La pesca delle perle nel Golfo di Mannar

La pesca delle perle nel Golfo di Mannar

Lo Sri Lanka un tempo era conosciuto come la perla d'oriente in passato e non solo per il attrazioni che lo Sri Lanka offerta e la conformazione del paese ma anche la ricchezza della preziosa perla nelle acque dello Sri Lanka.

Le prove storiche suggeriscono che lo Sri Lanka era noto per essere un produttore di perle di qualità nel mondo. L'isola dello Sri Lanka aveva esportato questa preziosa merce già nel 3000 BP. Secondo il re Mahawamsa Vijaya (il primo re dello Sri Lanka) aveva inviato un pacco di oggetti di valore a suo fratello, il re Padi, nel regno di Mayura in India. L'incidente è avvenuto in 5th secolo aC e c'erano preziose perle da Sri Lanka nel pacchetto.

A Roma, ai tempi di Plinio, le perle di questa parte dell'Oceano Indiano erano molto apprezzate, e lo stesso Plinio definisce questa pesca la più produttiva del mondo. Inoltre, Greci, Veneziani e Genovesi cercavano tutti i bellissimi esemplari raccolti da queste acque. Fin dai tempi di Plinio, i riferimenti alla pesca delle perle sono apparsi nella maggior parte dei resoconti scritti dell'isola. Inoltre, il Arabian Nights contengono le avventure di Sindbad il marinaio, naufragato sull'isola di Serendib. Successivamente, Sindbad ebbe un'udienza con il re di Serendib, che gli ordinò di portare un calice pieno di belle perle ad Haroun al-Raschid Califfo di Baghdad.

Il monaco cinese Fa-hien aveva fatto alcune osservazioni sul preziose perle dell'isola mentre viaggiava nello Sri Lanka nel 412 d.C. Secondo Fa-hien il re aveva protetto l'isola con i soldati, dove si svolgeva la pesca delle perle e il re aveva prelevato i 3/10 del profitto dei collezionisti di perle. Le perle Taprobane (Sri Lanka) erano molto apprezzate nel fiorenti civiltà come Roma.

Lo storico di fama mondiale ha affermato che la maggior parte delle perle utilizzate da Cleopatra furono importate dall'isola. Si dice che ci fossero stati legami molto forti tra lo Sri Lanka e Roma nel 45 d.C. e re Claudio ricevette in dono perle dal re dello Sri Lanka.

Lo scrittore arabo Edris, vissuto nel XII secolo, aveva fatto la preziosa descrizione delle perle dello Sri Lanka. Aveva scritto che Serendib (Sri Lanka) era stato un paese ricco che aveva preziose banche di perle. Oltre alla sua descrizione, il re del paese era più ricco di tutti i governanti dell'India. Il re guadagna una grande quantità di denaro dalla pesca delle perle sull'isola.

Anche un altro viaggiatore arabo noto come Ibn Batuta ha elogiato il valore delle preziose perle scoperte nello Sri Lanka. Secondo la sua descrizione, era arrivato in Sri Lanka nel 1344 ed era sbarcato nella zona di Puttalam. Gli è stato fornito riparo e protezione da un leader tamil della zona. Si dice che il governo Tamil possedesse un gran numero di perle preziose.

Marco Polo l'antico commerciante era arrivato in Sri Lanka dopo il suo lungo soggiorno in Cina e aveva avuto l'opportunità di vedere la pesca delle perle al largo dei mari di Mannaro. Il metodo di pesca delle perle era stato leggermente modificato per molto tempo dall'arrivo dei tempi di Marco Polo.

L' Portoghesi, i primi sovrani coloniali dell'isola, prese il controllo della pesca delle perle nel 1524. Quando gli olandesi espulsero i portoghesi nel 1658, si misero con particolare scrupolo a sviluppare la pesca sotto gli auspici della Compagnia Olandese delle Indie Orientali. Dal 1746 la pescheria fu affittata, sistema che si rivelò di grande successo. Eppure gli inglesi non lo adottarono dopo aver preso il controllo dell'isola dagli olandesi nel 1796.

