Importanti attrazioni turistiche a Monaragala

Sommario

Monaragala

La città di Monaragala è ricca di vegetazione naturale e una regione fruttuosa, che si trova sulla riva del Kubukkan Oya. Il riso è la monocoltura più dominante nella regione insieme alla coltivazione della gomma.

Monaragala è una città importante nella provincia di Uva, a nord di Monaragala ci sono le montagne mentre la regione meridionale è costituita principalmente da giungle. La città da sola potrebbe non essere un'attrazione importante da includere per i turisti Viaggio su strada in Sri Lanka, ma ce ne sono diversi luoghi di importanza storica vicino Monaragala.

Galabedda

A pochi chilometri a est di Monaragala si trova Galabedda, la residenza del re Ruhunu, nei primi giorni del Storia dello Sri Lanka. Era stato costruito simile a una fortificazione che forniva sicurezza ai residenti. Si ritiene che sia stato costruito durante la prima metà del XII secolo.

Il resto della costruzione rimasta oggi aiuta a farsi una buona idea del palazzo che esisteva nel sito. La cittadella era coperta da un muro e palazzo e altri edifici furono costruiti all'interno della cittadella. C'era stata solo una porta che permetteva l'accesso agli estranei e viceversa. Il muro gigante forniva la massima protezione per la cittadella.

Queens Sugala, un tempo regnava Sri Lanka meridionale, durante l' Periodo Polonnaruwa. Lei possiede il reliquia del dente e allo stesso tempo il resto del paese era sotto il dominio del potente re Parakramabahu. Era alla ricerca della reliquia del dente per manifestare la sua regalità sull'isola. Successivamente il re conquistò il regno di Ruhunu e prese la reliquia del dente nella sua passione.

Dambegoda Vihara

Le rovine di Dambegoda Vihara si trovano a Maligavila, a circa 15 di distanza da Monargala. Una enorme statua di Buddha si possono trovare nel sito. La statua era alta 12 metri mentre la larghezza alla spalla della statua misurava 3 metri. Si ritiene che la statua risieda in una casa dell'immagine, oggi la casa dell'immagine non si trova nel tempio. Si ritiene che la statua abbia avuto origine durante il Anuradhapura periodo (6th a 7th secolo d.C.).

La regione a sud del Strada principale Wellawaya-Monaragala è ricco di rocce granitiche e grotte. Si ritiene che la maggior parte delle grotte sia occupata da umani dell'età della pietra dello Sri Lanka. L'imponente grotta di Budugala era stata in passato un quartiere residenziale di monaci buddisti. Ancora oggi nella grotta si trovano numerose statue di Buddha e una di queste è una statua sdraiata di dimensioni gigantesche.

Per raggiungere la grotta, bisogna viaggiare in direzione sud da Buttala. Dopo aver percorso circa 8 KM un sentiero (1.5 km) conduce alla grotta.

Tempio buddista di Buduruwagala

Buduruwagala è uno degli importanti templi buddisti storici dello Sri Lanka e si trova nella zona secca, nel villaggio di Wellawaya. Il tempio si trova al confine con il Parco nazionale di Yala più is circondato dalla foresta della zona secca. Buduruwagala significa "Immagine di pietra del Buddha" e questo tempio buddista è composto da sette statue scolpite da una roccia, si ritiene che il contorno della roccia assomigli a un elefante inginocchiato. Si ritiene che il tempio Buduruwagala sia stato costruito alla fine del periodo Anuradhapura (10th secolo).

La figura centrale delle sette immagini è Buddha. Con i suoi 15 metri, questo Buddha è la statua più alta dello Sri Lanka, più alta anche di quelle di Aukana e della vicina Maligawila. La statua raffigura il Buddha in posizione Abhaya Mudra, in piedi con la mano destra alzata, palmo rivolto verso l'esterno. Questa posa è interpretata come la postura di "gentilezza e libertà dalla paura". La mano sinistra, spezzata in corrispondenza delle figure, è ripiegata verso la spalla.

La statua del Buddha è piuttosto profonda e chiaramente scolpita ed è invecchiata bene, anche se il naso è stato danneggiato nel tempo. Sulla sinistra noterai vesti bianche e arancioni che suggeriscono che questa statua, come l'altra qui, sarebbe stata dipinta un tempo. Il Buddha si erge su una piattaforma. Ai lati ci sono due gruppi di tre figure che rappresentano un bodhisattva (un Buddha in divenire) affiancato da due attendenti.

La figura centrale nel gruppo alla destra del Buddha è il Bodhisattva Avalokitesvara. Questa statua rimane quasi completamente bianca mentre l'incavo attorno alla sua corona, che presenta una figura del Buddha in meditazione, rimane ancora nel suo bagliore arancione. Nella mitologia buddista, si diceva che Avalokiteshvara, uno dei Bodhisattva più importanti del buddismo Mahayana, guardasse il mondo con compassione.

La figura a destra è il principe Sudhana, forse il meno ben definito dei tre. L'immagine è scolpita su una roccia di granito e presenta 3 curve, una posizione in cui il corpo appare curvo in vita. Il suo potere è la sua capacità di guidare i giovani sulla via del buon comportamento.

Sul lato sinistro della figura del Bodhisattva, è la figura di Aryabhata o Thara Devi, anch'essa scolpita con 3 curve. Si ritiene che questa figura abbia potere curativo.

Sul lato sinistro del Buddha, c'è uno spazio più ampio che porta a tre figure che mostrano uno stile più indù. La figura centrale è il Buddha che deve ancora venire, Maithri Bodhisattva, che è decorato in modo piuttosto elaborato.

A sinistra del Bodhisattva c'è Vajrapany o dio Sakra. La mano sinistra e le vesti sono appena visibili, anche se il simbolo del fulmine tibetano a forma di clessidra, il Dorje, che tiene chiaramente nella mano destra, è significativo e insolito. La sua presenza ha contribuito a datare queste statue poiché questo simbolo tantrico indica un'influenza della setta buddista Mahayana che ha goduto di una breve influenza in Sri Lanka durante il 10th secolo.

La figura a destra è talvolta chiamata Vishnu, ma più spesso si dice che presenti Sahampath Brahma. Mancano le mani e la parte inferiore del corpo è notevolmente erosa

Sopra le sette figure, in particolare nel Buddha, noterai piccoli fori squadrati nella roccia. Si ritiene che quei fori siano usati come supporti che supportano il baldacchino protettivo una volta esistente.