SULLO SRI LANKA

Colombo, il centro commerciale dell'isola

SULLO SRI LANKA

Marco Polo considerava lo Sri Lanka l'isola più bella al mondo delle sue dimensioni. La piccola isola dello Sri Lanka si trova nell'emisfero australe, a sud della terraferma indiana. Cosa prende la tua fantasia? Spiagge? Il tratto costiero a sud di Colombo offre distese sabbiose fiancheggiate da palme a perdita d'occhio.

Si può trovare abbastanza architettura antica e stimolante nelle città di Anuradhapura e Polonnaruwa durante le vacanze in Sri Lanka. Dirigiti verso il Nuwara Eliya per sfuggire al caldo delle pianure, dove la costa sfuma per rivelare splendide colline ondulate spesso tappezzate piantagioni di tè. L'intera isola pullula di uccelli ed esotici come elefanti e leopardi non sono rari.

Nuwara Eliya è uno dei più popolari destinazioni per i tour dello Sri Lanka ad esempio Viaggio di 5 giorni in Sri Lanka a sud Sri Lanka e viaggio di 3 giorni a Paese collinare dello Sri Lanka.

Lo Sri Lanka in una prospettiva di destinazione turistica

Più di due milioni i turisti viaggiano in Sri Lanka, come turista, per lavoro, come studente o per motivi di salute. La maggior parte dei viaggiatori arriva qui come turista e prenota tour dello Sri Lanka e pacchetti vacanza al mare. Un altro numero considerevole di viaggiatori prenota pacchetti vacanza ayurvedici in Sri Lanka e soggiorna per diverse settimane in un hotel ayurvedico. Ciascuno di loro ha cercato una guida, come altri se sono saggi, sulle attrattive paesaggistiche e sulle strane usanze da incontrare.

Nulla è più adatto alle cause della comprensione e della buona volontà internazionale. Ma quasi per un individuo, i visitatori dall'estero non possono fare a meno di commentare la mancanza di intraprendenza e lo scarso interesse dedicato alle attrazioni dello Sri Lanka, a parte il suo sole e le sue colorate risorse paesaggistiche. Sembra quindi che ci siano poche speranze di mantenere l'interesse di un gran numero di turisti e visitatori provenienti dall'estero, fino a quando le persone in cerca di salute e piacere più vicine a casa non aiuteranno divulgando questi beni e mettendoli sulla mappa.

'Dove andare durante il viaggio in Sri Lanka?' o 'Cosa c'è da vedere?' sono domande frequenti dei turisti. Naturalmente molto dipende dalla propria inclinazione e dai propri interessi. Per quanto diversificati o diversi possano essere, sembra possibile soddisfarli tutti su questa piccola isola.

Monumenti storici di Anuradhapura

Se è l'aria fresca o il paesaggio aspro quello che cerchi, ci sono decine di resort situati negli altopiani centro-meridionali, dove colline accatastate su colline e catene montuose su catene, apparentemente si fermano all'altezza di Nuwara Eliya.

Le associazioni storiche e archeologiche possono essere soddisfatte da escursioni illimitate in molti luoghi meno frequentati, anche se i centri turistici Tempio di Dambulla, Roccia di Sigiriya, P e Anuradhapura non riescono a offrire seduzione. E mentre l'artista può ancora cercare e trovare nelle rovine di questa antica capitale l'ispirazione nell'artigianato che forse ha anche duemila anni conservato nella pietra o nei dipinti, coloro le cui inclinazioni si piegano allo studio delle antiche tradizioni possono ancora esplorare villaggi veramente isolati, dove il tempo non ha ancora distrutto la devozione per le antiche memorie profondamente radicate nell'animo delle persone, e il rispetto per tradizioni, leggende e usanze ereditate da un lontano passato.

La meravigliosa eredità dell'antica civiltà dello Sri Lanka, la magnifica rete di laghi artificiali e canali di irrigazione che hanno unito la vita alla cultura, nelle pianure arse dal sole, hanno un forte diritto all'amministrazione e non possono non soddisfare. O se è l'odore del mare e le possibilità di surf ad attrarre, ci sono galassie di insenature e baie sulla costa che cingono di offrire un fascino irresistibile agli stanchi del lavoro.

