Parco nazionale Kumana

Sommario

Parco nazionale Kumana, noto anche come Yala East Park, è una delle migliori riserve naturali dell'isola per il birdwatching. Parco nazionale Kumana è un ultimo sogno destinazione nello Sri Lanka per ogni appassionato di fauna selvatica. Tuttavia, il Parco Nazionale Kuman non è abitato solo da uccelli ma anche da tutti gli altri animali presenti nel Parco Nazionale Yala, quindi Kuman è incluso in molti Pacchetti safari nello Sri Lanka. Kumana si trova a 391 km dal centro commerciale dello Sri Lanka. Il parco è condiviso da due distretti: Ampara e Monaragala. È anche conosciuto come Yala East Park.

Osservazione degli uccelli nello Sri Lanka

Birdwatching, noto come birdwatching, è una forma popolare di attività della fauna selvatica in tutto il mondo, così è in Sri Lanka. Safari nella fauna selvatica, trekking nella giungla, birdwatching sono tutti strettamente collegati al birdwatching.

Lo Sri Lanka è stato riconosciuto come uno dei posti migliori per il birdwatching, grazie all'abbondanza di specie di fauna aviaria sull'isola. Un gran numero di uccelli provenienti da tutto il mondo si radunano sulla minuscola isola in cerca di un caldo clima tropicale.

Lo Sri Lanka non è popolare solo tra i birdwatcher, che praticano questa attività a scopo ricreativo, ma anche tra gli ornitologi, che studiano scientificamente gli uccelli.

Ogni anno un gran numero di uccelli dell'emisfero settentrionale si rifugia nelle riserve naturali dello Sri Lanka, in particolare sulla costa meridionale dell'isola. Circa 200 specie di uccelli acquatici e terrestri arrivano in Sri Lanka e fanno della costa meridionale una dimora temporanea da agosto ad aprile, per sfuggire al rigido inverno.

Estensione Parco nazionale di Kumana

Il santuario della fauna selvatica di Kumana si estende su 18,149 ettari. Kumana è popolare tra i turisti come luogo per il birdwatching e a zona di campeggio. Kumana è uno dei più importanti luoghi inclusi in molti tour dello Sri Lanka per il birdwatching. Yala è il sito di esplorazione della fauna selvatica più visitato in Sri Lanka e i turisti stranieri non mancano di includerlo nel loro Viaggi su strada dello Sri Lanka.

Un parco incontaminato quasi completamente isolato dalla civiltà. Il veicolo a quattro ruote motrici è il massimo adatto a girovagare per il parco a causa del terreno difficile. Questo paradiso della fauna selvatica è stato chiuso per più di 18 anni a causa della guerra civile.

La vegetazione di Kumana

Il parco è costituito principalmente da Vegetazioni della zona secca e arida. C'è un gran numero di laghi con acqua dolce entro i confini del parco nazionale di Kumana. Questi estuari sono abitati da coccodrilli; alcuni dei coccodrilli giganti sono lunghi fino a cinque metri.

Fauna selvatica a Kumana

I coccodrilli possono essere meglio osservati al mattino presto e nel pomeriggio, mentre guardano il cielo a bocca aperta. I coccodrilli riducono la temperatura corporea in questo modo facendo passare il loro calore corporeo attraverso la bocca.

Kumana è divisa in due blocchi e forma un'affascinante regione di bellezza paesaggistica, composta da lagune, molte pozze d'acqua naturali e restaurate, affioramenti rocciosi, creste, parchi aperti, giungla di macchia e macchie di foreste.

Caratteristiche di Kumana

Kumana Oya che scorre lungo i confini meridionali di Kumana è una delle importanti sorgenti d'acqua del parco. Crea l'estuario di Kumana e Villu prima di sfociare nel mare. La confluenza di Alakola ara e altri corsi d'acqua confluiscono nel Kumbukkan Oya e corsi d'acqua più piccoli come il Giri kula e il Bagura ara confluiscono nelle rispettive lagune.

Fatti storici su Kumana

Secondo il informazioni storiche il parco era stato civilizzato in tempi antichi. Era stato abitato dai primi coloni del paese dal 3rd secolo a.C. a 10th secolo d.C. Circa 24 km. del confine orientale è il litorale, dove tre specie di tartarughe marine vengono a nidificare indisturbate dalle attività umane, ma le uova vengono predate da nemici naturali come cinghiali, granchi e sciacalli.

Contigue con la costa del mare sono le dune di sabbia serene e ondulate con la vegetazione peculiare di un tale ambiente e cinque sputi di sabbia lagunari attraverso Girikula, Andarakala, Bagura, Itikala e Yakala. Questi hanno una varietà di fauna e flora acquatiche.

Osservazione delle specie di fauna aviaria a Kumana

Kumana è generalmente popolare per la sua fauna aviaria. Per vedere gli uccelli migratori provenienti da oltreoceano, la stagione migliore è gennaio e febbraio. La stagione della nidificazione degli uccelli locali è la stagione migliore per assistere alle centinaia di migliaia di uccelli nazionali. Kumana Villu pullula di uccelli nidificanti e dei loro piccoli durante questo periodo.

Stagione della nidificazione a Kumana

Ci sono due stagioni di nidificazione, dicembre-aprile e giugno-settembre. Si possono vedere i nidi e le uova a distanza di sicurezza, senza disturbarli. Soprattutto i 285 ettari Kumana la palude di mangrovie è abitata da un gran numero di specie di uccelli acquatici. 

