Il dominio olandese in Sri Lanka

Il dominio olandese in Sri Lanka

Il regno singalese di singalese durante l'occupazione olandese a Ceylon.

Divisione

Rajasinghe lo era de jure imperatore di tutta Ceylon o Sri Lanka, ma de facto riuscì a mantenere solo quelle parti di Ceylon sulle quali la compagnia olandese non poteva far valere alcun diritto, e quelle da cui riuscì a tenere fuori gli olandesi.

Questa era di gran lunga la parte più grande, sebbene non la più importante o la più fruttuosa dell'isola, e consisteva in quanto segue: primo, i principati di Kotte, un tempo detenuti dai portoghesi e ora coperti, vale a dire i sette, quattro e tre Korales, Alutgama e Sabaragamuwa; in secondo luogo, i principati portati sotto il dominio di Kandy durante la decadenza dei re Kotte, cioè Nuvarakalaviya, Matale, Tamankaduwa, Bintenna, Vellassa; e in terzo luogo i Rata di cui originariamente era costituito il regno quando era un piccolo sottoregno, vale a dire: Udu Nuwara, Tumpane, Harispattuwa, Dumbara, Hevaheta e Kotmale.

Di questi il ​​primo e il secondo gruppo erano disavanis, e confinanti con il territorio olandese, erano di grande importanza. Anche Valapane, Matale e Uda Palata furono in seguito chiamati disavani. Gli altri lo erano ratti

La costituzione

Il potere del re era supremo e assoluto. Lui solo ha fatto la pace o la guerra; lui solo aveva il potere della vita e della morte. Eppure ci si aspettava che fosse guidato nel suo governo dalle istituzioni del paese e dai costumi degli antenati. Ad esempio, prima di apportare qualsiasi cambiamento importante, doveva consultare i principali ufficiali e capi sacerdoti. Il suo potere regio si esercitava attraverso molti ufficiali ai quali delegava una limitata giurisdizione, civile, giudiziaria, militare, su determinate porzioni del regno o su diverse classi di persone.

Adigar e Disava

I più importanti di questi ufficiali erano i due adigar o maha nilame, chiamati rispettivamente Pallegampaha e Udugampaha adigar o primo e secondo adigar, che avevano ciascuno una supervisione generale e vicereale su metà del regno. Erano i più alti per nascita, rango e onore e conducevano importanti affari di stato e feste, riparavano templi, sovrintendevano kraal di elefanti e lavori pubblici. Subordinati a loro erano i disavas o governatori o governatori dei disavanis, i laterali as oi governatori dei ratas, e vidanes o capi dei villaggi. Questi erano incaricati della riscossione delle entrate, dell'esazione del servizio e del rajakariya, della costruzione e riparazione di edifici pubblici, strade e case di riposo per il re quando viaggiava, ciascuno all'interno del proprio territorio. I due adigar generalmente detenevano il dasavaship di uno o più dei principali disavani.

Lekams

Accanto ai capi territoriali c'erano i capi dei dipartimenti o lekam del atapattu o dipartimento dei lavori pubblici, kottal badde o dipartimento degli artefici, il kuruve o il dipartimento degli elefanti, il madige o dipartimento carro-buoi, che aveva giurisdizione non su distretti definiti, ma su persone soggette al servizio del dipartimento e disperse in varie province. I capi provinciali e dipartimentali vivevano a corte e conducevano la loro amministrazione attraverso capi subordinati da loro nominati.

Remunerazione dei funzionari

Adigars, disava, lekams, vidanes sono stati scelti per nascita e rango e hanno dovuto pagare dekum o doni al re alla prima nomina e poi annualmente. Possedevano terre (Nindagam) per il loro mantenimento e avevano diritto a determinati diritti e servizi da parte delle persone sotto la loro giurisdizione, che inoltre dovevano dar loro dekum alla prima nomina e annualmente e ogni volta che avessero bisogno dei servizi dei funzionari.

