Luoghi per le immersioni subacquee in Sri Lanka

La profondità delle barriere coralline attorno all'isola è compresa tra 5 e 10 metri e fino a 40 metri. Le barriere coralline sottomarine, molte specie di pesci corallini, antichi relitti di navi, grotte e formazioni coralline rendono lo Sri Lanka uno dei migliori siti di immersione al mondo. Le barriere coralline offrono molti siti interessanti per le immersioni subacquee in Sri Lanka e lo snorkeling.

Sommario

Sri Lanka come destinazione per le vacanze al mare

Le spiagge incontaminate intorno all'isola sono un paradiso per gli amanti delle vacanze al mare. Ogni anno migliaia di turisti visitano le spiagge intorno all'isola. Le spiagge della costa occidentale e meridionale sono le più apprezzate dai turisti, mentre anche la costa orientale attira un numero considerevole di viaggiatori da maggio a ottobre. La maggior parte dei pacchetti di viaggio in Sri Lanka sono inclusi nei tour sulle spiagge dello Sri Lanka. Ad esempio, a Tour di 7 giorni nello Sri Lanka con un tour sulla spiaggia dello Sri Lanka offre una vasta gamma di attrazioni, come luoghi storici, pittoresche colline, parchi naturali e spiagge.

Luoghi per le immersioni subacquee in Sri Lanka

Sri Lanka, un'isola dell'Oceano Indiano, è circondata da belle spiagge, baie, insenature, lagune e barriere coralline e l'isola vanta molti dei punti di immersione più famosi al mondo. Le acque intorno all'isola sono ricche di scogliere, relitti, grotte e formazioni coralline e sono abitate da migliaia di specie di flora e fauna sottomarina. Essendo un importante luogo commerciale tra gli antichi commercianti, in passato i porti dello Sri Lanka erano spesso visitati da navi mercantili straniere. Allo stesso tempo, la vicinanza alla rotta commerciale est-ovest consente all’isola di fornire strutture per le navi in ​​transito.

Gli antichi porti marittimi sulla costa occidentale dello Sri Lanka erano visitati da marinai provenienti da Grecia, India, paesi arabi e Cina. In passato nella regione si sono verificati numerosi movimenti di navi e alcune di esse sono scomparse in acqua per vari motivi.

C'erano molte navi perirono durante il tempo antico, della rotta marittima est-ovest vicino all'isola. Oggi questi relitti sono una delle maggiori attrazioni del mondo sottomarino dell'isola. L'esplorazione del mondo sottomarino nello Sri Lanka è iniziata negli anni '1960 e i subacquei sono riusciti a scoprire un residuo di una nave che trasportava monete d'argento. La maggior parte dei relitti dell'isola si trovano nella parte meridionale dell'isola.

L'acqua calda intorno allo Sri Lanka ospita migliaia di specie di flora e fauna sottomarina e tenta i surfisti e i subacquei di tutto il mondo per le immersioni e lo snorkeling nello Sri Lanka. In effetti, l'opportunità di praticare vari sport acquatici come le immersioni e lo snorkeling è uno dei motivi principali per cui molti viaggiatori prenotano tour e vacanze al mare in Sri Lanka.

La profondità delle barriere coralline intorno all'isola registrata da 5-10 metri e fino a 40 metri. Barriere coralline sottomarine, molte specie di pesci corallini, antichi relitti di navi, grotte, formazione di scogliere rendono lo Sri Lanka uno dei migliori siti di immersione al mondo.

