Preistoria dello Sri Lanka

Il primitivo storia dello Sri Lanka è una busta nella favola, eppure non c'è forse nessun paese al mondo che abbia un così lungo continuo storia e civiltà. In un'epoca in cui le ormai grandi nazioni dell'occidente erano sprofondate nella barbarie o non erano ancora nate, Ceylon era la sede di un antico regno e di una religione, la culla dell'arte e il centro del commercio orientale.

Gli stupendi edifici religiosi dell'isola hanno più di 2000 anni e, per estensione e interesse architettonico, sono secondi solo a quelli dell'Egitto, e vaste opere di irrigazione dello Sri Lanka attestano la grandezza e l'antichità della civiltà.

La natura e l'arte, la bellezza dei paesaggi, la fama di patria di un buddismo puro, hanno reso lo Sri Lanka da tempi remoti oggetto di interesse e ammirazione per le nazioni contemporanee.

Si ritiene che Ceylon facesse parte della regione di Ofir e Tarshish degli Ebrei, dalla marina del re Salomone che gli forniva oro e argento, avorio, scimmie e pavoni. Presso gli antichi Greci e Romani l'isola era conosciuta con il nome di Taprobane, nome con cui è descritta da Onesicrito, Diodoro Siculo, Ovidio, Strabone, Plinio, Tolomeo ed altri.

La cannella è originaria dell'isola dello Sri Lanka ed è stata esportata in molti paesi in tutto il mondo, incluso l'Egitto, nel lontano 1500 a.C. Secondo note storiche, la cannella veniva consegnata in Egitto da antichi commercianti.

I ritrovamenti archeologici dell'isola suggeriscono che la storia dello Sri Lanka risale a circa 35000 anni fa. I primi insediamenti nell'isola sorsero nella regione chiamata Balangoda, a novanta chilometri da Colombo.

L'uomo dell'età della pietra, che viveva nella regione chiamata Balangoda, era conosciuto come Balangoda Man (Homo sapiens Balangpdensis). Balangoda Man è stato identificato come cacciatore-raccoglitore mesolitico e viveva nelle caverne. Diverse grotte abitate dall'uomo dell'età della pietra sono state scoperte in diversi punti dell'isola. Pahiyangala, Batadombalena sono due grotte principali, dove durante gli scavi sono stati trovati molti manufatti appartenenti alla cultura dell'età della pietra.

L'uomo di Balangoda utilizzava gli strumenti di pietra e viveva principalmente di caccia. Si ritiene che l'inizio del Pianure di Horton risale alla cultura Balangoda. L'uomo di Balangoda aveva creato le pianure di Horton bruciando gli alberi. Durante gli scavi nelle pianure di Horton, gli archeologi hanno trovato l'orzo e l'avena, suggerendo che l'uomo dell'età della pietra coltivasse tali cose intorno al 15000 a.C.

Si stima che la prima età del ferro sia apparsa nel subcontinente indiano già nel 1200 a.C. L'inizio dell'età del ferro nello Sri Lanka risale al 1000-800 aC e la datazione si manifesta con il metodo della datazione al radiocarbonio.

Primi insediamenti In Anuradhapura nacque già nell'800 a.C. I primi insediamenti ad Anuradhapura si estendevano su 10 ettari. Si stima che gli insediamenti coprissero almeno 50 ettari nel 700-600 a.C.

L'obitorio che ha scoperto in Dambulla (Ibbancatuwa) risale al 750-400 aC o periodo protostorico, e l'età della camera mortuaria è stata determinata dal radiocarbonio.

Tuttavia, gli insediamenti della prima età del ferro di Anuradhapura non mostravano alcun cimitero megalitico ad esso collegato. Il complesso cimiteriale megalitico trovato a Ibbankatuwa potrebbe essere stato associato a un gruppo di persone, ad esempio pastori.

Studiando la storia dello Sri Lanka e lo strumento di pietra recuperato dal siti archeologici, gli storici ritengono che l'età della pietra esistesse in due facce (pre-ceramica e ceramica) nell'isola. Fine dell'età della pietra intorno al 1000 aC e nello stesso periodo in Sri Lanka apparve l'età del ferro.

Una vasta collezione di manufatti rinvenuti nello scavo nella prima capitale dello Sri Lanka (Anuradhapura) caratterizzati dall'uso di ferro, cavalli, bovini, ceramiche di alta qualità e forse dalla coltivazione del riso.

Gli insediamenti umani esistevano e fiorivano intorno al 1000 aC nella zona arida e si ritiene che l'insediamento umano fosse stato un insediamento abbastanza grande. Secondo gli studiosi, l'insediamento si riteneva di 10 ettari di estensione. Questo insediamento è stato il più grande nella storia dello Sri Lanka. Questo insediamento si è sviluppato con il passare del tempo e ha portato alla città ben formata nel 700 a.C