Habitat degli uccelli a Kumana

Nella palude dove crescono gli alberi di Kiral e Hambu, nidificano uccelli come pellicani, cicogne dipinte, ibis bianco, spatola, airone cenerino orientale, airone rosso e tutte le specie di garzette, depongono le uova e si prendono cura dei piccoli. Di tanto in tanto rapaci e altri rapaci piombavano sugli ignari pulcini e li portavano via per il cibo.

Uno spettacolo bellissimo da vedere sono i nidi galleggianti di Jacanas dalla coda di fagiano e Cavalieri d'Italia. La raccolta illegale di legname era avvenuta durante i 18 anni in cui era chiusa al pubblico.

La gente delle zone vicine di Pottuvil e Panama aveva preso il controllo del parco e bruciato e distrutto molti alberi. Con sgomento degli amanti della natura, erano stati organizzati barbecue per i turisti stranieri provenienti da Arugam Bay. Anche se Kumana è particolarmente popolare per il birdwatching, è abitata da un gran numero di animali selvatici come elefanti, cinghiali, cervi, scimmie e coccodrilli. Anche i leopardi sono stati avvistati nel parco in diverse occasioni.

Ibis lucido avvistato a Kumana dopo 148 anni

L'abitudine di osservare gli uccelli e le attività di ornitologia sull'isola risale a molti secoli. L'ornitologo britannico, il colonnello William Vincent Legge, aveva scritto il libro “Storia degli uccelli dello Sri Lanka” nel 1880. Dopo aver studiato attentamente le specie di fauna aviaria dello Sri Lanka.

Recentemente c'è stata qualche discussione su questo libro perché ha parlato di Glossy Ibis. Il colonnello Vincent aveva avvistato otto coppie di mignattai a Uduwila, Hambantota nel 1872. Successivamente questo particolare uccello non è stato visto sull'isola fino al 2020. Il guardiano del parco nazionale di Bundala aveva scoperto una coppia di 5 mignatte all'interno del parco nel 2020.

Il mignattaio, un tempo frequentato in molte foreste della zona arida dello Sri Lanka, all'improvviso l'uccello è scomparso e nessuno ne sa il motivo. Tuttavia, dopo 148 anni il mignattaio è tornato nella foresta dello Sri Lanka.

Lo Sri Lanka ospita un gran numero di zone umide di Ramsar. Bundala è stata la prima foresta umida di Ramsar nello Sri Lanka. Whish ha ottenuto lo status di zona umida di Ramsar nel 1991. Bundala considerava il miglior ambiente favorevole per gli uccelli.

Migrazione degli uccelli

Lo Sri Lanka si trova all'estremo punto meridionale oltre il sud dell'India. Il tratto di oceano dallo Sri Lanka al Polo Sud non contiene altra terra. Pertanto gli uccelli migratori, che stanno volando in direzione dell'India, scelgono lo Sri Lanka come destinazione finale.

Lo Sri Lanka è una delle destinazioni più popolari tra gli uccelli migratori del mondo, semplicemente per la posizione sulla mappa del mondo. Ci sono oltre 460 specie di uccelli registrate in questo momento. Circa la metà di questi sono residenti riproduttori. Ci sono 3 rotte aeree attraverso l'India lungo le quali gli uccelli immigrati arrivano in Sri Lanka; la rotta occidentale, la rotta orientale e la rotta delle isole Andamane.

Il percorso occidentale

La sezione percorso si trova lungo la costa occidentale dell'India. Gli uccelli che utilizzano questa rotta iniziano il loro viaggio dalle parti settentrionali e nord-occidentali del mondo. Dopo aver raggiunto l'estremo sud dell'India, chiamato punto cumarina, volano oltre la costa meridionale dell'India e arrivano in Sri Lanka; la maggior parte di questi uccelli entra nell'isola tra Mannar e Kalutara.

È noto che gli uccelli migratori dall'Europa, dall'Asia occidentale, inclusa la Siberia occidentale, e dalle regioni occidentali dell'Himalaya, incluso il Kashmir, utilizzano la rotta occidentale.

Il percorso orientale

Questa rotta migratoria inizia dalle parti settentrionali e nord-orientali del mondo e si estende lungo la costa orientale dell'India, verso l'India meridionale. Gli uccelli che utilizzano questa rotta volano ulteriormente in direzione dello Sri Lanka e raggiungono l'isola passando per la costa indiana tra Kalmier Point e Rameswaram.

La maggior parte di questi uccelli vola da paesi dell'Asia orientale come la Siberia orientale e la Mongolia. È noto che anche gli uccelli delle regioni orientali dell'Himalaya, compreso il Tibet, utilizzano questa rotta.

Rotta delle Isole Andamane

Oltre alle suddette due rotte migratorie, alcuni uccelli utilizzano la rotta delle Isole Andamane. Questo percorso attraversa le isole Andamane nell'Oceano Indiano. Si ritiene che questi uccelli migratori, che utilizzano la rotta delle Isole Andamane, inizino il loro viaggio dai paesi del sud-est asiatico e dell'Asia orientale.

Da ottobre ad aprile cade la principale stagione migratoria degli uccelli nell'isola. Si ritiene che gli uccelli utilizzino lo stesso percorso, nel viaggio di ritorno. Tuttavia, è noto che alcuni uccelli utilizzano le diverse rotte durante il viaggio di ritorno.

Lo Sri Lanka si è rivelato una delle migliori destinazioni per il birdwatching. Tutti i diversi tipi di birdwatcher potranno trovare i loro gusti qui. Questa piccola isola contiene descrizioni di 435 specie di uccelli, tra cui 110 specie migratorie. È il 26% del numero totale di uccelli. Durante il periodo migratorio da novembre a febbraio, gli uccelli visitano lo Sri Lanka.