ettari di terreno e ospita centinaia di monumenti antichi. Il tour della città di Anuradhapura copre molti importanti religiosi e luoghi storici in Sri Lanka come Srimaha bodhi, Thuparama, Ruwanweli stupa e Jetanarama dagoba sono anche tra i monumenti importanti.

Jetawanarama Dagoba

L' Jetavanarama stupa è ciò che resta del complesso monastico di Jetawanarama. La maggior parte delle altre costruzioni come le case delle immagini e gli alloggi dei monaci, l'ospedale Ayrvbeda sono state distrutte in passato. Pertanto, l'elemento più significativo che vedi durante la tua visita a Jetwanarama è lo Stupa. Jetawanarama Stupa era una delle costruzioni più grandi del mondo e si alzava fino a 122 metri (400 piedi) da terra, Jetawanarama era lo Stupa più grande del mondo e Jetawanarama Stupa era la terza struttura più alta del mondo. Jetawanarama Stupa fu costruito dal re Mahasen, che governò l'isola da Anuradhapura dal 273 al 301. Il re iniziò la costruzione del monastero Jetawanarama dopo la distruzione del monastero Mahavihara (monastero gigante) di Anuradhapura. Tuttavia, il re non fu in grado di completare la costruzione del monastero Jetawanarama e suo figlio Maghavanna I completò la costruzione del monastero compreso lo stupa. Lo stupa è stato rinnovato dal re Parakramabahu I di Polonnaruwa nel X secolo. Una parte di una fascia o cintura legata dal Budda si crede che sia la reliquia qui custodita.

L'importanza di Jetawanarama

Jetawanarama ha avuto un'importanza molto significativa per il buddismo nello Sri Lanka perché era il risultato delle tensioni tra le sette del buddismo Theravada e Mahayana; è anche significativo nella storia documentata come una delle strutture più alte del mondo antico. Jetwanarama era l'edificio non piramidale più alto del mondo. L'antica città di Anuradhapura fu abbandonata nell'XI secolo d.C., a causa delle invasioni dell'India meridionale. L'edificio più antico della città è stato distrutto durante le invasioni e ciò che è rimasto è decaduto negli ultimi secoli sotto l'ira del sole e della pioggia. Con l'abbandono dell'antica città nell'XI secolo, lo stupa e il resto del monastero furono ricoperti dalla giungla. Il re Parakramabahu di Polonnaruwa nel XII secolo rinnovò questo stupa, il re fu in grado di ricostruire lo stupa fino alla sua altezza attuale, una riduzione rispetto all'altezza originale. Oggi si trova a 11 metri (11 piedi).

Il monastero di Jetawanarama copriva circa 5.6 ettari. Circa 10,000 monaci buddisti risiedevano nel complesso del tempio. Un lato dello stupa è lungo 176 m (576 piedi) e le rampe di scale su ciascuno dei quattro lati sono larghe 9 m (28 piedi). Lo stipite della porta del santuario, che si trova nel cortile, è alto 8 m (27 piedi). Lo stupa ha una profondità di 8.5 m (28 piedi). fondazione e si siede bedrock.

Il Jetawanarama Stupa non è la struttura più alta del mondo oggi, ma è ancora la più grande, con una superficie di base di 33,000 m2 (2,508,000 piedi quadrati). Circa 93.3 milioni al forno laterizi sono stati utilizzati nella sua costruzione; l'ingegnosità ingegneristica alla base della costruzione della struttura è uno sviluppo significativo nella storia dello Sri Lanka.

Fatti storici su Jetawanarama

Dopo la morte del re Jetta Tissa, suo fratello Mahasena divenne re dello Sri Lanka e fu consacrato dal monaco Mahayana Sanghamitta; a causa dell'influenza del monaco, il re Mahasena intraprese una campagna contro il buddismo Theravada e Theravadin che dimorava nel Mahavihara. La spaccatura tra Mahynin e Therawadin si intensificò al punto che fu stabilita una punizione per chiunque facesse l'elemosina ai monaci Mahayana che dimoravano nel tempio Mahavihara. Secondo Mahavamsa (antica cronaca) Sanghamitta cita: "Gli abitanti del Mahavihara non insegnano il (vero) Vinaya, noi siamo quelli che insegnano il (vero) Vinaya, re".

A causa degli infiniti ostacoli, i monaci che vivevano nel monastero di Mahavihara decisero di abbandonare il tempio. I monaci si trasferirono in Malaya rata o paese della Malesia e nel Principato di Ruhuna. Il monastero di Mahavihara fu saccheggiato da Sanghamitta e dal ministro Sona, e gli oggetti di valore del tempio di Mahavihara furono spostati a Abhayagiri vihara.

La distruzione del complesso del tempio di Mahavihara ha portato a una ribellione del ministro Meghavannabhaya, che ha marciato verso Anuradhapura dalla Malesia con un esercito e si è accampato vicino al carro armato Duratissaka. Il re Mahasen fece marciare un esercito per incontrare il ministro Meghavannabhaya, dove i negoziati furono raggiunti la notte prima della battaglia, e il re si scusò per la distruzione di Mahavihara e accettò di ricostruire un complesso di templi simile al tempio di Mahavihara sul terreno di Mahavihara. Il Mahavamsa cita il re: “farà abitare ancora una volta il vihara; perdonami la mia colpa”. Il monaco Sangamitta, che guidò la cospirazione contro il tempio di Mahavihara, fu assassinato da un operaio su istruzioni di una moglie del re. Dopo la scomparsa di Sangamitta, fu costruito un nuovo tempio sotto le istruzioni del ministro Meghavannabhaya ei monaci che fuggirono dal tempio tornarono ad Anuradhapura.