Le barriere coralline dello Sri Lanka offrono molti siti interessanti per le immersioni e lo snorkeling. Le ampie barriere coralline sono abbondanti con molte specie di pesci esotici che aumentano la bellezza sottomarina. Barriera corallina, vibranti banchi di pesci e conchiglie sono alcune attrazioni dell'affascinante mondo sottomarino intorno all'isola.

spiaggia di hikkaduwa, pacchetto viaggio Sri Lanka, pacchetti vacanza Sri Lanka, pacchetto Sri Lanka, pacchetti vacanza Sri Lanka, Luoghi per le immersioni subacquee in Sri Lanka

Barriere coralline nello Sri Lanka

Le barriere coralline dello Sri Lanka sono molto diverse; 183 specie di coralli e oltre 300 specie di pesci di barriera, oltre a molti invertebrati marini, sono presenti nelle acque costiere che circondano l'isola. Le principali aree di barriera corallina si trovano sulle coste occidentali e sud-occidentali e nel nord-est intorno Trincomalee. Oltre 20 aree di barriera corallina sono state identificate come bisognose di protezione.

Finora quattro siti hanno ottenuto lo status di Aree Marine Protette (AMP). Questi sono il parco nazionale di Hikkaduwa, il santuario marino della barriera corallina di Bar, il santuario marino di Buona Vista e il parco nazionale delle isole dei piccioni. A tutti questi è stata data protezione legale a causa della disponibilità di barriere coralline e fauna correlata alla barriera corallina nelle acque circostanti. Oltre a queste AMP, le spigole e le spigole al largo della costa sud-orientale sono state dichiarate zone di gestione della pesca.

Le barriere coralline sono considerate uno degli ecosistemi più diversificati al mondo. È di fondamentale importanza che le barriere coralline di tutto il mondo siano protette e conservate. I benefici di barriere coralline sane e biologicamente diverse sono di vasta portata e incredibilmente preziosi. Tuttavia, affrontano molte minacce, sia a causa dell'attività umana che di eventi naturali. Si stima che gran parte delle barriere coralline del mondo siano già state distrutte e molte di quelle sopravvissute siano attualmente sottoposte a pressioni intense e crescenti. La situazione nell'Asia meridionale è di gran lunga peggiore della media globale; più della metà delle barriere coralline è stata distrutta e un ulteriore 10% si trova in una fase critica e probabilmente entrerà a far parte della categoria dei distruttori entro i prossimi 10-20 anni.

Le minacce umane alle barriere coralline sono molte e varie, le principali sono la pesca eccessiva e le pratiche di pesca distruttive, lo sviluppo costiero non pianificato e il relativo inquinamento, il turismo, il commercio di acquari e l'estrazione del carbone. Le pressioni naturali sono le inondazioni terrestri e il conseguente deflusso superficiale di sedimenti, i danni causati dalle tempeste tropicali, la piaga dei predatori di corallo e le malattie dei coralli che sono spesso causate dall'inquinamento umano e dallo scarico di acqua di zavorra dalle navi. Altri due eventi naturali che si sono verificati di recente sono lo sbiancamento dei coralli del 1998 e lo tsunami nell'Oceano Indiano del 2004.

Immersioni Sri Lanka

Effetto El Nino sulle barriere coralline dello Sri Lanka

Molte delle barriere coralline dello Sri Lanka sono state gravemente colpite dallo sbiancamento, attribuito a El Nino modello meteorologico. La barriera corallina ha subito una mortalità quasi totale di molte specie di coralli e Hikkaduwa ha perso circa il 40% della sua copertura di coralli vivi. Il recupero dei coralli è stato lento in molte aree in parte a causa della sedimentazione e della crescita eccessiva di alghe che ne impediscono la crescita, ma anche a causa delle numerose attività umane dannose che si verificano. I coralli della costa orientale sono colpiti dalla pesca esplosiva dilagante e in aumento negli eventi nel Regione di Trincomalee.

naufragi

Oltre al corallo, altre attrazioni sottomarine sono le grandi scogliere e le piccole scogliere di spigole, che si trovano a slo Sri Lanka esterno fornisce un sito per una spedizione archeologica.

