Jaya Sri Maha Bodhi / Albero Sacro Bo

Si ritiene che Jaya Sri Maha Bodhi, il sacro albero bo, si sia sviluppato da un taglio del ramo meridionale dell'albero bo, Sri Maha Bodhi, che fu distrutto durante il regno del re Ashoka, a Buddha Gaya in India, sotto il quale Siddhartha Gautama (Buddha) raggiunse l'illuminazione.

Sommario

Qual è il sacro albero bo?

Il ficus religiosa o fico sacro è un tipo di fico originario del subcontinente indiano e dell'Indocina che ha un posto con le Moraceae, la famiglia del fico o del gelso. È anche chiamato albero della bodhi, albero dei brufoli, albero peepul, albero peepal, albero pPpala, albero Ashvattha o Asathu in singalese. Si ritiene che il fico sacro abbia importanza in tre grandi religioni che hanno avuto inizio nel subcontinente indiano, l'induismo, il buddismo e il giainismo. I monaci indù e giainisti credono che la specie sia sacra e spesso meditano sotto di essa. Un albero di queste specie sotto il quale si ritiene che Gautama Buddha abbia raggiunto l'illuminazione. Il fico sacro è l'albero di stato delle province indiane di Odisha, Bihar e Haryana.

Cos'è Jaya Sri Maha Bodhi?

L'albero della Bodhi chiamato anche albero di Mahabodhi, o albero Bo, è un enorme albero di fico sacro situato a Bodh Gaya, Bihar, in India. Si dice che Siddhartha Gautama, il leader spirituale che divenne noto come il Buddha, abbia raggiunto l'illuminazione o la Buddità intorno al 500 a.C. sotto questo albero. Nell'iconografia rigorosa, l'albero della Bodhi è inconfondibile per i suoi cuori.

Dov'è Jaya Sri Maha Bodhi?

Jaya Sri Maha Bodhi è un sacro albero bo storico (Ficus religiosa) nel Giardino Mahamewuna nell'antica città di Anuradhapura, Sri Lanka. Si ritiene che questo albero sacro sia stato sviluppato da un taglio del ramo meridionale dell'albero bo, Sri Maha Bodhi, che fu distrutto durante il regno del re Ashoka, a Buddha Gaya in India, sotto il quale Siddhartha Gautama (Buddha) raggiunse l'illuminazione.

L'arrivo di Jaya Sri Maha Bodhi nello Sri Lanka

La monaca buddista Sangamitta, figlia del sovrano indiano Ashoka, 288 a.C., portò l'alberello nello Sri Lanka, allora il re dello Sri Lanka era il re Devanampiya Tissa. Con oltre 2,300 anni di età, Sri Maha bodhi è il più antico albero vivente piantato e documentato dall'uomo sul pianeta con una data di impianto nota.

Il Mahavamsa, o la grande cronaca, fornisce un intricato resoconto della fondazione del Jaya Siri Maha Bodhi sull'isola e il conseguente miglioramento del sito come importante luogo di viaggio buddista.

Jaya Siri Maha Bodhi è piantato su una terrazza sopraelevata, a circa 6.5 ​​metri sopra l'area circostante, e accompagnato da altri 4 alberi bo piantati a un'altitudine inferiore e sono chiamati "Parivara Bodhi" piantati per la loro assicurazione. Il sito storico con alberi bo sotto la supervisione del capo incumbent di Atamasthana e dell'Atamasthana Palakasabha, l'organo autorevole dell'Atamasthana, riceve ogni anno un gran numero di devoti.

Il sito storico è aperto ai devoti e ospita costantemente varie attività religiose con la partecipazione dei devoti. Tuttavia, l'accesso al patio più alto dove si trova l'albero bo è limitato solo a dignitari selezionati, a causa della vecchiaia dell'albero e dei molti sforzi distruttivi compiuti da alcuni individui in passato, compreso un attacco terroristico da parte delle LTTE nel 1985, dove furono massacrate circa 146 persone.

Il Jaya Sri Maha Bodhi è un albero sacro Bo, che si trova nel giardino Mahamewna ad Anuradhapura, nello Sri Lanka. Oltre al fatto che è l'albero vivente legittimo più vicino con una connessione con Gautama Buddha, è anche il più antico albero piantato dall'uomo sul pianeta con una data ben documentata e una storia scritta.

2600 anni fa, il Buddha raggiunse l'illuminazione, durante il processo Buddha si sedette con la schiena contro un albero Esathu (Aśvattha) sulle rive del fiume Neranjana a Bodhgaya, in India. Fu in quel momento che si sedette contro l'albero e si dice che Buddha abbia raggiunto l'illuminazione. In tal modo, anche l'albero acquisì uno status adorato. Ha guadagnato lo status sacro ed è diventato il sacro albero Bo, e i devoti hanno visitato l'albero anche durante la vita del Buddha.