Il Jetwanarama fu offerto al monaco Tissa all'inizio della costruzione, ma in seguito fu rivelato che il monaco aveva commesso un grave reato. Dopo un'indagine sull'accusa e la prova da parte di un ministro, il monaco è stato spogliato ed espulso dall'ordine. Ai monaci di Dakkhinagiri fu poi affidato il monastero di Jetawanar.

I monaci della setta Sagalika stavano occupando il monastero di Jetavanaramaya. La setta Sagalica era strettamente collegata al monastero di Abhyagiri. Verso il X secolo d.C., poco prima della distruzione dell'antica città di Anuradhapura, il monastero di Jetavana si era sviluppato in una delle tre confraternite dell'isola insieme a Mahavihara e Abhyagiriya. Sotto la guida del re Parkramabahi il Grande nel X secolo d.C., le confraternite si unirono. Quindi il re attuò riforme filo-ortodosse contro Theravadin non ortodossi o limitati.

La posizione del Jetawanrama è considerata molto importante per il buddismo dello Sri Lanka, Mahinda, introdusse il buddismo nello Sri Lanka e si stabilì nel sito per predicare il Dharma. Così fu chiamata la foresta Joitavana e in seguito fu chiamato Jetavana.

Progettazione e costruzione di Jetawanarama

Il Jetwanarama Stupa è il più grande del suo genere nel mondo antico ed era la struttura buddista antica più alta del mondo, l'ingegnosità strutturale e le capacità ingegneristiche impiegate per la costruzione sono significative. Le fondamenta dell'antico Stupa erano profonde 8.5 m e le dimensioni della struttura richiedevano mattoni in grado di sopportare carichi fino a 166 kg. Le solide fondamenta poggiavano su un substrato roccioso e la cupola era costruita con mattoni pieni e mezzi e riempimento di terra, la forma unica di un perfetto ellissoide consentiva lo stress e quindi consentiva la costruzione della grande struttura. 

Secondo il Mahawamsa (antica cronaca) sulla posa delle fondamenta, dove le fessure erano piene di pietre e calpestate da elefanti i cui piedi erano protetti da legature di cuoio. I mattoni necessari per la costruzione sono stati sviluppati con il know-how dello Sri Lanka utilizzando materiali locali ed è considerato uno sviluppo significativo dell'antica ingegneria dello Sri Lanka, i mattoni che abbiamo composto per il 60% da sabbia fine e per il 35% da argilla, e i mattoni potevano resistere a 44 kg/cm2 (281kg/pollice2).

Il materiale legante per i mattoni è stato sviluppato utilizzando dolomite finemente frantumata, calcare, sabbia setacciata e argilla. L'argilla impiegata era flessibile e quindi accoglie il movimento all'interno della struttura. Uno dei lati del mattone è stato irruvidito per intrappolare la malta di adesione limitando così il movimento laterale. L'intonaco di calce è stato applicato per coprire lo stupa; l'intonaco è stato sviluppato utilizzando conchiglie contenute, sciroppo di zucchero, albume d'uovo, acqua di cocco, colle, oli, resina vegetale, sabbia, argilla e ciottoli. L'intonaco non solo creava una superficie liscia e una vista accattivante, ma fungeva anche da meccanismo impermeabile. Il Mahavamsa menziona anche l'uso di lastre di rame sulle fondamenta e di arsenico sciolto in olio di sesamo per prevenire l'intrusione di insetti e piante all'interno dello stupa. Secondo le informazioni storiche, ci sono voluti 15 anni per completare la costruzione di Jetawanrama Stupa ed è stato costruito da un'abile forza lavoro di centinaia, tra cui mattonificio lavoratori e muratoriscalpellini.

Conservazione di Jetawanarama

Jetawanrama fu nascosto nella giungla fino al 1909. Il monaco Kumbuke Dhammarama del tempio Sailabimbaramaya di Gammanpita ricevette l'approvazione per ripulire lo stupa. Tuttavia, al monaco non fu concesso il permesso di occupare il tempio. Successivamente Polonnaruwe Sobita thera ottenne il permesso di portare avanti lo sgombero del sito, ma l'approvazione fu nuovamente annullata quando il monaco iniziò la raccolta dei contributi. Tuttavia, il monaco si rifiutò di andarsene.

La conservazione di Jetawanrama Stupa è iniziata alla fine degli anni '1990 ed è stata finanziata dai guadagni di tre siti del triangolo culturale di Anuradhapura, Polonnaruwa e Sigiriya. I mattoni sono stati realizzati con la stessa composizione dei mattoni originali utilizzati dagli antichi costruttori di Jetawanrama. La conservazione è stata in gran parte ostacolata a causa di molte ragioni come la guerra del nord-est in Sri Lanka, cortine o mattoni e altri materiali.

Scavo

Gli scavi hanno rivelato manufatti che indicano che lo Sri Lanka era il principale centro commerciale per l'attività commerciale che collegava i paesi del bordo indiano, nonché il Mediterraneo e l'Estremo Oriente, e influenze artistiche che indicano una cultura condivisa nell'Asia meridionale.