Il "Mahavamsa" dello Sri Lanka fa parte del registro della Memoria del mondo dell'UNESCO

L'UNESCO aveva dichiarato l'iscrizione di 64 raccolte documentarie nel Registro della memoria del mondo, portando a 494 il numero totale di raccolte registrate. Mahavamsa, la Grande cronaca dello Sri Lanka (che copre il periodo dal VI secolo a.C. presentato all'UNESCO da Sri Lanka.

Sommario

Cos'è Mahavamsa?

L'UNESCO aveva dichiarato l'iscrizione di 64 raccolte documentarie nel Registro della memoria del mondo, portando il numero totale di raccolte registrate a 494. Mahavamsa, la Grande cronaca dello Sri Lanka (che copre il periodo dal VI secolo a.C. presentato all'UNESCO dallo Sri Lanka.

Uno dei record storici ininterrotti più lunghi al mondo, il Mahavamsa è il primo del suo genere nell'Asia meridionale, dando inizio a un'usanza storiografica esperta, introducendo La storia dello Sri Lanka in una sequenza cronologica dal VI secolo a.C. La veridicità delle informazioni fornite nel documento è stata affermata attraverso l'esplorazione archeologica condotta in Sri Lanka e in India.

È una fonte storica significativa nell'Asia meridionale contenente dati critici sulla vita del Buddha, del re Asoka e sull'ascesa del buddismo come religione mondiale. Il record ha assunto un ruolo enorme nella promozione del buddismo nel sud-est asiatico e ha contribuito in modo univoco al personaggio del sovrano Asoka nella storia indiana.

Turismo culturale e del patrimonio in Sri Lanka

Lo Sri Lanka è ancora una destinazione turistica nel mondo. Tuttavia, lo Sri Lanka è uno dei pochi paesi al mondo con una delle culture più lunghe e ininterrotte del mondo. Il triangolo culturale dello Sri Lanka, menzionato nell'antica cronaca di Mahawamsa, fornisce ampie prove di una cultura altamente sviluppata che esisteva sull'isola molte migliaia di anni fa.

La storia di Mahawamsa

Mahāvaṃsa è la cronaca storica conservata con cura dello Sri Lanka fino al tempo di Mahasena di Anuradhapura. È stato scritto nello stile di una poesia e la lingua è il Pali. Mette in relazione il passato storico dello Sri Lanka dai suoi leggendari punti di partenza fino al regno del re Mahasena di Anuradhapura coprendo il periodo compreso tra il regno del re Vijaya dall'India nel 543 aEV fino al suo governo e successivamente aggiornato da vari scrittori. Fu creato per la prima volta da un prete buddista nel santuario di Mahavihara ad Anuradhapura nel V secolo d.C.

Il Mahavamsa venne originariamente preso in considerazione dagli scienziati occidentali intorno al 1809 d.C., quando Sir Alexander Johnston, giudice capo del Ceylon britannico, inviò composizioni di esso e altre cronache dello Sri Lanka in Europa per l'interpretazione e la pubblicazione.

Eugène Burnouf ha fornito un'interpretazione letterale romanizzata e un'interpretazione in latino nel 1826, tuttavia, queste hanno raccolto un po 'poca attenzione. Lavorando sulle composizioni di Johnston, Edward Upham distribuì un'interpretazione inglese nel 1833, ma era contraddistinta da diversi errori di traduzione e comprensione, tra i quali suggeriva che il Buddha fosse nato nello Sri Lanka e avesse costruito un tempio su Adam's Peak. Il principale rilascio stampato e la traduzione inglese ampiamente letta furono distribuiti nel 1837 da George Turnour, uno storico e ufficiale del servizio civile di Ceylon. Un'interpretazione tedesca di Mahavamsa fu terminata da Wilhelm Geiger nel 1912. Questa fu poi convertita in inglese da Mabel Haynes Bode e rivista da Geiger.

