Le vacanze a Kalutara sono molto più che sole, mare e sabbia

Le vacanze a Kalutara sono molto più che sole, mare e sabbia

Cosa ne pensi al movimento di Vacanza nello Sri Lanka? Una vacanza in una splendida destinazione turistica tropicale con spiagge incontaminate come Kalutara e persone cordiali e amichevoli è possibile evocare. Tuttavia, a differenza del precedente, lo Sri Lanka è una destinazione turistica con un'industria del turismo diversificata e offre molto di più di un vacanza al mare in Sri Lanka.

Vacanza culturale, vacanza avventurosa, vacanza al mare, viaggiare su fattori di salute come i trattamenti ayurvedici, esplorazione della foresta pluviale, escursioni naturalistiche, vacanze nella natura, lo chiami lo Sri Lanka ce l'ha. Questa minuscola isola è ricca di una vasta gamma di attrazioni per le vacanze.

Tuttavia, ciò che è ovvio tra la maggior parte dei viaggiatori, che scelgono Kalutara per la loro vacanza al mare, è la mancanza di entusiasmo per trascorrere un po' di tempo nella città di Kalutara.

La maggior parte dei viaggiatori incontra raramente la città. La maggior parte di loro si impegna brevi viaggi in Sri Lanka a luoghi turistici popolari. Gita di un giorno a Dambulla e Sigiriya, Gita di un giorno a Galle, tour di un giorno alla città di Colombo sono alcune delle attività popolari tra i viaggiatori a Kalutara.

La spiaggia di Bentota e la spiaggia di Kalutara condividono il spiaggia della costa occidentale. Pertanto, la spiaggia di Kalutara e la spiaggia di Bentota mostrano molte somiglianze. Tuttavia, Bentota è molto popolare per Tour della spiaggia dello Sri Lanka grazie alla sua posizione.

Entra nella città di Kalutara per avere una visione migliore della vita dello Sri Lanka e pensare come un locale. Puoi trovare molte attrazioni intorno al tuo hotel a Kalutara che non richiedono biglietti d'ingresso, ma comunque attraenti come le attrazioni turistiche più ambite.

Prova a trovare le attrazioni che si adattano ai tuoi gusti per un'escursione di un giorno come tour di un giorno da Bentota a Kandy oppure ti basta un'escursione di mezza giornata per esplorare la maggior parte dei luoghi della zona. I tour operator come Seerendipity tours organizzano il tuo trasporto verso questi luoghi.

Storia di Kalutara Sri Lanka

Uno dei primi avvisi di Kalutara nel periodo dell'occupazione olandese è di Christopher Schwitzer, un avventuriero, che prese servizio sotto la Compagnia Olandese delle Indie Orientali e tenne un diario. Sotto lo stato 22nd Nell'aprile 1677 scrisse: “Sono stato inviato con 30 soldati al forte di Kalutara per farvi aggiungere alcuni nuovi bastioni.

Questo apparentemente fu il primo tentativo fatto dagli olandesi di rimodellare il folle forte portoghese. Van Goens, governatore olandese e commissario alla guerra, assicurò anche in questo caso che una buona strada collegava Kalutara con Colombo, "lungo la quale otto uomini potevano marciare fianco a fianco, portando con sé cannoni da campo".  

Nel diciottesimo secolo, la storica collina di Kalutara fu trasformata in un forte residenziale compatto completo di fossato e ponte levatoio. Le fortificazioni sulla sommità terminavano in quattro rondelle, o angeli, vistosamente sormontati da bartizans o garitte di pietra pittoresche e pittoresche a forma di vasi di pepe. Lo spalto, o spazio aperto che circondava il Forte, si estendeva verso ovest e verso sud, corrispondente all'odierna spianata.

Si racconta che la pietra per il forte fosse portata come zavorra nelle navi che tornavano ai porti di origine piene fino a traboccare di merci dell'est: cannella, olio e spezie. Per integrare la cannella indigena, il Olandese introdotto caffè di qualità molto superiore e pepe.

Quest'ultima, oltre ad essere redditizia e facilmente coltivabile all'ombra, si rivelava utile per colmare gli interstizi nei depositi di cannella per l'esportazione in Europa. Coltivavano anche la canna da zucchero con profitto e senza dubbio avrebbero piantato la gomma se fosse stata commerciabile in quei giorni. C'era sicuramente un vantaggio nel coltivare lo zucchero: da esso, almeno, "alcuni olandesi distillavano rum", anticipando di molti anni Gal Oya.