Lo Sri Lanka è un'isola circondata dall'Oceano Indiano e l'isola era nota per essere un punto di scambio molto popolare tra gli antichi marinai. Ad esempio, Godawaya era un porto situato nel sud-ovest dello Sri Lanka e i commercianti provenienti da Grecia, India, Cina e paesi arabi chiamavano questo porto molto spesso.

La rotta marittima che si estendeva dal Mar Rosso all'Africa orientale, all'India, alla Cina e al sud-est asiatico era nota per essere la via della seta, situata appena a sud dello Sri Lanka. Poiché il paese si trova in questa rotta marittima est-ovest, il paese è stato il famoso ospite per le navi che visitavano gli antichi porti della parte meridionale, sud-occidentale, occidentale e orientale del paese. I commercianti che utilizzavano la rotta marittima est-ovest facevano scalo in questi porti per raccogliere acqua, cibo e carbone di cui avevano bisogno durante il loro viaggio.

Ci sono resti di molte navi che morirono migliaia di anni fa. Ci sono oltre venti naufragi identificati nel sud dello Sri Lanka. Il piroscafo che affondò nel 1889, nave indiana che affondò nei primi anni '60, una nave che trasportava una partita di bottiglie di vetro, una nave con una partita di ottone che affondò durante il Dominio olandese in Sri Lanka è uno dei degni di nota nell'elenco.

Esplorando relitti nella costa sud-occidentale

Le barriere coralline sono conosciute come barriere coralline grandi e piccole del sud dello Sri Lanka (a circa 6-7 miglia di distanza dalla terraferma dello Sri Lanka) è stata la ragione per cui molte navi sono morte nella regione. Questa regione pericolosa era chiamata 'Iron Pincer Island' nei primi giorni dai navigatori cinesi mentre era nota per essere una regione con potere magnetico per il Persiani. C'era una mappa di navigazione ben illustrata per evitare la regione pericolosa nel primo decennio del XV secolo. Nella famosa fiaba delle "Mille e una notte", viene descritto come i chiodi della nave di legno furono attratti verso le rocce magnetiche e come la nave fu distrutta.

Fino ai fari istituiti nel 1970, le grandi e piccole barriere coralline del sud dello Sri Lanka erano una trappola mortale per migliaia di navigatori. Il mare intorno ai bassi grandi e piccoli custodisce un'enorme quantità di oggetti di valore come oro, argento e monete, che contenevano le navi mercantili perite.

Anche se il tesoro sottomarino nella regione non è ancora completamente esplorato, una squadra di sommozzatori ha scoperto sacchi di monete d'argento indiane all'inizio degli anni '1960. Queste monete erano contenute in una nave, che apparteneva all'imperatore indiano Aurangzeb, che fu re dell'India dal 1658 al 1707 e suo padre era il noto imperatore Shar Jahan (che costruì il Taj Mahal). La nave sfortunata si stava dirigendo verso la Cina dall'India e stava navigando per il commercio della seta poiché è stata affondata nelle acque meridionali dello Sri Lanka per un motivo sconosciuto. Alcuni dei manufatti recuperati dalla scena sono ora esposti al Museo di Archeologia Marina di Galle Sri Lanka.

Gli archeologi hanno scoperto i resti di un'altra nave, che affondò più di 1000 anni fa e che apparteneva alla ditta Clark and Company. La maggior parte delle bottiglie affondate con la nave sfortunata furono rimosse dai cacciatori di tesori, lasciando alla vista ben poco della partita. Anche un'altra nave, che era di legno e trasportava una vasta collezione di mattoni di ottone, affondò nella regione pericolosa. Anche questo relitto viene saccheggiato dai cacciatori di tesori.

Ora il sito archeologico intorno ai grandi e piccoli bassi è protetto e sotto la supervisione della marina dello Sri Lanka. Le immersioni non autorizzate nella regione sono vietate. Tuttavia, le persone interessate possono ricevere il permesso dal governo dello Sri Lanka per esplorare i relitti nella regione.

