Iscrizione di Vallipuram

Vallipuram Sannasa

Vallipuram Sannasa è stato scoperto nella divisione di Vadamarachchi situata nel distretto di Jaffna. Fornisce le prove per dimostrare che il singalese è la lingua principale nel nord dello Sri Lanka nel 2nd secolo d.C. Questo Sannasa è un antica opera letteraria dello Sri Lanka e sono disponibili in vari materiali come foglie di palma, argento, rame, oro ecc. Vallipuram Sannasa è una lastra d'oro ed è scritta in Brahmi lettere di 2nd secolo d.C. Lo stesso alfabeto è riportato in diverse altre iscrizioni lapidee risalenti allo stesso periodo, in diversi luoghi dello Sri Lanka.

Origine dell'iscrizione

L'iscrizione è originata nel 2nd secolo d.C. durante il Periodo di Anuradhapura. Secondo la targa d'oro Vallipuram, Nagadeepa e Jaffna erano sotto il controllo del re Wasabha di Anuradhapura. Il re aveva affidato il compito di governare la regione a uno dei suoi ministri.

Esplorando l'iscrizione

Il piatto d'oro fu esplorato per la prima volta da JP Lewis, l'agente del governo di Ceylon (1903-1904). Ha aveva fatto una lunga descrizione del contenuto del Sannasa nel suo libro "Ceylon Antiquary-Literary Register" (Secondo volume), pubblicato nel 1916.

Secondo le informazioni sul libro, c'era stato un statua di Buddha vicino alla Vishnu Kovil (tempio indù) di Vallipuram. Resti di un antica fortezza sono stati scoperti in questo sito religioso con alcuni resti di vecchi mattoni.

Il piatto d'oro era nascosto nel terreno sotto le fondamenta di Vishnu Kovil. Il piatto è lungo poco più di tredici pollici e largo un pollice e pesa 69.5 grani. La lastra sottile è incisa sul lato mentre l'altro lato è mantenuto bianco.

Quali sono le informazioni nascoste nell'iscrizione?

Secondo la tavola, quando era sul trono il re Wasabha di Anuradhapura (65 d.C. – 109 d.C.), un ministro di nome Isigira aveva ordinato ai suoi subordinati di costruire un tempio buddista a Vallipuram. Il distretto di Jaffna era conosciuto come Nakadiva (Nagadeepa) nel piatto ed era governato dal re Wasabha nel 2nd Secolo d.C.

Il regno di Wasabha era stato uno dei periodi più prosperi dell'isola. Come sostiene il Prof. Paranawithana, il regno di Il re Wasabha era l'El Dorado di Lanka economico, culturale e politico.

Come descrive la targa d'oro, il ministro era stato un buddista singalese e la lingua singalese era stata la lingua principale del popolo. Secondo diverse fonti storiche di informazioni come cronache e iscrizioni, si sapeva che la gente del nord dello Sri Lanka aveva la stessa lingua, religione e origine della gente di Anuradhapura.

Era una forte indicazione di esistere Cultura buddista singalese nella parte settentrionale del paese durante il periodo del regno di Anuradhapura. Oltre agli storici, c'erano stati sistemi politici, religiosi e culturali identici nel parte settentrionale dello Sri Lanka e nel resto del paese.

La lingua dell'iscrizione

La targa d'oro era scritta in lettere Brahmi, lettere Brahmi erano per lo più vedenti antiche cave di granito, dove si erano rifugiati i monaci buddisti. Iscrizioni scritte in lettere Brahmi trovate in antichi templi buddisti in varie parti del paese. L'iscrizione scritta in lettere Brahmi può essere vista sotto le sporgenze delle grotte di granito, come ad esempio Tempio rupestre di Dambulla. Queste iscrizioni sono state scritte sotto gocciolatoi per lo più dicono che le grotte erano riservate ai monaci buddisti del presente e del futuro.

La targa d'oro è una prova preziosa per dimostrare la forte presenza buddista singalese nel paese, compresa la parte settentrionale in passato. Questa preziosa prova può essere utilizzata per risolvere molte opinioni controverse che esistono riguardo alla provincia settentrionale del paese.