Giudiziario

Il re era la fonte della giustizia ed esercitava i suoi diritti quando, dove e come voleva. Gli adigar, i disava e i vidanes giudicavano tutte le cause, civili e penali, all'interno del loro territorio, ma un appello consentito a un capo superiore e, infine, al re, che solo poteva emettere una sentenza di morte. Hanno ricevuto regali da entrambe le parti per una causa e qualsiasi multa inflitta era il prerequisito del giudice. Ci fu un grande consiglio di giustizia, il mah naduva, composto dai capi e presieduto dal re. Le controversie sulla casta e sul costume furono risolte in a valuta Sabha o consiglio di campagna, presieduto da un capo; e gli affari di ogni villaggio furono risolti in a gamsabha o consiglio di villaggio.

Proprietà fondiaria

Tutte le terre del regno appartenevano al re ed erano da lui donate a templi, vihara, devalaya o capi o a persone in cambio di servizi o pagamento di quote in natura, oppure erano riservate al re stesso e coltivate per lui dagli inquilini . Tutte le passività erano legate alla terra che poteva essere venduta o alienata, ma soggetta alle quote e ai servizi, e nessun uomo era vincolato ad alcun servizio a meno che non possedesse la terra. Oltre alle quote e ai servizi derivanti dal possesso delle terre, il popolo doveva pagare maral o doveri di morte, dekum di doni, ai capi e al re. La presentazione delle imposte è avvenuta alle a perahera o raduno di forze in orari prestabiliti, come una volta a Kotte, quando venivano fissate le diverse nomine.

Coltivazione

Le terre non erano coltivate per il mercato, ma solo per il consumo personale o per il re o per le quote per il baratto di sale, pesce e stoffa. Così tutti i prodotti che potevano essere venduti erano il prodotto delle terre che venivano pagate come quote al re o ai capi. Se un uomo coltiva qualcosa di buono, potrebbe essere rivendicato dal re o dal capo, e il coltivatore sarebbe inoltre obbligato a portarlo al re o al capo. C'era anche poco denaro nel paese, e tutto ciò di cui la gente aveva bisogno si otteneva barattando i prodotti della terra a Puttalam, Kottiyar o Batticaloa o con i musulmani itineranti che scambiavano stoffa, sale e pesce salato, con i prodotti della paese che vendevano nei porti.

Il modello del dominio olandese nell'isola

Il regime della Compagnia Olandese delle Indie Orientali era durato ben più di un secolo. Non era un governo della nazione olandese o di un sovrano olandese, ma un governo di una società commerciale, la VOC (Vereenigde oost-indische Compagnie, Unite East India Company) che amministrava le pianure di Ceylon, non nell'interesse dei residenti olandesi, ma puramente e grossolanamente nell'interesse della compagnia.

La società ne governava i possedimenti così come un proprietario terriero gestisce una tenuta, valorizzandola, migliorandone e sviluppandone le risorse naturali, e curando i suoi abitanti per quanto potevano essere utili. La volontà del proprietario era la legge, i suoi interessi la preoccupazione suprema e i suoi profitti la ricompensa. Tutte le altre cose, legge, politica, religione, educazione erano subordinate all'unico scopo di aumentare direttamente o indirettamente i profitti della società. Ma a differenza di un proprietario terriero, non aveva alcun potere superiore per portarlo all'incarico o per far rispettare i suoi doveri o evidenziare i suoi mali.

Trattare con il sovrano

Trattare con il sovrano naturale del paese era dettato dagli stessi principi di interesse personale. In primo luogo ha offerto i suoi servizi al re contro i portoghesi solo per ottenere il controllo esclusivo dei prodotti delle terre. Senza badare all'assassinio di de Weert o di Coster, continuò a perseguire quel fine. Quando la compagnia divenne sospettosa del re, non esitò a infrangere le sue promesse e trattenere le terre in pagamento per i servizi, pacificando il re con lusinghe e regali. Dopo la morte di Rajasinghe, avanzò la pretesa di possedere le terre per diritto di conquista e alternativamente adulare i re o maltrattarli, a seconda che fossero in grado di aiutare o rovinare il commercio della compagnia, e la compagnia al nello stesso tempo sopportò insulti e umiliazioni per evitare le spese di una guerra e possedere le terre in pace.