Tuttavia, il più delle volte sono le giungle dello Sri Lanka che sembrano esercitare il maggior fascino. Nulla può essere piacevole, con il lavoro e le preoccupazioni lasciati alle spalle e una strada aperta davanti, quindi la prospettiva di una vacanza in regioni poco esplorate e raramente visitate, dove si possono riprendere immagini di abitanti selvaggi che giocano o pascolano in distese aperte e disabitate , o chinarsi sul loro riflesso nella limpida superficie delle tranquille pozze della giungla.

Raggiungere tale solitudine nella giungla è necessariamente irto di un po' più della solita organizzazione. In realtà l'a breve trekking nella giungla dello Sri Lanka non è così difficile al giorno d'oggi come si potrebbe immaginare. Per chi se lo può permettere, il modo migliore per vedere lo Sri Lanka è viaggiare in automobile. La ferrovia e l'autobus contribuiscono in qualche misura a portare molti remoti luoghi di interesse alla portata dei meno fortunati, ma molto dipenderà da come si organizza l'itinerario.

Dati demografici sullo Sri Lanka

Ubicazione: lo Sri Lanka è una minuscola isola nell'Oceano Indiano vicino al punto più meridionale dell'India. Situato a nord dell'Equatore tra 5° – 10° di latitudine nord e 79° – 82° di longitudine est.

Superficie: questa piccola isola ha un'estensione di 65610 chilometri quadrati.

Lunghezza: La larghezza massima del paese è di 225 km mentre è di 425 km dal punto più settentrionale al punto più meridionale dell'isola.

Rilievo: a seconda dell'elevazione, lo Sri Lanka è diviso in due zone climatiche.

Drenaggio: lo Sri Lanka è dotato di un gran numero di fiumi e il fiume più lungo si chiama Mahaweli River, lungo 333 km. A causa dell'abbondanza di fiumi, c'è un gran numero di bellissime cascate nello Sri Lanka. Bambarakanda è la cascata più alta con un'altezza di 240 metri.

La costa incontaminata dello Sri Lanka supera i 1300 km

Comprendere la natura geologica dello Sri Lanka

Iniziamo l'articolo studiando i caratteri geologici dell'isola. Alcune persone presumono erroneamente che lo Sri Lanka sia solo una pianura come le Maldive perché lo Sri Lanka è un'isola e un piccolo paese.

Tuttavia non è affatto vero, circa il 50% dello Sri Lanka è classificato in basso paese (situato sotto i 500 m dal livello del mare), il resto del paese è classificato in regioni semi-montane e montuose, dove l'altitudine oscilla tra 500 m a 2424 m. Il punto più alto dell'isola è Pidurutalagala, che si trova a 2524 m sopra il livello del mare.

Fatti sul clima dello Sri Lanka

Caldo e piacevole tutto l'anno, la temperatura media a Colombo è di circa 27 C° e scende man mano che il terreno sale verso la regione collinare fino a 0 C°. L'isola ha due stagioni umide da maggio a luglio del monsone di sud-ovest e da dicembre a gennaio del monsone di nord-est. Il clima dell'isola non ha bassa stagione. Le giornate calde e soleggiate sono la regola e sono comuni anche durante la stagione delle piogge. La temperatura del mare, di norma, rimane intorno ai 27 C°.

Fatti sullo Sri Lanka Ricchezza naturale

La ricchezza naturale dell'isola è costituita principalmente da foreste pluviali tropicali, bellissime spiagge, affascinante fauna selvatica, magnifici fiumi, montagne e scappamenti. L'isola ha una delle più alte biodiversità della regione ed è classificata come uno degli hotspot di biodiversità nel mondo.

L'isola è la casa di nove siti del patrimonio mondiale e due di loro sono riserve naturali di foreste. La riserva forestale di Sinharaja è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1988, mentre la foresta di Knuckles nelle montagne centrali è stata anch'essa dichiarata patrimonio dell'umanità nel 2010. Sinharaja è l'ultima foresta pluviale rimasta sull'isola con la più alta biodiversità per un dato foresta all'interno dell'isola.

