Arrivo Del Portoghese In Sri Lanka

Arrivo Del Portoghese In Sri Lanka

Nel 1505, otto anni dopo che Vasco da Gama aveva raddoppiato il Capo di Buona Speranza quando Vira Parakrama Bahu 8 era re di Kottw, Vikrama Bahu, re della regione collinare, e Pararasa Sekaran, re di Jaffna, una flotta portoghese fu costretta dai venti e onde verso l'isola di Ceylon. Il capitano maggiore della flotta era un giovane nobile di nome Don Lourenco de Almeida, figlio del primo viceré portoghese dell'India.

Era partito da Cochin per intercettare le navi musulmane riccamente cariche che, dirette dalla Cina al Golfo Persico, evitavano la rotta abituale, ormai infestata dai portoghesi e passavano per l'isola delle Maldive.

Colto da una tempesta, Don Lourenco fu gettato alla sprovvista sulla costa meridionale di Ceylon e gettato nel porto di Galle (su Galle). Quando seppe che questo paese sconosciuto era la famosa isola di Ceylon, vi si fermò Colombo che gli fu detto era il porto della capitale dell'isola.

Visitare Galle in una gita di un giorno da Colombo
Forte di Galle, la storica città fortificata, dove sbarcarono i portoghesi nel 1505. Oggi è una popolare meta turistica attrazione nel sud dello Sri Lanka e inclusa nella maggior parte dei viaggi di Galle più itinerari toru costa sud.

Colombo

Colombo, allora chiamata Kolamba o Kolomtota, era il principale ancoraggio per le navi e il mercato del commercio dell'isola. Questo commercio, principalmente di cannella, cocco ed elefanti, era nelle mani di commercianti musulmani, discendenti degli arabi marinai. Avevano molti magazzini di bangasala in cui immagazzinavano la loro merce.

La popolazione della città era in gran parte musulmana e c'era una moschea insieme a un cimitero musulmano e un tribunale di giustizia per risolvere le controversie secondo la legge musulmana. La borgata si trovava sulla riva di un ruscello, uno sbocco del fiume Kelani, che entrava in mare vicino all'odierna Pettah. Sopra il ruscello c'era un ponte e strade larghe e larghe intersecavano la città. Alla foce di questo ruscello c'era un ancoraggio abbastanza sicuro per le navi.

I musulmani

I musulmani erano oggetto di odio per i portoghesi. Questi ultimi erano cristiani, gli ex maomettani, e tra i due per molti secoli avevano imperversato le guerre conosciute come le Crociate. Inoltre, lo scopo delle esplorazioni portoghesi era quello di strappare il commercio dell'India e il suo profitto ai musulmani che erano stati padroni dei mari indiani per molti secoli.

Al giorno d'oggi i commercianti rivali si escludono a vicenda per competizione pacifica, ma in quei tempi difficili lo facevano per pura forza e aperta pirateria. I portoghesi e i musulmani, quindi, si combattevano ovunque si incontrassero, e i mercantili portavano sempre armi e generalmente navigavano insieme per un aiuto comune.

rivali commerciali

Quando Don Lourenco apparve al largo di Colombo, c'erano navi musulmane impegnate a caricare o sbarcare merci, e tutti si allarmarono per l'apparizione inaspettata dell'odiato rivale. Il capitano maggiore, tuttavia, che era stato così recentemente sballottato dalla tempesta ed era venuto a mantenere la comunicazione con il re del paese, non volle essere ostile e assicurò i musulmani delle sue intenzioni pacifiche.

Aveva sentito parlare di Ceylon, delle sue spezie, degli elefanti e delle perle e il suo re aveva persino ordinato a suo padre, il viceré, di esplorare Ceylon. Felice, quindi, di essere giunto inaspettatamente sull'isola, desiderava inviare un'ambasceria al re e chiedeva informazioni ai capitani musulmani.

Non erano disposti a far sapere ai loro rivali quanto fosse fruttuosa e giusta quest'isola, e cercarono di dissuadere il comandante portoghese dall'entrare in trattative con il re singalese. Su loro istigazione, i cittadini di Colombo attaccarono un gruppo del marinaio che era andato a riva per legna e acqua, ma una scarica di cannone della nave presto liberò le coste.

Vasco Da Gama arrivò in Sri Lanka nel 1505 e il re dello Sri Lanka era Vira Parakrama Bahu. Il re fu informato dell'arrivo di stranieri nel porto di Colombo. Secondo una cronaca singalese, la Rajavaliya, il messaggio fu pronunciato in questa forma.

“C'è nel nostro porto di Colombo una razza di gente, chiara di pelle e avvenente. Indossano giacche e cappelli di ferro; non riposare un minuto in un posto, ma cammina qua e là. Mangiano pezzi di pietra e bevono sangue. Danno due o tre monete d'oro e d'argento per un pesce o un lime. Il rumore del loro cannone è più forte del tuono quando esplose sulla roccia di Yugandhara.

Il re convocò prontamente il suo consiglio e su suo consiglio decise di accogliere il nuovo arrivato. Di conseguenza furono inviati messaggeri con i frutti del paese per dare il benvenuto ai visitatori in nome del re.

Don Lourenco fu così soddisfatto del messaggio che inviò Fernao Custrim, uno dei capitani della flotta, come inviato a Kotte. I consiglieri reali, tuttavia, avevano ritenuto pericoloso far vedere allo straniero che Kotte era così vicino a Colombo, e l'inviato portoghese fu guidato per tre giorni da un percorso tortuoso, in salita e in discesa.

