Primo re dello Sri Lanka

Nella terra del mistero e della bellezza solenne, viveva un re di nome Sinhabahu circa duemilaquattrocento anni fa. Il suo nome Queen era Sinhasivalie e avevano molti figli di cui il maggiore si chiamava Vijaya e il secondo Sumitha.

Vijaya era un ragazzo molto forte e sano, ma mi dispiace dire che era già in gioventù un ragazzo molto ostinato e cattivo, che ha dato molti problemi ai suoi genitori. siccome però era molto forte e anche molto intelligente, suo padre lo fece sottore, mentre era ancora molto giovane; poiché il povero re aveva bisogno di molto aiuto per migliorare il suo paese, che consisteva ancora in gran parte di giungla e paludi. Questi voleva trasformare in terra fertile e utile. In modo che i suoi sudditi fedeli dovrebbero avere una vita più felice.

Vijaya è stato molto abile nel supervisionare l'operaio e nel mostrare loro come abbattere un albero e rimuovere le radici. Capì anche come trasformare le paludi in serbatoi che le piogge monsoniche dovevano riempire d'acqua in modo che i poveri potessero irrigare le loro risaie nella stagione secca. In questo modo, potrebbero avere due raccolti di risaia ogni anno e non hanno bisogno di servire. Queste povere persone si accontentavano davvero molto facilmente, perché quando avevano il loro riso, bollito in acqua e un po' di sale con esso e alcune radici o frutti, allora erano abbastanza felici.

Ora, questo stato di cose sarebbe stato molto carino se Vijaya si fosse occupato fedelmente dei suoi affari. Ma si è stancato molto e ha iniziato una grande quantità di felicità selvaggia.

Raccolse intorno a sé una folla di giovani, che era dispettoso quanto lui. Si sono travestiti da uomini selvaggi; spaventavano le donne e i bambini fingendo di volerli derubare e portarli via, e facevano molte altre cose sciocche e illecite. I poveri abitanti del villaggio corsero dal re Sinhabahu e si lamentarono amaramente del figlio disobbediente e dispettoso e gli chiesero di proibire questo gioco crudele.

Tre volte il re perdonò suo figlio perché aveva promesso di migliorare, ma quando ricadde sempre nelle sue vecchie cattive abitudini, Sinhabahu si arrabbiò molto. Aveva metà dei capelli delle loro teste e metà delle barbe di Vijaya e dei suoi compagni rasati e fece salire questi uomini a bordo di una nave, che fu mandata alla deriva sull'Oceano. Quindi il re arrabbiato gli gridò "Vijaya, vai e trova un altro paese per te stesso".

Così Vijaya fu mandato via dal suo paese, l'India, anche le mogli ei figli dei compagni di Vijaya furono imbarcati su navi e sbarcarono in diverse parti dell'India, dove furono gentilmente accolti, e dove rimase e si stabilì. Vijaya e settecento compagni sbarcarono al porto di Supparaka, ma furono nuovamente respinti dalla gente del posto a causa del loro cattivo comportamento. E per la seconda volta erano alla deriva nell'oceano. Questa era davvero una cosa molto triste adesso.

Furono portati dalla corrente più lontano dalla costa e rimasero alla deriva sull'acqua per molti giorni. Finalmente una mattina, quando il sole stava appena sorgendo sul mare, brillò su qualcosa di alto che sembrò ripiombare nell'acqua.

Quando furono un po' più vicini, videro che era una montagna. Dopo qualche altra ora videro in lontananza qualcosa di verde e scoprirono che alte palme agitavano i loro rami sottili in segno di benvenuto. Vijaya fu il primo a sbarcare, e posò le mani sulla terra come se si inchinasse e disse solennemente "Prendo possesso di questa terra e giuro che sarò un padre per i miei sudditi e un buon sovrano su questo paese ”.