Fatti sulla flora dello Sri Lanka

Il colore verde può essere riconosciuto come il colore dominante di quest'isola, grazie alla sua ricca vegetazione naturale. Ci sono un gran numero di risaie, piantagioni di tè, giungle, piantagioni di cocco e praterie; tutti questi esaltano la bellezza naturale del paese. La copertura forestale primordiale del paese è stimata intorno al 25%, mentre il resto delle foreste dell'isola risale a periodi successivi. La vegetazione è un po' meno verde e cespugli spinosi, savana e cactus nel profondo sud, a nord e in alcune parti dello Sri Lanka orientale, dove si registrano le precipitazioni minime dell'isola.

Gran parte della zona umida è sempre ricoperta da foreste pluviali sempreverdi. Possono essere trovati nelle parti occidentali e sud-occidentali del paese. Sinharaja, la più grande foresta pluviale primordiale, ospita un gran numero di specie di flora, tra cui centinaia di specie di orchidee tropicali. Alcuni di loro come l'orchidea Vesak (Dendrobium macarthiae) sono endemiche dell'isola.

Le montagne centrali dell'isola sono dominate dal tè mentre la terra bassa è dominata dalle palme da cocco. Albero nazionale dell'albero del legno di ferro del paese (Mesua nagasurium) è un altro albero endemico del paese. Il legno è di colore rosso scuro ed è stato spesso utilizzato per costruire ponti e templi in passato.

Oggi è classificato come albero protetto e ogni forma di utilizzo è vietata. Alcuni degli altri alberi popolari sono Suriya Tree (Tespesia populnea), Kumbuk (Terminal Arjuna), Murata (Lagerstroemia spesiosa), albero di tamarindo (tamarindus indica), Attana (Hertiera littoralis). Nell'elenco della flora dell'isola sono incluse anche un gran numero di specie di mangrovie e piante da fiore.

Leopardo dello Sri Lanka

Fauna dello Sri Lanka

Gli animali selvatici dell'isola sono principalmente confinati nei parchi nazionali del paese che coprono circa il 10% del territorio totale. L'habitat naturale degli animali selvatici è stato ridotto in modo allarmante nel 1800 e il tasso di distruzione naturale è rallentato dopo il dominio coloniale britannico. L'elefante (Elephas maximus) è il più grande animale terrestre del paese e aveva un'ampia distribuzione anche in montagna. Oggi si vedono solo nelle foreste di pianura mentre la specie di elefante, che viveva in montagna, è scomparsa per sempre.

La popolazione di elefanti nel paese era in calo durante il periodo coloniale britannico. Ma oggi ancora una volta la popolazione dell'elefante è aumentata a livelli registrati e lo Sri Lanka ha il numero massimo di elefanti selvatici tra i paesi asiatici.

I posti migliori per vedere gli elefanti selvatici sono il parco nazionale di Yala, Udawalawa, Gal Oya, Lahugala, Wilpattu. Il parco nazionale di Yala è classificato tra i posti migliori al mondo per vedere i leopardi. Oltre ai leopardi e agli elefanti, gli animali più visti nelle giungle dello Sri Lanka sono l'orso, il coccodrillo, il bufalo, lo sciacallo, il cinghiale, il cervo e le specie di scimmie.

La giungla dello Sri Lanka è abitata da 95 specie di serpenti e solo cinque specie di loro causano morti tra la gente. Cobra, Vipere e Krait sono classificati tra i serpenti più velenosi e causano migliaia di morti ogni anno. Circa una dozzina di serpenti considerati velenosi ma non porta alla morte.

L'isola è molto ricca di specie di fauna aviaria e ci sono 450 specie di uccelli nel paese. Le risorse idriche come serbatoi, fiumi, lagune attirano un gran numero di specie di uccelli stranieri durante la stagione invernale dell'emisfero settentrionale. L'acqua dello Sri Lanka è abitata da 54 specie di specie ittiche e la maggior parte di esse si trova solo in Sri Lanka.

Geografia dello Sri Lanka

Lo Sri Lanka è diviso in tre zone climatiche a seconda dell'elevazione dal mare. Pianure, Semi Montagne e Montagne ognuna di queste zone climatiche ha caratteristiche diverse per quanto riguarda la temperatura, l'umidità, le precipitazioni e la vegetazione.

