Il tentativo britannico su Ceylon

Il tentativo britannico su Ceylon

Nel 17th secolo, quando il trono di Kandy era passato ai Nayakkar dell'India meridionale dal re Rajasinghe, iniziarono i rapporti tra il re di Kandy e gli inglesi. Nel 1761, quando il re Kirthisri si adirò contro gli olandesi, cercò l'assistenza degli inglesi su suggerimento dei suoi parenti Nayakkar che conoscevano la compagnia inglese a Madras.

A vachil fu inviato ad intimare al presidente del Forte di St.George che il re sarebbe stato lieto di ricevere un'ambasciata degli inglesi per concordare misure per l'espulsione degli olandesi da Ceylon (Sri Lanka). Gli inglesi erano allora in pace con gli olandesi e non potevano violare apertamente i loro obblighi del trattato con quella nazione, ma erano ansiosi di avere un insediamento a Ceylon e una quota del commercio di cannella.

Di conseguenza, John Pybus, un membro del Consiglio di Madras, fu inviato in un'ambasciata a Kandy, in vista dell'azione futura, ciò che il re era disposto a dare in cambio dell'assistenza contro gli olandesi.

Portoghese-ceylon

Pybus arrivò a Kandy a Trincomalee nel 1762 e fu condotto nella capitale, ma il re e i suoi cortigiani rimasero molto delusi scoprendo che l'ambasciatore britannico non era in grado di promettere alcuna assistenza contro gli olandesi, ed era solo intento ad accertare quali concessioni che il re avrebbe fatto in caso di loro assistenza, Pybus disse che desideravano avere un insediamento a Kottiyar, Batticaloa o Chilaw, e il monopolio del commercio. Il re era ben disposto a concedere tutto questo e ancor di più se gli inglesi si fossero impegnati ad aiutarlo contro gli olandesi, ma poiché l'ambasciatore non avrebbe fatto alcuna promessa, nulla fu concluso.

L'ambasciatore, quindi, è tornato a Madras mal impressionato dalla corte di Kandy. Il re ei cortigiani avevano un'idea così esagerata della loro importanza ed esigevano umiliazioni così abiette dall'ambasciatore che le trattative furono ripetutamente sul punto di interrompersi bruscamente. Ma Pybus, essendo arrivato così lontano, non voleva tornare senza udienza e si sottomise al cerimoniale con malagrazia, essendo

Il secondo tentativo degli inglesi di impadronirsi degli insediamenti olandesi a Ceylon fu fatto nel 1795 e fu coronato dal successo. Durante la guerra d'indipendenza americana lo statolder ereditario d'Olanda, Guglielmo IV d'Orange, rimase filo-inglese mentre i suoi sudditi simpatizzavano con le colonie in rivolta. Ciò rese William molto impopolare nel paese e fu necessario l'intervento della Prussia per mantenerlo al potere.

L'Olanda divenne parte del trattato del 1788 concluso all'Aia in base al quale gli inglesi e gli olandesi si impegnavano ad aiutarsi a vicenda contro gli attacchi ostili di qualsiasi potenza europea in India. Così gli inglesi e gli olandesi iniziarono rapporti reciproci. I primi intervennero con i loro buoni uffici per portare la pace tra gli olandesi e il raja di Cochin, nel 1789 la compagnia inglese fornì riso a Colombo, e gli olandesi a loro volta inviarono truppe per assistere gli inglesi nelle loro guerre indiane.

navi mercantili

La Repubblica Batava

Ma nel 1794 la Repubblica francese portò la guerra in Olanda, conquistò quel paese e istituì la Repubblica Batava a imitazione di quella francese, costringendo lo stadtholder a fuggire in Inghilterra. La Gran Bretagna allora dichiarò guerra alla Repubblica di Batavia, e quella sembrò una buona opportunità per la compagnia inglese di occupare i tanto agognati insediamenti a Ceylon.

Quando la notizia di questa rivoluzione giunse a Colombo attraverso un canale non ufficiale; il consiglio si riunì il 12 luglio 1795 e decise che se gli inglesi li avessero attaccati, sarebbero stati dichiarati che, non avendo informazioni ufficiali sul cambio di governo, avevano aderito alla vecchia costituzione dello Stato generale con uno stadtholder; che il consiglio pensava avrebbe rimosso ogni scusa per le ostilità. Se invece gli inglesi dovessero essere ancora ostili, difenderebbero Colombo, Galle e Trincomalee al meglio delle loro forze.