Compilazione di Mahawamsa

I sacerdoti buddisti dell'Anuradhapura Maha Viharaya hanno tenuto il passo con le cronache della storia dell'isola a partire dal III secolo aEV. Queste cronache furono poi unite e raccolte in un unico documento nel V secolo mentre il re Dhatusena amministrava il regno di Anuradhapura. È stato composto sulla base di vecchi accumuli precedenti noti come Atthakatha (chiamato anche Sinhalaatthakatha), che erano commenti scritti in singalese. Una cronaca precedente nota come Dipavamsa (IV secolo d.C.) "Cronache dell'isola" è molto meno complessa e contiene meno dati rispetto al Mahavamsa e molto probabilmente è stata raccolta coinvolgendo anche l'Atthakatha sul Mahavamsa.

La creazione del Mahavamsa è attribuita a un monaco altrimenti sconosciuto chiamato Mahānāma dal Mahavamsa-tika. Si ritiene che il monaco Mahānāma viva in un chiostro appartenente al generale Dighasanda e abbia collaborato con il Mahavihara, tuttavia, non si conoscono altri dati affidabili e realistici. Mahānāma introduce il Mahavamsa con una sezione che garantisce che intende affrontare le ripetizioni e le debolezze che affliggono la cronaca compilata dalle persone in passato - questo potrebbe riferirsi sia al Dipavamsa che al singalese Atthakatha.

Contenuto di Mahawamsa

Gli elementi del Mahavamsa possono essere ampiamente suddivisi in quattro categorie:

Le visite di Budha allo Sri Lanka:

Questa sezione si riferisce a tre visite di Buddha all'isola dello Sri Lanka. Questi resoconti ritraggono il Buddha che reprime o allontana gli Yakkha (Yaksha) e i Naga che stavano occupando l'isola e trasmettendo una previsione che lo Sri Lanka si trasformerà in una terra buddista significativa. Queste visite non sono citate nel Canone Pali o in altre prime fonti.

Cronache dei re dello Sri Lanka:

Questa sezione comprende storie familiari ed eredità dei governanti dello Sri Lanka, di tanto in tanto con racconti sulla loro progressione o incidenti importanti nelle loro regole. Questo materiale potrebbe aver avuto origine da precedenti cronache reali e documenti di sovrani che sono stati registrati oralmente in dialetti vernacolari e sono fonti critiche di informazioni sul contesto storico dello Sri Lanka e dei re indiani.

Storia del Sangha buddista:

Questa parte del Mahavamsa gestisce la missione inviata dal re Ashoka nello Sri Lanka, il trapianto dell'albero della bodhi e l'istituzione del Mahavihara. Ricorda i nomi di sacerdoti e suore inconfondibili per il primo sangha dello Sri Lanka. Incorpora inoltre registrazioni dei primi raduni buddisti e la registrazione principale dello standard Pali registrata come copia cartacea. Questa è una fonte critica di materiale sullo sviluppo del primo popolo buddista e incorpora i nomi di evangelisti inviati in diverse aree del sud e del sud-est asiatico, alcuni dei quali sono stati confermati da iscrizioni e altre prove archeologiche.

Cronache dello Sri Lanka:

Questo materiale inizia con la migrazione del sovrano Vijaya dall'India con il suo seguito e prosegue fino al regno di Lord Mahasena, descrivendo guerre, problemi di progressione, la struttura di stupa e reliquiari e altri incidenti degni di nota. Un'ampia cronaca del conflitto tra il re singalese Dutthagamani e gli invasori tamil, e in seguito sovrano, Elara (861 sezioni nel Mahavamsa contrastanti e 13 versi nel Dipavamsa) può rappresentare l'unione di un noto poema epico della tradizione vernacolare.

Mentre gran parte degli elementi nel Mahavamsa è ottenuta da estensioni del materiale trovato nel Dipavamsa, alcune voci che gestiscono esplicitamente l'Abhayagiri vihara vengono scartate, suggerendo che il Mahavamsa fosse tanto più esplicitamente connesso al Mahavihara.

La presenza di un numero di copie originali di Mahavamsa in alcune nazioni, così come l'interpretazione letterale e l'interpretazione del testo in alcuni dialetti del sud-est asiatico e dell'Europa, sono una dichiarazione delle sue enormi qualità storiche, sociali, esigenti, fonetiche e accademiche.