Kaffir meglio conosciuto come Kapiri in Sri Lanka

Conoscere culture diverse è una parte importante dei viaggi all'estero. La diversità culturale ed etnica è molto alta e molti gruppi etnici vivono in Sri Lanka. Maggior parte Pacchetti viaggio Sri Lanka includere visite a molti luoghi culturali e storici, Templi buddisti più città del triangolo culturale.

Che si tratti di a un giorno di viaggio in Sri Lanka di uno tour di più giorni in Sri Lanka, i viaggiatori stranieri non dimenticano di grattare il aspetti culturali dello Sri Lanka.

Tuttavia singalese, tamil, gli hamburger sono alcuni dei principali gruppi etnici di cui gli ospiti sentono parlare, durante la loro vacanza in Sri Lanka. Ma Kapiri o Kaffir è un piccolo gruppo etnico, credo che il 99% dei viaggiatori stranieri, così come molti viaggiatori locali, non ne siano a conoscenza. Pertanto, ho pensato di creare questo post sul blog su questo in gran parte sconosciuto gruppi etnici nello Sri Lanka.

Kaffir è una piccola comunità di persone di origine africana, che si trovano principalmente nella parte nord-occidentale del paese. La maggior parte di loro vive Distretto di Puttalam, "kaffir” è un termine arabo che denota miscredente e anche questo gruppo di persone di origine africana è identificato con lo stesso termine.

Kaffir è arrivato durante il periodo coloniale dello Sri Lanka e furono portati sull'isola in diverse occasioni. La prima banda di Kaffir arrivò in Sri Lanka nel 14th Secolo (durante il Periodo coloniale portoghese) e sono stati originati in Mozambico.

Gli inglesi avevano portato la seconda ondata di Kaffir dal Mozambico per combattere contro gli eserciti dello Sri Lanka. Kaffir era popolare tra gli Sri Lanka come Kapiri. “Kapiri Hatana” un termine popolare singalese che si riferisce ai reggimenti dell'esercito britannico che comprendevano soldati kaffir. Questi reggimenti stavano svolgendo un ruolo importante per conto degli inglesi nel 18th secolo e l'inizio del 19th secolo nello Sri Lanka.

I governanti coloniali olandesi hanno portato un gran numero di schiavi nel fascia costiera, che era sotto il loro controllo, all'inizio del periodo coloniale olandese. Questi schiavi furono usati come forza lavoro per il paese durante il dominio olandese.

Secondo Edward Van Goens, un governatore olandese, che aveva scritto di questi schiavi in ​​modo descrittivo, menzionò che ce n'erano circa 4000 all'inizio del suo mandato. Questi schiavi erano usati per costruire Forte Galle e il forte Colombo.

Dopo il duro lavoro in questi forti furono impiegati nel servizio privato e nelle istituzioni governative e un altro gruppo di loro lavorò nelle risaie. Essendo insoddisfatti delle condizioni prevalenti, c'era agitazione tra la gente di questa comunità.

Erano diventati più violenti col passare del tempo e si ribellarono contro i loro padroni olandesi. Queste rivolte avevano causato la morte di un alto funzionario della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

L'incidente ha cambiato il modo in cui gli schiavi erano controllati finora e governanti coloniali era diventato più duro e testardo nei confronti degli schiavi. Su un tratto di terra furono costruiti alloggi separati per i salve per garantire la sicurezza dei loro padroni. Anche se era stata una piccola penisola, era nota come a liji o isola nelle mappe olandesi. Oggi Colombo 2 o Slave Island era stata la dimora degli schiavi durante il dominio olandese.

Sirambidiya Kaffir un altro gruppo di persone ha lavorato come salvataggi e sono stati portati da Lisbona in Etiopia. Kaffir ha un'origine africana ma in seguito ha abbracciato la cultura portoghese. Parlavano creolo portoghese dello Sri Lanka e si convertirono al cattolico romano. Negli ultimi secoli si sono mescolati con le comunità indigene, attraverso matrimoni misti.

Questa comunità è ancora unita; a Sirambidiya si incontrano una volta alla settimana a casa di uno dei membri per esercitarsi Chikoti o canti tradizionali. Il creolo, la lingua portoghese dello Sri Lanka era stata la loro lingua principale, ma è usata solo per cantare Chikoti oggi il singalese è diventato la lingua principale tra i kaffir.

La comunità è notevolmente cambiata nelle generazioni precedenti e ciò che è più evidente dalla loro origine africana sono le forme di danza tradizionali. La caratteristica più sorprendente delle danze è il modo in cui scuotono i fianchi e il movimento delle braccia e dei corpi.

I kaffir sono un altro piccolo gruppo etnico del paese che vive in armonia con altri gruppi etnici da diversi secoli. Aggiungono valore al paese essendo un gruppo di persone che contribuiscono all'etnia e diversità culturale di Lanka.