Ma l'unica eredità duratura dell'occupazione olandese è il sistema di canali, che ha svolto un ruolo non secondario nell'arricchimento del distretto. Su questi corsi d'acqua costruiti dai loro ingegneri idraulici, arrack delle distillerie, fibra di cocco e tutti i prodotti agricoli del distretto, che trovavano acquisto nei mercati esteri, venivano trasportati in Padda barche ai magazzini di Colombo per la spedizione.

Si tentò anche di collegarsi con la rada di Barberyn (Beruwala), ma i lavori furono interrotti ai piedi di Maggona, tre quinti del canale erano stati tagliati.

Nel febbraio 1796 il forte di Kalutara fu ceduto alle truppe britanniche del generale Stuart. Non rimase a lungo presidiato dopo la capitolazione di Kandy nel 1815.

C'era un tempo in cui uno degli edifici all'interno del Forte veniva utilizzato come ritiro di campagna da un segretario capo, l'on. Giovanni Rodney. In una grande occasione, dicono che abbia fatto sparare saluti da una "batteria di bambù". Anche qui, nel 1824 seppellì un figlio neonato, e costruì sulla tomba una piramide di mattoni, che reca un patetico epitaffio che invita i posteri “a rispettare e risparmiare i resti del nostro bambino”.

La città era in questo momento, 130 anni fa, descritta concisamente come "una località preferita per gli invalidi, con le sue passeggiate ombrose e il clima fresco e salubre". A un quarto di miglio dal forte c'era il bazar. “Soprattutto in una strada, costruita in pietra con tetti di paglia abitata da cingalesi e discendenti neri del Portoghese.” L'edificio olandese che ospitava il comandante della stazione si è fatto strada per fare spazio al nuovo tribunale di Kalutara. È stato a lungo utilizzato come casa di riposo e successivamente come tribunale di polizia.

Kalutara Durante l'era coloniale britannica

Kalutara, al giorno d'oggi, si crogiola nel romanticismo dell'albero della gomma. Secondo le informazioni storiche, nella regione c'erano acri e acri di campagna ondulata adiacente alle risaie e all'orto del villaggio.

Quelle preziose coperture forestali iniziarono a diminuire con l'avvento dei governanti britannici nell'isola, il Na, o albero di ferro con la sua giovane foglia rossa e i dolci fiori bianchi, il massiccio Teak, il luminoso Nadun, il fruttuoso Jak, tutti alberi di legno duro abbattuto e bruciato. I teneri alberelli di gomma furono piantati sulle terre sgomberate.

I piantatori britannici gestivano le grandi tenute che coprivano quasi ogni lato della collina. Le case dell'agenzia hanno aiutato il proprietario o gli azionisti con grandi profitti e dividendi. E mentre la città e il distretto percepivano rosee visioni di boom - che spesso, come lo splendore di un tramonto glorioso, preannunciavano il tempestoso cambiamento che seguiva - si levava il grido di terra, più terra, per piantare alberi di gomma e fare fortuna.

Capitava di essere stato nel bel mezzo di esso esaminando le domande per ampi tratti di foresta della chioma che sono stati venduti all'asta pubblica. Il terreno veniva venduto a un prezzo molto basso di 50 rupie per acro. Allora c'erano poche strade e si raggiungeva l'entroterra sulla frontiera Sabaragamuwa risalendo i fiumi in canoa.

L'ambizione e la strategia straniera hanno infranto questo distacco di cui Kalutara aveva goduto dall'inizio dei tempi. All'inizio del diciassettesimo secolo, un ingegnere portoghese gettò lo sguardo sulla collinetta che da un punto di vista militare comandava così efficacemente l'attraversamento del fiume e l'avvicinamento da Colombo.

Da allora in poi, Gangatilaka Vihara non conosceva più il suo posto. Palizzata e taipai, o muri di terra, vennero invece innalzati sul verde pendio della collina e la sua sommità fu montata con l'artiglieria. Così Kalutara entrò in una nuova fase.

Il distretto fu teatro di molti scontri combattuti tra le forze di Mayadunne e Vidiya Bandara, e fu anche qui che il giovane figlio di Mayadunne, poi Raja Sinha il primo, di gloriosa memoria, schierò le sue forze, e con il Portoghesi come alleati all'epoca, marciarono per fare la storia del distretto, a Pelanda. Gli anni passarono fino a quando arrivò una sfida al potere portoghese da parte di un nuovo e formidabile invasore.

