La ribellione dello Sri Lanka nel 1848

La ribellione dello Sri Lanka nel 1848

Nel luglio 1848, una grande folla di persone si radunò davanti all'agente governativo di Kandy per protestare contro la nuova tassa sulle armi. Emerson Tennent, il segretario coloniale, è arrivato a Kandy e si è rivolto a un concorso di capi e capi in materia di tasse, dopodiché il popolo si è disperso.

Pochi giorni dopo si radunò una folla ancora più numerosa Colombo e stava marciando verso il forte per protestare con il governatore, quando il dottor Christopher Elliot dell'osservatore li ha invitati a disperdersi, promettendo di fare rimostranze nella forma corretta.

Si dispersero, ma disordini di natura simile si verificarono in tutto il paese, sia nelle terre basse che negli altopiani. A Matale, la folla divenne indisciplinata e incendiò e saccheggiò alcune case e proclamò un uomo di bassa campagna, Purang Appo, re di Kandy. Un altro pretendente, chiamato Gongalgoda Banda, apparso a Dambulla ed è stato anche acclamato. Il visconte Torrington allora perse la testa, chiamò i militari, chiamò aiuti dall'India e pose l'intera Matale, Kandy, Dambulla più Kurunegala sotto la legge marziale.

Eccessi

Le truppe in marcia da Kandy a Matale incontrarono alcuni uomini armati a Variapola e quaranta furono abbattuti senza alcuna perdita per le truppe. I militari hanno quindi occupato Matale, emesso un proclama, sequestrato presunti ribelli, confiscato proprietà e sparato a uomini senza cerimonie dopo una corte marziale a tamburo. Era evidente a tutti che il movimento non era pericoloso.

Al di là dei raduni di uno o duecento uomini alla volta e del furto di uno o due bungalow per fioriere, non era accaduto nulla di importante. Nessun capo era preoccupato, non una sola vita europea è stata persa; eppure Torrinton, ascoltando i suoi consiglieri in preda al panico, ha mantenuto la legge marziale per un lungo periodo, e dal primo all'ultimo un centinaio di presunti "ribelli" sono stati fucilati o impiccati mentre altri sono stati fustigati pubblicamente e imprigionati. Il governatore ha considerato il dottor Elliot e AM Ferguson come l'istigatore e il primo ha persino ricevuto un suggerimento per non mostrarsi all'interno della legge marziale.

risentimento pubblico

C'era, tuttavia, un'opinione così corrente contro i procedimenti del governatore che ha pensato che fosse meglio invocare l'azione dei tribunali civili e alcuni ettari di Kandy furono esentati dalla legge marziale per consentire al capo della giustizia di processare alcuni ribelli per alto tradimento. Questa era una confessione di debolezza o il paese era troppo turbato perché i tribunali civili si sedessero o era sufficientemente pacifico da rendere superflue le corti marziali. Così com'era, mentre il giudice era seduto in una parte di Kandy, da un'altra parte si udirono i riverberi di una raffica che pose fine all'esistenza di un uomo che era stato processato lo stesso giorno per il crimine da una corte marziale.

Trentaquattro uomini furono processati davanti alla Corte Suprema, e diciassette furono condannati. In un secondo diciotto altri sentenze ricevute. Ma il capo della giustizia, Sir Anthony Oliphant, ha raccomandato i prigionieri come soggetti idonei alla clemenza del governatore, aggiungendo “quando si considera che nessun europeo è stato messo a morte, che solo un soldato è stato ferito dai ribelli che nessuna persona è apparsa in schieramento bellicoso contro le truppe dallo scoppio di Matale e Kurunegala, il sangue che è già stato versato è sufficiente per tutti gli scopi, sia per la rivendicazione della legge che per esempio. Questo rifiuto ha irritato il governatore, secondo il capo della giustizia era pubblico e il governatore non ha osato andare contro la raccomandazione espressa del capo della magistratura.