I banchi di perle sottomarine che producono queste ricchezze si estendono dall'isola di Mannar a sud fino alla città costiera di Chilaw e si trovano a profondità comprese tra le cinque e le dieci braccia. Sotto l'amministrazione britannica, quest'area veniva esaminata due volte l'anno. Se le Perle erano sufficientemente numerose, veniva convocata una pesca per l'anno successivo; annunci pubblicitari furono pubblicati in tutto l'est per attirare subacquei e mercanti di perle. Una città temporanea per ospitare la popolazione cosmopolita - che spesso contava 50,000 persone - sorse miracolosamente dalle sabbie costiere battute dal vento di fronte ai Pearl Banks.

I dhow del Golfo Persico che trasportavano un equipaggio di 14 persone, insieme a dieci sommozzatori, erano le barche utilizzate nella pesca. La flotta di circa 400 navi è partita per i Pearl Banks prima dell'alba e all'alba era ancorata in posizione al centro della zona di pesca. Uno sparo un'ora dopo l'alba ha dato il segnale per l'inizio delle immersioni.

Dopo circa secondi, a volte anche il subacqueo più lungo sotto ha dato uno strattone alla corda del cesto indicando che era pronto a risalire. Immediatamente due anatre tirarono su la fune insieme ai sommozzatori e il contenuto del cesto fu svuotato nella barca.

Dopo qualche minuto di riposo, il subacqueo era pronto a scendere di nuovo e avrebbe lasciato che il suo compagno prendesse il suo posto quando avesse completato circa otto discese nell'arco di mezz'ora. In questo modo, un solo subacqueo potrebbe raccogliere 3,000 ostriche al giorno.

Gli squali rappresentavano il principale pericolo professionale per i subacquei. Essendo superstiziosi i subacquei consultavano sempre i cosiddetti 'incantatori di squali' prima di iniziare il lavoro. In effetti, i sommozzatori non si sarebbero avventurati in mare fino a quando non avessero ricevuto l'assicurazione dagli incantatori di squali che "le bocche dello squalo si sarebbero chiuse al loro comando".

Mentre le barche erano in mare, gli incantatori di squali aspettavano a terra, recitando preghiere e contorcendo i loro corpi. Erano considerati così indispensabili per il buon esito della pesca che venivano pagati dal governo oltre a ricevere una decima giornaliera di ostriche da ogni barca.

Verso mezzogiorno fu dato il segnale di cessare il lavoro e le barche si diressero verso la costa. I sommozzatori portavano il pescato in una grande capanna dove veniva depositato in tre mucchi uguali. Il sovrintendente coloniale britannico ha quindi scelto due dei cumuli come quota del governo, lasciando il restante al subacqueo.

Dopo che i sommozzatori hanno portato via le loro ostriche per aprirle o venderle, la quota del governo è stata contata e venduta all'asta ai mercanti. Le ostriche venivano quindi poste in piccole fosse in riva al mare dove potevano decomporsi, un processo estremamente maleodorante. Infine, i resti sono stati risciacquati e le perle raccolte e classificate.

La maggior parte delle perle di Ceylon, apprezzate per la loro tonalità dorata, ha trovato la strada per Bombay, dove la maggior parte è stata perforata e infilata in corde, e successivamente inviata a broker e commercianti in tutto il mondo.

Mentre il primo periodo del dominio britannico fu caratterizzato da ricchi raccolti di perle, in seguito si verificarono una serie di fallimenti. È stata presa la decisione di tornare al sistema olandese di locazione della pesca, ma ciò si è rivelato infruttuoso. Mikimoto assestò il colpo di grazia all'industria di Ceylon con l'introduzione della perla coltivata.

Da allora i Pearl Banks sono rimasti in gran parte indisturbati. Sono rimaste poche prove fisiche per indicare che la pesca si è svolta per secoli lungo questa costa desolata. Tuttavia, in determinate condizioni - con la luce giusta e con il sole a bassa angolazione - la costa luccica ancora di antichi frammenti di conchiglia abbandonati.