Tempio di Gangatilaka Kalutara

If Kalutara è uno dei posti migliori per le gite di un giorno in Sri Lanka da Colombo e località balneari della costa occidentale grazie alla sua posizione sulla costa occidentale, tra Colombo e Bentota. È ovvio, hai molte opportunità di vedere spiagge incontaminate baciate dal sole a Kalutara, ma chi ama vedere l'angolo spirituale dello Sri Lanka dovrebbe fare un salto in uno dei templi buddisti della zona. Kalutara è una città buddista con uno dei templi buddisti più grandi e storici della regione.

Il tempio ha un enorme dagoba con un'affascinante collezione di dipinti religiosi sulla parete interna. Di solito, i dagoba sono strutture solide, ma Dagoba a Kalutara è cavo e i devoti possono entrare nel dagoba. Il tempio risale a molti secoli ed è situato in una posizione pittoresca al confine con Kalu Ganaga o fiume nero.

La strada dell'hotel è allineata con centinaia di negozi che sono riforniti di souvenir, vestiti, spezie, gioielli e molti altri articoli richiesti dai turisti. La strada dell'hotel è la strada principale che conduce al località di Kalutara e spiaggia la zona.

Oltre ai negozi, ci sono un gran numero di bar e ristoranti aperti che consentono ai turisti di bere o mangiare tranquillamente mentre si godono l'atmosfera dello shopping. Se ti piace comprare un souvenir a un prezzo accessibile, è meglio che ti dirigi verso la strada degli hotel di Kalutara. Un gran numero di negozi significa che hai la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di prodotti e prezzi e non dimenticare di contrattare.

Giardini delle spezie

Le spezie sono uno dei prodotti più esigenti tra i viaggiatori, che spendono a vacanza nello Sri Lanka. Conoscendo l'entusiasmo tra i turisti per conoscere le spezie, le persone hanno stabilito alcuni giardini delle spezie vicino al località balneare di Kalutara.

Questi giardini si rivolgono in particolare ai viaggiatori stranieri e i turisti sono in grado di ottenere molte informazioni sulle varie spezie disponibili sull'isola. I viaggiatori non solo possono vedere le spezie nel loro habitat naturale, ma hanno anche l'opportunità di acquistare spezie fresche e non miscelate a prezzi molto convenienti.

Fare un giro in barca a Kalutara

Fare un giro in barca lungo il Kalu Ganag è il modo migliore per godere di uno degli affascinanti ecosistemi fluviali dell'isola. Di solito, un giro in barca dura circa un'ora e si ha facile accesso a molti diportisti individuali vicino alla città. Sei in grado di vedere un gran numero di specie di mangrovias insieme a molti numeri di specie di uccelli acquatici, pesci e diversi animali come coccodrillo, monitor dell'acqua e scimmie.

Visita al mercato di Kalutara

A Kalutara c'è un mercato ortofrutticolo e poi c'è un mercato del pesce, che offre centinaia di varietà di frutta, spezie, verdura, noci e pesce e carne in un unico posto. Fai una piacevole passeggiata attraverso il mercato con la tua famiglia e i tuoi amici e guarda un gran numero di frutta e verdura dello Sri Lanka. Attira le tue papille gustative con gustosi frutti freschi. Entra in un ristorante locale in città se hai sete e ordina a Tè di Ceylon preparato secondo la ricetta locale.

Osservazione delle tartarughe

Ci sono otto specie di tartarughe marine che vivono nel mondo e lo Sri Lanka ne è la patria cinque specie di tartarughe marine. Raramente si può trovare un paese in cui si trovano fino a cinque specie in un posto come la costa occidentale dello Sri Lanka.

Le tartarughe marine visitano regolarmente l'ovest, il sud e l'est dell'isola per deporre le uova. Le tartarughe marine sono considerate una specie animale minacciata nel mondo e sono ben protette entro i confini dell'isola grazie alle rigide norme e regolamenti sulla conservazione degli animali del paese.

Il numero di animali che nidificano sulla costa dello Sri Lanka è aumentato in passato e ora possono essere osservati spesso sulla costa dello Sri Lanka. Soprattutto la costa occidentale è famosa per l'osservazione delle tartarughe sull'isola.

L'affascinante esperienza di osservare le tartarughe può essere vissuta spesso nell'area di Kosgoda e Induruwa. In queste aree si possono visitare centri di ricerca sulle tartarughe e centri di conservazione delle tartarughe gestiti da alcune organizzazioni e privati.