Un colpo di monaco

Nel frattempo, Purang Appu e Gongallagoda Banda sono stati presi e fucilati e un monaco Kudapoilla Unnanse è stato processato dalla corte marziale per non aver fornito informazioni che avrebbero potuto portare all'arresto di un ribelle. Con questa curiosa accusa, fu condannato alla fucilazione.

L'avvocato della regina, HC Selby, considerò le prove insufficienti per una condanna, figuriamoci per la sentenza, e pregò il governatore per una tregua; ma Torrington lo rifiutò con un linguaggio forte, cosa di cui in seguito si pentì, e il monaco fu fucilato. L'indignazione suscitata da queste severità del governatore fu intensa. È stato riferito che il capo della giustizia ha minacciato di dimettersi se un altro uomo fosse stato colpito.

Agitazione

Il dottor Elliot, AM Ferguson, Richard Morgen, Lawrence Oliphant, figlio e privato del capo della giustizia, guidarono un'agitazione nell'isola e comunicarono con amici in Inghilterra che sottoposero la questione ai membri del parlamento. TJ McChristie, un avvocato inglese, che era stato dentro Ceylon, divenne l'agente londinese dell'agitazione, e Joseph Hume e Henry Baillie sostenevano la causa nominata per indagare, e Baillie, Sir Robert Peel, Gladstone e Disraeli erano tra i membri del comitato.

Hanno chiesto alla Camera di ordinare a casa per l'esame di alcune delle principali denunce, l'avvocato della regina, Selby, suo fratello, John Selby, il capo della giustizia, il colonnello Braybrook e il tenente Henderson, insieme ai principali colpevoli, il capitano Watson, che ha imposto marziali- legge a Matale e il tenente colonnello Siccità, comandante di Kandy. Anche Tennent e Woodhouse sono andati a rappresentare il caso per il governo e, per scagionarsi, hanno prodotto alcune lettere private di Torrington.

Inchiesta

L'accusa principale e la più nera era che a Monaco buddista era stato fucilato nelle vesti dell'intercessione dell'ufficiale capo della legge della corona. Il capitano Watson si è sforzato di negare l'autenticità di alcuni proclami da lui emessi e ora prodotti davanti al comitato. Quest'ultimo ha quindi inviato due commissari, Morehead e Rhode. A Ceylon per indagare sul posto, e si dichiararono per la genuinità dei proclami.

McChristie era ora deciso a procurare l'impeachment di Torrington e il processo al colonnello Drought. Ma Torrington era il cugino del premier e fu fatto un grande sforzo per salvarlo. La colpa infatti non era di lui, ma dei suoi consiglieri.

Sfortunatamente, il comitato non ha potuto concludere i suoi lavori prima della fine della sessione e la mozione che pregava per la nomina di una commissione reale è stata respinta da una maggioranza ristretta, il governo si è impegnato a richiamare Torrington se la questione non fosse stata sollecitata. L'impopolarità di queste misure portò alla caduta del gabinetto di Lord Russel.

Richiamo di Torrington

Nel frattempo, Torrington ha rassegnato le dimissioni non appena ha appreso dai giornali che le sue lettere private erano state prodotte davanti al comitato. Ma prima che le sue dimissioni arrivassero a Londra, Earl Grey comunicò al governatore che Sua Maestà era stata lieta di ordinargli di essere sollevato dal governo di Ceylon e che Sir George Anderson di Mauritius era stato nominato allo stesso.

Anche Tennent e Woodhouse furono informati che i loro servizi non erano richiesti a Ceylon. Il capitano Watson fu successivamente processato per ordine del duca di Wellington ma assolto. La soppressione della ribellione è costata una buona somma di denaro che il governo ha dovuto raccogliere da una banca locale. E fu rapidamente approvata un'ordinanza che risarciva il governatore e tutte le persone per atti compiuti durante l'esistenza della legge marziale. Così finì l'ultima e minima ribellione.