Obiettivi inglesi

Ma nel frattempo, lo stadtholder fu convinto dai suoi ospiti inglesi a inviare un ordine al Capo di Buona Speranza ea Ceylon per ammettere truppe e navi inglesi per impedire che le colonie venissero sequestrate dai francesi. Questa lettera è stata inviata a Ceylon tramite il governatore di Madras, Lord Hobart, insieme a navi e truppe. Mentre la flotta portava truppe a Trincomalee, il maggiore Agnew venne a Colombo per consegnare lo stadtholder.

Sul 14th di febbraio, il maggiore Agnew venne con una bandiera di tregua per chiedere la resa della città e fu condotto con molte cerimonie al forte. Il consiglio si riunì per discutere la situazione, anche se era evidente a tutti che le autorità intendevano arrendersi poiché avevano permesso all'esercito invasore di avanzare incontrastato fino alle porte della città, cambiando idea

In questa fase si verificò un nuovo sviluppo. Il consiglio di Colombo ha ricevuto informazioni che il cambiamento nella costituzione dell'Olanda era stato fatto con il consenso del popolo e che quindi era tenuto a stare dalla parte della repubblica. Decisero quindi di non sottomettersi alla protezione degli inglesi su ordine dello stadtholder esiliato e ritirarono la loro accettazione dell'offerta di truppe e decisero di difendere i loro possedimenti, vale a dire Colombo, Galle e Trincomalee.

Resa di Trincomalee

Le forze britanniche prima che Trincomalee venisse immediatamente informata di questa decisione passarono all'azione e aprirono le loro batterie a Fort Fredrick il 23 agosto. In tre giorni fu aperta una breccia e il forte fu chiamato ad arrendersi. La guarnigione ha chiesto termini impossibili, dopodiché è stato raccomandato il bombardamento. Quindi le truppe all'interno del forte si ammutinarono e issarono la bandiera bianca. I termini della capitolazione erano i seguenti, come risulta dallo scritto originale tuttora esistente.

Riduzione di altri forti

Il forte di Oostenberg che domina il porto fu poi assediato e capitolato il 31st agosto, nello stesso termine. Un distaccamento del maggiore Frase procedette verso Batticaloa, che si arrese il 18th di Settembre. Il 24th, il colonnello Stuart partì per la riduzione dei restanti forti olandesi.

Point Pedro è stato occupato il 27th, e il giorno successivo fu convocato il forte di Jaffna e il comandante Raket si arrese con la guarnigione composta da 39 europei e 98 sepoy. Chiesero di essere inviati a Colombo, ma gli inglesi rifiutarono e li presero come prigionieri di guerra. Il forte fu occupato dalle truppe britanniche e gli uomini del reggimento de Mauron presero servizio sotto gli inglesi.

On 1st Ottobre un distaccamento del capitano Monson occupò la città di Mullaitivu, mentre il forte e l'isola di Mannar si arrendevano al capitano Burton Gage Barbut il 5th, la richiesta del presidio da inviare a Colombo è stato rifiutato. Un distaccamento arrivato da Pamben al comando del capitano Bowser fu inviato contro il forte di Kalpitiya che si arrese il 13th Novembre all'atto della convocazione.

Modifica del controllo della regione marittima tra olandesi e inglesi

Il controllo del regione marittima dello Sri Lanka fu pacificamente cambiato nelle mani degli olandesi e degli inglesi. C'erano molte buone ragioni per la resa degli olandesi. Quando il consiglio della Compagnia Olandese delle Indie Orientali decise nel luglio 1795 di resistere alle richieste inglesi, c'era qualche speranza di aiuto o istruzioni dall'Olanda o da Batavia o dai loro alleati francesi; ma mai una parola venne da nessuno di loro.

Si è parlato anche che Tippu Sultan avrebbe causato una divisione, ma non ha avuto luogo. C'era nei magazzini della Compagnia un immenso stock di merce non esportata e del valore di venticinque lac di rupie. Il credito dell'azienda era a un livello molto basso; i dipendenti della compagnia non venivano pagati da mesi; e per di più, il loro denaro era stato preso in prestito dalla società; i libri contabili della società erano in arretrato e l'amministrazione dovette affrontare il fallimento. In aggiunta a ciò, le truppe locali stavano disertando in gran numero; la maggior parte dei sepoy indiani aveva disertato; Musulmani e malesi fecero lo stesso; le casse del governo erano assolutamente vuote; una forza kandiana si aggirava intorno alle frontiere e non c'era speranza di resistere per più di tre giorni al massimo. Se la città capitolava, c'era qualche possibilità di ottenere condizioni eque, ma se rifiutava, avrebbe dovuto capitolare a discrezione. Quindi tutto sommato la cosa migliore era capitolare.