Gran parte dell'isola si trova sotto la pianura, che si trova tra i 30 ei 200 metri sopra il livello del mare. Le creste e le valli salgono dalla direzione del sud-ovest dell'isola e si mescolano con le montagne centrali per formare l'altopiano centrale nel mezzo del paese. La formazione delle montagne in direzione sud-est è ripida e l'altopiano centrale sembra un muro in direzione sud-ovest.

Lo Sri Lanka è circondato dall'Oceano Indiano e la fascia costiera intorno al paese è lunga più di 1500 km. La costa intorno al paese è ampia e con spiagge sabbiose ed è frastagliata da lagune sulla costa. Essendo un paese tropicale, lo Sri Lanka è sotto l'influenza del vento dei monsoni, a seconda del mare agitato dei monsoni in alcune parti dell'isola. Da novembre ad aprile c'è il monsone di sud-ovest e l'erosione del mare può essere vista nella parte sud-occidentale del paese. Il monsone di nord-est inizia a novembre e termina ad aprile. Durante questo periodo il mare al largo del nord-est dello Sri Lanka non è adatto ai bagni di mare.

Ci sono più di 100 fiumi sull'isola e la maggior parte di essi è lunga più di 100 km. Il fiume Mahaweli è il fiume più lungo (333 km) e inizia il viaggio dalla montagna sacra (Sripada) dello Sri Lanka e termina il suo viaggio al largo della città portuale della costa orientale di Trincomalee. Oltre al Mmalwatu Oya, tutti i fiumi iniziano nelle montagne centrali dell'isola.

Sulle persone dello Sri Lanka

Secondo le ultime statistiche pubblicate nel 2012, la popolazione dell'isola supera i 20 milioni di marchi. Anche se lo Sri Lanka e l'India si trovano vicini l'uno all'altro, c'è una netta differenza tra le culture di due vicini con alcune somiglianze. Inizialmente, la cultura dello Sri Lanka è stata fortemente influenzata dalle invasioni indiane e dai migranti dall'India.

Lo Sri Lanka è un paese multietnico e multiculturale con un numero di gruppi etnici che vivono in armonia. Il più grande gruppo etnico del paese con il 74% della quota nella società si chiama singalese. L'origine del singalese risale al VI secolo a.C. all'arrivo del singalese dal nord dell'India. Con l'arrivo dei singalesi, i Veddas (popolazione indigena) persero il loro dominio sull'isola. Il secondo gruppo etnico più numeroso del paese si chiama Tamil e comprende quasi il 6% della popolazione.

L'origine del Tamil risale al II secolo aC, l'arrivo degli invasori dell'India meridionale. Ma non erano considerati una parte importante del paese fino al II, III secolo d.C. Il 2% della popolazione dello Sri Lanka è musulmana e l'origine risale all'VIII secolo d.C. I commercianti arabi hanno gettato le basi dei musulmani nel paese. Il resto della popolazione è costituito da altri piccoli gruppi etnici come Malesi, Mori, Weddas, Burghers, Bohras.

La maggior parte dei singalesi crede nel buddismo, rendendolo la religione più popolare del paese. La seconda religione più popolare è l'induismo e il 15.5% si crede sia nell'induismo. La maggior parte dei cristiani sono singalesi, sono stati convertiti al cristianesimo durante il dominio coloniale in Sri Lanka. La popolazione musulmana in Sri Lanka è considerata il 7%, mentre il resto della popolazione crede in altre credenze.

Lingue dello Sri Lanka

Il singalese, una lingua indoeuropea, è la lingua madre del singalese. I tamil e la maggior parte dei musulmani parlano tamil, parte del gruppo linguistico dravidico dell'India meridionale. L'uso dell'inglese è diminuito dall'indipendenza, ma continua ad essere parlato da molti nelle classi medie e medio-alte, in particolare a Colombo. Il governo sta cercando di invertire il declino dell'uso dell'inglese, principalmente per ragioni economiche ma anche politiche. Sia il singalese che il tamil sono lingue ufficiali.