Dopo il 236 a.C., il re Asoka inviò la monaca buddista Sanghamitta dall'India allo Sri Lanka. Con lei portò la parte meridionale del primo ramo dell'albero, sotto il quale il Buddha raggiunse l'illuminazione. Questo ramo fu cerimoniosamente presentato a Devanampiya Tissa, uno dei primi re dello Sri Lanka, il cui governo fu importante nello sviluppo del buddismo. Nel 288 a.C., Tissa stabilì parte dell'albero della Bodhi nel suo Parco Reale ad Anuradhapura.

Il Jaya Sri Maha Bodhi, come è diventato noto, da allora è stato davvero focalizzato e salvaguardato da sacerdoti buddisti e re devoti. Nel corso degli anni, i buddisti hanno fatto numerosi voti e offerte alla base dell'albero sacro e hanno costruito sculture, fosse d'acqua, recinzioni brillanti e muri attorno ad esso.

In alcune occasioni, l'albero ha affrontato seri pericoli, e non solo da elefanti selvatici. Due tempeste nel 1907 e nel 1911 provocarono la rottura di rami. Un vandalo ha cercato di distruggere l'albero nel 1929, tagliando un altro ramo. Nel 1985, i separatisti delle Tigri Tamil hanno infuriato il sito e massacrato 146 cingalesi-buddisti nel patio superiore.

I buddisti dell'isola hanno avuto l'atto di visitare e dare il dovuto rispetto allo Sri Maha Bodhi. È usanza annuale per i buddisti di tutta l'isola, anche da città lontane, visitare la città di Anuradhapura e portare il dovuto rispetto allo Sri Maha Bodhi. Il custode di questo luogo sacro dà costantemente contributi diversi.

I buddisti, in generale, credono che le osservanze e le offerte religiose svolte a Sri maha bodhi portino cambiamenti critici e positivi nella loro vita quotidiana. Allo stesso modo è stato standard per alcuni buddisti impegnarsi a promettere davanti al Jaya Sri Maha Bodhi per la consegna sicura dei loro figli senza deformità e per la stragrande maggioranza delle altre correzioni.

allo stesso modo, è stata a lungo una pratica tra le persone che praticano l'agricoltura ad Anuradhapura offrire ogni anno la prima parte del loro raccolto di riso all'albero di Sri Maha Bodhi. Credono fermamente che tali offerte portino a un raccolto migliore nei prossimi anni con danni minimi al raccolto dalla stagione secca e attacchi di parassiti, compresi gli attacchi di elefanti selvatici.

L'alberello di Sri Maha Bodhi fu portato sull'isola nel terzo secolo aC da Sangamitta Theri (Pali; sanscr.: Sanghamitra), figlia del re Asoka e fondatrice delle monache buddiste nello Sri Lanka. Devanampiya Tissa, all'epoca il re Sri Lanak, lo piantò nel 288 a.C. su una piattaforma sopraelevata nel Parco Mahamevnwa di Anuradhapura, a circa 6.5 ​​metri (21.3 piedi) dal suolo e circondata da ringhiere.

Anuradhapura

Anuradhapura è un'importante città situata nella provincia centro-settentrionale dello Sri Lanka. È la capitale della regione centro-settentrionale e la capitale dell'area di Anuradhapura. La città si trova a 205 chilometri (127 miglia) a nord della capitale di Colombo, nella provincia centro-settentrionale, sulle rive dell'antica Malwathu Oya. La città è attualmente un sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Sangamitta

Saṅghamittā era una monaca buddista indiana e la figlia maggiore del re Ashoka e della sua prima moglie, Devi. Insieme a suo fratello Mahinda, divenne suora. I due fratelli vennero in seguito nello Sri Lanka per diffondere le lezioni del Buddha in linea con il re Devanampiya Tissa che era un contemporaneo di Ashoka. All'inizio Ashoka era riluttante a mandare sua figlia in missione all'estero. Comunque sia, a causa della richiesta della stessa Sangamitra, alla fine acconsentì. Fu spedita in Sri Lanka insieme ad alcune altre suore per iniziare la genealogia religiosa reclusa di Bhikkhunis in linea con il sovrano Tissa per nominare la sovrana Anulā e altre dame della corte di Tissa ad Anuradhapura che volevano essere nominate suore dopo che Mahindra le aveva scambiate. completamente al buddismo.