Alcuni degli argenti recuperati dal fondo del mare erano in sacchi da “1000 Denari” e ora i sacchi si decompongono e le monete in “grumi” da 1000 denari ciascuno. Le immersioni in Sri Lanka possono essere combinate con lo studio dei vari tipi di vita oceanica sottomarina e la fotografia subacquea. Molti viaggiatori di piacere lo includono come attività nel loro viaggio in Sri Lanka mentre fanno base nel sud, nell'ovest o nella costa orientale.

Ci sono molte possibilità di assistere a una vasta collezione di barriere coralline, vita vegetale, coralli, bellissimi pesci marini come pesci pagliaccio, razze, anguille, idolo moresco, unicorno, istrice e angelo moresco. Ci si può aspettare di vedere più di 20 diverse specie di pesci tra cui il pesce farfalla giallo brillante e a strisce nere, il verde turchese brillante del pesce pappagallo e il profondo pesce chirurgo blu acquamarina durante le immersioni regolari.

I coralli che appartengono alle famiglie di Pocelloporidae (coralli dei fiori), Poritidae (coralli Donnie), Mussidae (coralli cervello), favidae (coralli Ster) e Aroporidae (coralli Staghorn) sono comunemente visti in tutta l'isola.

Immersioni, snorkeling a Hikkaduwa

Immergersi con le tartarughe marine è un'altra grande esperienza che ci si può aspettare a Hikkaduwa, nel sud-ovest dello Sri Lanka. Le tartarughe Oliver Ridley si avvicinano all'acqua al largo nel pomeriggio e durante la notte principalmente per nutrirsi. Possibilità di osservarli da vicino sul spiagge dello Sri Lanka sono molto alti mentre vengono in superficie per respirare ogni 30 minuti.

L'acqua dello Sri Lanka è considerata un sito di immersione ideale sia per gli studenti che per i subacquei esperti. Ci sono molti centri di immersione riconosciuti in tutta l'isola che forniscono servizi per i subacquei e sono dotati di tutte le moderne attrezzature subacquee e di istruttori qualificati. I subacquei possono esplorare il mondo sottomarino durante tutto l'anno in luoghi diversi, a seconda della stagione dei monsoni. Il sud-ovest è la parte migliore dell'isola per le immersioni da novembre ad aprile con visibilità chiara fino a 20 metri. Da aprile a novembre è considerato il periodo migliore per le immersioni nell'est e nel nord-est dello Sri Lanka.

Hikkaduwa, Ambalangoda, Dondra, Bentota, Negombo e Tangalle riconosciuti come un punto caldo per le immersioni e le migliori spiagge nella parte occidentale e meridionale dell'isola. Nilaveli (isola dei piccioni), Batticaloa, Passekudah, Kalmunai e Kattankudy sono considerati punti caldi per le immersioni nella costa orientale. Un gran numero di turisti, che trascorrono il loro vacanze al mare in Sri Lanka riunendosi in questi punti di immersione per le immersioni e lo snorkeling. Le immersioni e lo snorkeling sono una delle attività più ambite dagli amanti delle vacanze al mare in Sri Lanka.

Perché l'isola di Pigeon è un sito eccezionale per le immersioni e lo snorkeling

Ci sono ventuno riserve naturali nello Sri Lanka e due di esse sono riserve naturali marine, vale a dire Hikkaduwa nella costa occidentale e Pigeon Island sulla costa orientale. Pigeon Island è stata dichiarata per la prima volta riserva naturale nel 1974, al fine di renderla un luogo sicuro per un gran numero di specie di uccelli residenti. A causa dell'importanza ecologica e dell'elevata biodiversità, Pigeon Island è stata dichiarata riserva naturale nel 2003.