Fatti sull'economia dello Sri Lanka

L'economia dello Sri Lanka oggi si basa principalmente sul settore dei servizi e industriale; tuttavia, anche l'agricoltura svolge un ruolo importante. Le principali industrie dello Sri Lanka includono la lavorazione della gomma, le telecomunicazioni, il tessile, il cemento, la raffinazione del petrolio e la lavorazione dei prodotti agricoli. Le principali esportazioni agricole dello Sri Lanka includono riso, canna da zucchero, tè, spezie, grano, noci di cocco, manzo e pesce.

Anche il turismo e le industrie dei servizi correlati sono in crescita in Sri Lanka. Al momento lo Sri Lanka sta vivendo un boom nel settore del turismo. Il numero di vacanzieri in Sri Lanka è fortemente aumentato negli ultimi anni. Il governo dello Sri Lanka punta a renderlo uno dei più importanti generatori di reddito per il Paese e ha già lanciato un ambizioso programma per raggiungere più di 2 milioni di turisti entro il 2016.

La valuta dello Sri Lanka

La prima valuta utilizzata dello Sri Lanka era conosciuta come Kahapana ed è stato chiamato elding in inglese, Purana in sanscrito. Kahapana era una moneta con simboli su un lato o su entrambi i lati della moneta. Secondo le prove storiche erano in uso dal 3rd Secolo a.C. Le monete erano fatte di metallo e avevano forme diverse come arrotondate, rettangolari, quadrate o ovali. La maggior parte delle monete scoperte erano d'argento.

Unità di valuta che era conosciuta come Kahavan era in circolazione nell'isola dal VII all'VIII secolo d.C.

La valuta dello Sri Lanka durante il dominio coloniale

Al governo britannico di Sri Lanka prima mantenne la denominazione del sistema monetario olandese, cioè il rix-dollaro diviso in 12 fanams o 48 stuiver di 192 sfide. L'amministrazione di Madras, tuttavia, teneva i suoi conti, come a Madras, in pagode stellari, fanam di Madras e "cash", la pagoda iniziale era calcolata a 45 Fanam olandesi di Ceylon, o 180 stuiver o tre dollari e mezzo di rix.

Gli stuiver olandesi o "doodies" correnti nell'isola furono accettati dagli inglesi come valuta e valutati come 48 il rix-dollaro, insieme alle monete di rame inglesi. Nel 100 furono emesse banconote da 50, 25 e 1800 rix-Dollari. Nel 1802 fu coniata la prima moneta da 4,2, 1 e 1802 stuiver; nel 1803, 1804 e 1,1 furono emesse anche monete da 2/1803 e ¼ stuiver; nel 1 furono coniate monete da XNUMX dollaro e ½ rix.

Nel 1812 il rix-dollaro era valutato a is. 9d. o 11 3/7 per la sterlina inglese e nell'isola fu istituita una zecca. Nel 1815 furono coniate monete di rame da 2, 1 e ½ stuiver. 37,339 rix-dollari di Dutch Challies furono presi in premio a Kandy e furono messi in circolazione; nel 1815 il fanam di Ceylon fu equiparato all'anna indiana.

Nel 1823 la rupia di Madras e il quarto di rupia furono resi correnti a Ceylon. Ma nel 1825 fu introdotta la valuta sterlina di sterline, scellino e pence e mezzo pence e farthings e il rix-dollaro d'argento fu valutato a uno scellino e sei pence e fu chiamato in singalese Patagaia or Ridi paha e in tamil iraiyal; il fanam di rame era valutato a un penny mezzo penny, i Challies a mezzo penny. Tutte le banconote espresse in rix-dollari furono ritirate e tutte le monete in rame di Ceylon furono demonetizzate dal gennaio 1831.

La valuta dello Sri Lanka durante il dominio britannico era stata notevolmente modificata dopo l'indipendenza dell'isola. Le banconote emesse dai governanti coloniali furono usate fino al 1951 mentre le monete furono usate fino al 1963. La serie della nuova moneta fu introdotta nel 1963 e portavano l'emblema di Ceylon. Oggi la rupia dello Sri Lanka è la valuta ufficiale dello Sri Lanka ed è divisa in cento centesimi.