La storia di tre carri armati della città

Basawakkulam (carro armato), Tissa wewa (carro armato) e Nuwara wewa (carro armato), è antico quanto il storia di Anuradhapura. Avevano svolto un ruolo importante nell'antica società agricola fornendo l'acqua necessaria per l'irrigazione. Minneriya tanka, Parakrama Samudra, carro armato gigante sono pochi altri carri armati con un ricco background storico come i tre carri armati cittadini sopra menzionati.

Secondo l'indagine condotta dall'amministrazione britannica negli anni '18 suggeriva che lo Sri Lanka avesse più di 1000 laghi artificiali per sostenere l'irrigazione nella zona secca.

È più antico del più antico albero storico della città sacra, ovvero Sri Maha Bodhi, che è un luogo importante da visitare in Sri Lanka.

Le tre vasche erano state utilizzate per abbellire il Mahamegha, o giardino del piacere reale, riempiendo d'acqua gli stagni balneabili, provvedendo ai bisogni comuni della popolazione e infine bypassando l'acqua per irrigare le risaie nel sobborgo di Anuradhapura.

Basawakkulam che giace in una valle poco profonda con la sua acqua sostenuta da un terreno il cui lato concavo è rivolto a monte, rivendica il posto d'onore come il più antico dei tre. È stato identificato come l'antico Abhayawewa, costruito dal re Pandukabhaya nel 3rd secolo aC.

Non c'è nulla nella struttura che indichi la sua antichità; era stato un risultato notevole nei primi giorni. Queste migliaia di anni delle vecchie strutture rimangono inviolate fino al periodo moderno grazie all'ingegnosa lavorazione idraulica dell'ingegnere sconosciuto.

È ancora in ottime condizioni anche dopo l'emozionante storia di Anuradhapura, con il suo record unico di conquiste, ambizioni dinastiche, trionfi regali e tragedie, era finita sulla cresta di una potente ondata di invasione 1200 anni dopo la fondazione della città.

Tissawewa commemora il nome del re Devanampiyatissa dei 3rd secolo a.C. Questo lago si trova nel settore sud-ovest della città e riempiva i pittoreschi stagni di loto di un'altra antica e molto interessante fondazione attribuita al re Tissa – il Tempio rupestre di Isurumuniya nelle vicinanze. L'antico nome del lago è sconosciuto.

Il Mahawamsa un'antica cronaca dello Sri Lanka narra che quando il re Dutugemunu ebbe unito Lanka in un regno, si recò a Tissawewa che era adornata secondo l'usanza festiva, per osservare le tradizioni di un re incoronato. Dopo essersi divertito nell'acqua per tutto il giorno, il re ordinò alla sua guardia di prepararsi a tornare al palazzo.

Le guardie procedettero quindi a raccogliere il simbolo della sovranità: una lancia con la reliquia reale, che era stata conficcata nella terra su un'altura vicina. Per quanto ci provassero, non riuscirono a tirarlo fuori dal terreno. Osservando questo miracolo, Dutugemunu ordinò immediatamente che fosse costruito un monumento sul posto.

Questo monumento che racchiude la lancia è il Mirisaweti dagoba, originariamente alto 120 cubiti e avvistato a breve distanza da Tissawewa. La sua camera delle reliquie, gli altari e gli intagli e le fondamenta degli edifici in pietra sollevati da cortili lastricati sono testimoni della storia scritta e dell'antichità del santuario e del lago a cui è collegato.

Nuwarawewa occupa una valle pianeggiante al largo della riva destra del Malwatu Oya e non è effettivamente nella città come suggerisce il nome. C'è una tradizione secondo cui l'acqua veniva condotta da esso per mezzo di un acquedotto attraverso il Malwatu Oya.

Con ogni probabilità, era all'inizio del 1st secolo aC che iniziò la costruzione di Nuwarawewa. Successivamente, la città fu invasa dagli invasori Cholan. Apparentemente fu quando il re Vatta Gamini riconquistò il suo trono che il lavoro fu completato.

L'unico indizio sull'età della cisterna è la dimensione dei mattoni usati nella costruzione delle chiuse. Concordano strettamente con i mattoni posati nell'Abhayagiri Dagoba che fu costruito negli ultimi tre anni del regno di Vatta Gamini, o Valagambahu come viene talvolta chiamato. La conclusione tratta è che il serbatoio è stato completato intorno all'anno 2nd secolo aC.

Il Nagagala o le pietre scolpite raffiguranti il ​​cobra a sette teste, rinvenute presso le antiche chiuse, sono simboliche della sacra tutela delle acque. Pietre scolpite simili si trovano spesso anche in luoghi vicino alle chiuse dei serbatoi.