La gente di Ceylon che ha sentito parlare dello stratagemma pensava che i portoghesi fossero stati ingannati e fino ad oggi un percorso tortuoso è chiamato in singalese " mentre i portoghesi andavano a Kotte", Ma il capitano di una nave che aveva trovato la sua strada attraverso l'oceano da Lisbona in India non poteva essere facilmente ingannato nei suoi comportamenti.

Don Lourenco, inoltre, aveva preso la precauzione di trattenere l'ostaggio per il ritorno sano e salvo del suo inviato e aveva accettato di sparare a ogni giro della clessidra. Dalla detonazione della pistola, Cutrim capì abbastanza chiaramente che era stato condotto in modo indiretto, ma non se ne accorse, poiché non sembrava che ci fosse intenzione di fare del male.

Fu incaricato di pagare i complimenti del comandante e di chiedere se il re avrebbe stipulato un trattato con il portoghese. Sebbene non vedesse il re né conversasse con lui, gli fu assicurato che il re sarebbe stato lieto di stringere un'alleanza. Con questo messaggio, Curtrim tornò insieme ad alcune persone ed elefanti del re per condurre un ambasciatore.

Payo de Souza fu quindi scelto da Don Lourenco per servire il re per negoziare un trattato. Per comprendere l'oggetto di questo trattato bisogna sapere che lo scopo dei portoghesi era il commercio, e quel commercio e quel commercio un monopolio. I re ei principi dell'India furono invitati a cedere questo monopolio al re del Portogallo, in cambio della protezione delle loro coste.

Se accettavano, veniva redatto un trattato che esprimeva questo patto in termini di vassallaggio feudale. Tale trattato Payo de Souza ha proposto al re di Kotte in un'udienza. Di questa prima ambasciata europea presso un re cingalese, esiste una descrizione classica data dal re del Portogallo al Papa di Roma quando annunciò al pointiff la scoperta di Taprobane.

Re di Kotte e presa portoghese sullo Sri Lanka

L'imperatore nominale di Ceylon all'arrivo dei portoghesi nello Sri Lanka era Vira Parakrama Bahu (1484-1509) che era un uomo anziano e aveva affidato il governo del suo regno ai suoi figli. Il più anziano in seguito Dharma Parakrama Bahu, regnò a Kotte; Vijaya Bahu era a Dondra nel sud, Rajasinghe era a Menikkadavara nei Quattro Korales e un altro il cui nome non è noto a Raigama.

Due dei nipoti del re, Sakalakala Valla e Taniya Valla, governarono a Udugampola e Madampe. I due figli maggiori erano pretendenti rivali all'impero ed entrambi affermano nelle loro concessioni di essere i Chakravarti di Ceylon nell'anno 1509, che a quanto pare è l'anno della morte del padre.

Il regno di Vira Parkarama Bahu è stato disturbato in vari modi. Un pirata del Malabar di Kayalpatanam ha invaso la costa nord-occidentale e ha pescato nel Golfo di Mannar. I principi di Madampe e Udugampola marciarono contro di lui con una grande forza di uomini ed elefanti e sconfissero completamente i Malabar.

Vikrama Bahu, il re della regione montuosa, iniziò ad affermare la sua indipendenza trattenendo il consueto tributo, ma il principe dei Quattro Korale invase il suo regno e chiese il pagamento di due mancanze di fanam ed elefanti e la figlia del re in moglie, successivamente tentò di invadere i Quattro Korales, ma fu nuovamente sottomesso dal principe di Udugampola e costretto a inviare un ombrello di perle, un divano, uno scudo e una collana.

Alla morte dell'anziano re, i due figli maggiori si disputarono la successione. Dharma Parakrama Bahu, che aveva governato a Kotte durante la vita di suo padre e aveva ricevuto l'ambasciatore portoghese, aveva molti sostenitori a Kotte. Volendo ottenere truppe portoghesi per intimidire suo fratello, inviò un messaggio al viceré per le truppe e si offrì di dare un sito per una fortezza a Colombo. Poiché i portoghesi erano troppo occupati in quel momento, l'offerta non ha funzionato.

I portoghesi furono quindi impegnati nel tentativo di cacciare il rivale musulmano dalle acque indiane erigendo fortezze a Malacca, Ormuz e Aden. Malacca, situata tra Sumatra e la penisola malese, comandava il commercio indiano con la Cina.

Ormuz comandava la rotta marittima per Bassora attraverso il Golfo Persico e il traffico di carovane da Bassora ad Aleppo, Trebisonda e Damasco, da dove le navi veneziane andavano a prendere i prodotti indiani per la distribuzione in Europa. Aden, allo stesso modo, sorvegliava la rotta marittima per Suez, da dove le merci venivano trasportate dai cammelli al Cairo e lungo il Nilo fino ad Alessandria e infine a Venezia. Così Malacca, Ormuz e Aden erano le chiavi del commercio indiano.

Alfonso de Albuquerque, che era succeduto ad Almeida come viceré, fece di Goa il quartier generale dello stato portoghese in India e fortificò Malacca e Ormuz. Il suo successore, Lopo Soarz, de Albergaria, cercò di prendere Aden, ma non riuscendoci si affrettò a eseguire gli ordini che aveva ricevuto dai suoi di erigere una fortezza a Ceylon che si trovava sulla rotta commerciale verso l'Estremo Oriente ed era il pozzo -noto punto di riferimento della navigazione orientale.