La riserva naturale di Pigeon Island si estende su 470 ettari ed è uno dei luoghi più attraenti tra i turisti. Se sei stato sulla spiaggia di Nilaveli, devi aver visto l'isola dei piccioni. L'isola, ben visibile dalla spiaggia di Nilaveli, è l'isola dei piccioni e si trova a circa un chilometro dalla terraferma. I turisti impiegano circa 15 minuti per raggiungere l'isola da Nilaveli. Un gruppo di diportisti è pronto a portarti lì, questi diportisti sono ancorati intorno alla spiaggia di Nilaveli.

L'isola è un paradiso per gli amanti del birdwatching, a causa di un gran numero di specie di uccelli residenti. Il nome "Pigeon Island" è direttamente attribuito alla concentrazione di piccioni sull'isola. Anche se sembra un'isola dalla terraferma, questa riserva naturale è composta da un'isola grande e una più piccola.

Pigeon Island è circondata da rocce e barriere coralline. Le acque poco profonde intorno all'isola consentono di osservare da vicino un gran numero di specie di pesci, coralli e flora sottomarina. L'acqua cristallina e pulita intorno all'isola è riconosciuta come uno dei posti migliori per lo snorkeling e le immersioni subacquee in Sri Lanka.

Anche se El Niño (El Nino, un riscaldamento anomalo delle acque oceaniche superficiali nel Pacifico tropicale orientale, è una parte di quello che viene chiamato Oscillazione del sud) colpì le barriere coralline in tutto il paese nel 1998, distruggendo una notevole quantità di coralli, sorprendentemente le barriere coralline intorno all'isola furono risparmiate dall'effetto El Nino. Pertanto la maggior parte delle barriere coralline (71%) intorno all'isola sono formate da coralli vivi.

Dalle direzioni nord e nord-est dell'isola, si possono vedere le bellissime spiagge sabbiose e possono essere utilizzate per prendere il sole. Nelle acque delle parti nord e nord-ovest di Pigeon Island ci sono diverse barriere coralline giganti. Queste barriere coralline sono lunghe circa 200 metri e larghe circa 100 metri.

C'è un gran numero di barriere coralline, verso l'esterno dell'isola oltre le principali barriere coralline. Queste barriere coralline sono formate come punte e si estendono fino a 15 metri di profondità nell'acqua. Ci sono 39 specie di corallo intorno all'isola e la maggior parte di esse sono classificate sotto Favidae. Il 74% di questi coralli sono specie Acropora mentre il resto è costituito da specie Montipora, Forites, Goalaxea, Favia, Favites, Platygyra e Leptoria.

300 specie di pesci sono state identificate nelle acque di Trincomalee e 100 di loro possono essere visti intorno all'isola dei piccioni. Diverse specie di pesci di Pulitori come i labroides bicolore abitano intorno ai coralli di Pigeon Island. Specie di pesci che vivono nelle acque poco profonde come Juvenile e Carcharrhinus melanopterus così come specie di pesci di acque profonde, che vivono intorno alle barriere coralline, come Cheilinus imbri ata, si trovano intorno ai coralli dell'isola dei piccioni.

Le acque intorno all'isola sono abitate da diverse specie di specie animali in via di estinzione come la tartaruga embricata (Eretmochelys imbricata), tartaruga marina verde (Chelonia mydas) e Olive Ridley (Lepidochelys olivacea). Queste tartarughe si trovano qui molto spesso durante il loro periodo di nidificazione.

Il punto più alto dell'isola è di 15 metri sopra il livello del mare. L'isola è costituita principalmente da dune di sabbia, rocce e formazioni calcaree. Si può vedere un'isola corallina a circa 500 di distanza dall'isola che consente l'accesso per esaminare la formazione di Fringing Coral Reefs.

Poiché l'isola si trova nella zona secca dello Sri Lanka, le precipitazioni annuali nell'isola sono stimate tra 1000-1700 mm. Anche se il clima temperato sulla terraferma sta superando i 30°C, la temperatura nell'isola è moderata dalla brezza marina e misurata intorno ai 27°C.