Termini di capitolazione

Gli inglesi diedero condizioni molto onorevoli e vantaggiose. Tutto funzionari olandesi erano autorizzati a rimanere come individui privati ​​sull'isola con un ragionevole mezzo di sussistenza previa approvazione del governo di Fort St.George. Coloro che desideravano lasciare l'isola potevano farlo con tutti i loro effetti esentasse. I militari dovevano essere prigionieri di guerra e convogliati a Madras a spese degli inglesi. Il clero doveva continuare nelle sue funzioni e ricevere la retribuzione come da Compagnia.

Ai dipendenti della Compagnia furono concessi diciotto mesi per aggiornare i loro libri pagati dagli inglesi. Tutte le cause pendenti dovevano essere decise entro dodici mesi nei tribunali esistenti, tutti i documenti e i testamenti notarili dovevano continuare ad essere in vigore e il governo inglese si assumeva la responsabilità di tutte le cambiali del governo olandese fino a un massimo di £ 50,000, e pagherebbero un interesse del tre per cento fintanto che detenessero le terre da Chilaw a Matara. Se dovessero essere restituiti agli olandesi, la responsabilità ricadrebbe sulla società.

La città ha consegnato gli inglesi

A queste condizioni, gli olandesi si impegnarono a consegnare fedelmente Colombo e gli interi luoghi da essa dipendenti come Kalutara, Galle e Matara, con tutte le mercanzie, i magazzini e i beni pubblici a terra o caricati sulle navi. Questi termini sono stati eseguiti alle dieci del 16th e tutti gli insediamenti della Compagnia Olandese delle Indie Orientali passarono in possesso della Compagnia Inglese delle Indie Orientali, senza lotta, senza perdita di vite umane, senza molte spese e senza permesso o impedimento da parte del re di Kandy.

I francesi non sono riusciti ad annettere Ceylon alla loro colonia

In Francia, come in Olanda e in Inghilterra, le società si sono formate dal commercio in Oriente. Nel 1664 le compagnie precedenti furono fuse in una Compagnia delle Indie Orientali con il sostegno reale. Francois Caron, il francese che aveva servito la compagnia olandese e aveva riconquistato Negombo nel 1644, offrì il suo servizio ai suoi connazionali e li convinse a cercare un porto a Ceylon. Caron è stato nominato direttore generale in India e ha deciso di intraprendere l'impresa. Ha fondato una fabbrica francese a Surat e ha comunicato con Rajasinghe tramite un commerciante portoghese.

Ammiraglio de la Haye

Presto seguì uno squadrone reale francese sotto l'ammiraglio de la Haye. Prendendo Caron a bordo partì per Ceylon e arrivò a Trincomalee nel marzo 1672. Gli olandesi abbandonarono immediatamente il forte di Kottiyar e si recarono a Trincomalee.

De la Haye e Caron hanno scelto le due isole nella baia di Trincomalee. De La Haye e Caron scelsero le due isole nella baia di Trincomalee per il loro forte e fabbrica e inviarono inviati a Rajasingha per annunciare il loro arrivo. Una spia inviata dagli olandesi venne ad assicurare ai francesi che il re era in pace con gli olandesi e non aveva bisogno dell'aiuto dei francesi, ma l'ammiraglio non gli fece caso. Allora gli olandesi inviarono all'ammiraglio un ordine perentorio di lasciare la baia, cosa che il francese trattò con disprezzo.

Trattato con i francesi

Nel frattempo, l'inviato inviato a Kandy è tornato con due capi e un numeroso seguito, e il 6th A maggio fu stipulato un trattato tra i francesi e Rajasinghe, che concedeva ai francesi i porti di Trincomalee, Kottiyar e Batticaloa. Ma gli uomini del re non portarono provviste per la flotta francese, e l'ammiraglio inviò a Kandy un uomo di nome de la Nerolle per sollecitare le provviste.

Il messaggero, non abituato alla diplomazia, si comportò in modo così arrogante a corte che il re lo picchiò e lo incatenò. Nel frattempo, la flotta aveva un disperato bisogno di vettovaglie e salpò per l'India, lasciando una guarnigione nel forte. Non appena la flotta salpò, gli olandesi assediarono il forte e, sebbene un generale di Rajasinghe avesse messo in rotta la prima avanzata delle truppe olandesi, la guarnigione dovette arrendersi con l'esplicita comprensione che la capitolazione non avrebbe intaccato i loro diritti al forte. Gli olandesi portarono i prigionieri francesi per l'esposizione di porto in porto come miserabili resti della flotta francese.