La vegetazione dell'isola può essere classificata sotto la foresta della zona arida e consiste principalmente di cespugli spinosi. Ci sono diversi alberi di medie dimensioni conosciuti come Gansuriya o palissandro del Pacifico (Thespesia populnea) nell'isola che fornisce un riparo per gli uccelli. Questi alberi sono alti circa 20 piedi e hanno una grande chioma con foglie relativamente più grandi.

L'isola è sotto l'influenza del monsone di nord-est da ottobre a febbraio. Si consiglia vivamente di tenersi alla larga dall'isola durante questo periodo, a causa della corrente sottomarina molto attiva e delle forti onde del mare.

Luoghi in cui immergersi a Colombo

L'ultima aggiunta alla collezione di relitti nell'isola è identificata come la SS Worcestershire, che affondò durante la prima guerra mondiale. La nave gigante era lunga 137 metri e larga 16.6 metri. Il relitto si trova a 12 km dalla costa di Giro della città di Colombo. Un gruppo di sommozzatori ha identificato la nave e si trova a 57 metri sotto la superficie e la nave è gravemente danneggiata dall'interno. La nave era stata occupata dai soldati britannici al momento della distruzione.

Si ritiene che la nave sia stata affondata dai tedeschi e che a tale scopo abbiano utilizzato mine marine. Lo stesso gruppo di sommozzatori ha localizzato un'altra nave vicino a Colombo e che si ritiene sia una nave mercantile britannica chiamata SS Perseus.

Entrambe le navi erano perite durante la Prima Guerra Mondiale, le mine furono poste dalla corazzata tedesca”SMS Lupo”. La seconda nave si trovava a circa 40 m sotto la superficie. I giovani subacquei sono stati in grado di esplorare entrambi i siti e hanno affermato che questi siti sono diventati grandi barriere coralline e stanno fornendo gli ambienti migliori per un gran numero di creature marine sottomarine.

Con l'identificazione dei relitti al largo di Colombo, la costa occidentale diventerà un luogo attraente per gli appassionati di immersioni di tutto il mondo. Lo Sri Lanka meridionale era stato a lungo nel radar dei subacquei e la costa occidentale era stata trascurata a causa della mancanza di tali siti. Si ritiene che l'identificazione di nuovi relitti faccia cambiare idea ai subacquei e li attragga anche sulla costa occidentale.

Dove posso trovare gli attrezzi essenziali per le immersioni subacquee in Sri Lanka?

Gli attrezzi essenziali necessari per le immersioni subacquee in Sri Lanka e lo snorkeling possono essere acquistati o noleggiati nelle aree del resort, specialmente dove si fanno immersioni e snorkeling come Hikkaduwa. Ci sono molti posti nelle aree del resort che noleggiano articoli essenziali per le immersioni, quindi è consigliabile verificare con diversi fornitori di servizi per ottenere il miglior prezzo dell'attrezzatura.

Come posso prenotare un'immersione subacquea in Sri Lanka?

Ci sono molti tour operator locali che offrono pacchetti per le immersioni subacquee in Sri Lanka e lo snorkeling. Sono per lo più concentrati nelle zone di villeggiatura come Hikkaduwa, Bentota, Unawatuna ecc. I visitatori sono liberi di entrare in questi centri di immersione e possono prenotare un'attività continuamente. L'ospite ha un'opzione di prenotazione online con alcuni dei fornitori di servizi per le immersioni e lo snorkeling.

Di solito, le immersioni subacquee in Sri Lanka o il tour di snorkeling sono offerti come un pacchetto che soddisfa tutti i requisiti per le attività come la barca, l'istruttore, l'attrezzatura ecc. Di solito, le tariffe dipendono dalla durata dell'immersione o dello snorkeling. Le immersioni e lo snorkeling iniziano la mattina presto e normalmente questi tour non vengono offerti la sera poiché l'alta marea deteriora la visibilità nell'offerta.