Avere a che fare con le persone

Il suo atteggiamento nei confronti degli abitanti era mosso anche da interessi commerciali. La società ha trovato le persone divise in caste e soggette a un sistema di possesso della terra e rajakariya, e ha fatto un ottimo uso dei sistemi e li ha trasformati a proprio vantaggio. Gli ufficiali della compagnia erano i più rigorosi nell'esigere servizi e diritti d'uso, ma quando tale esazione provocava rivolte erano pronti a fare concessioni per non lasciare che le ribellioni rovinassero il loro commercio. La società non assunse mai la gente del paese in alcun posto amministrativo dipendente, ma solo in uffici subordinati alla riscossione delle entrate, che erano remunerati con concessioni di terreni senza alcun onere per la società. Coloro che non erano singalesi o tamil, come musulmani e chetties, sebbene nati e cresciuti nell'isola, erano considerati stranieri ed esigevano uliyam servizio da loro e li ha sottoposti a molte vessatorie restrizioni.

Vantaggi della regola della società

Ma il governo della compagnia era per molti versi vantaggioso per il re, il popolo e il paese. Durante il suo governo, il re di Kandy era servito e onorato come non lo era mai stato né prima né dopo; il suo regno era generalmente libero da invasioni e i suoi sudditi indisturbati. Le persone che vivevano nel territorio olandese avevano pace, governo stabile e tribunali per proteggere la loro vita e proprietà. Hanno avuto molte opportunità di aumentare la loro sostanza partecipando alle numerose industrie e imprese agricole che l'azienda ha promosso.

Istituzioni beneficiarie

La tipografia, il lebbrosario, le scuole ei seminari erano istituzioni benefiche, anche se questi ultimi erano per lo più destinati a istruire catechisti e fautori per sopperire all'assenza di ecclesiastici; e le scuole insegnavano il catechismo cristiano della religione riformata agli alunni forzati e poco altro.

Sviluppo delle comunicazioni

Il servizio di gran lunga più grande che gli olandesi hanno reso a questo paese è stato lo sviluppo delle sue risorse agricole e delle sue industrie. Le strade per il traffico su ruote collegavano i capoluoghi, i ponti attraversavano i fiumi minori e le barche traghettavano i viaggiatori su quelli più grandi; i canali fornivano mezzi di trasporto economici e facili, e l'irrigazione delle zone asciutte e il drenaggio delle terre paludose aiutavano la gente. L'azienda ha anche introdotto molti nuovi prodotti agricoli o ha fornito strutture migliori per la coltivazione di prodotti più vecchi. Fu così fortemente incoraggiata la coltivazione del caffè, del pepe, del cardamomo e del cocco, e furono introdotte e promosse le industrie della tessitura e della tintura dei tessuti. L'azienda stessa acquistava i prodotti della terra o si procurava i mercati, accrescendo così i propri profitti e stimolando la gente al commercio e all'industria.

Amministrazione di Colombo

Ai fini dell'amministrazione, gli olandesi divisero i loro territori in tre "comanderie” con un disavani a seconda di ciascuno. La commenda di Colombo comprendeva il forte e la città vecchia ed era sotto il comando immediato del governatore residente a Colombo.

A seconda del comando di Colombo c'era il disavani di Colombo che si estendeva dal Maha Oya al fiume Bentota e verso terra fino a Malwana, Hanwella, Anguruwatota e Pitigala. La disava viveva a Hulftsdorp e aveva il controllo civile, giudiziario e militare del vasto distretto, che comprendeva parti dei quattro e sette Korales e Sabaragamuwa. In esso c'erano i due forti di Negombo e Kalutara, ed era il più ricco dei disavani.

Jaffna

La commenda di Jaffna consisteva nella città e nel forte di Jaffna amministrati da un comandante che era anche luogotenente governatore. Sotto la sua direzione era amministrato il disavani di Jaffna che si estendeva da Mannar a Trincomalee e comprendeva i Vanni e le isole. Mannar era considerata la chiave di Jaffna e aveva un forte e una guarnigione per proteggere la pesca delle perle e lo stretto. Ad esso erano annesse le terre adiacenti di Mantota, Musalipaate e Setticoulang, in cui si trovava il porto di Arippu.

I Vanni

Il Vanni era un vasto territorio sotto il dominio di un certo capo, chiamato vanniyars, che doveva pagare un certo numero di elefanti come tributo. Ma i vanniyars non erano docili, e gli olandesi non osavano insistere per il momento, per paura che resistessero e si mettessero sotto Rajasinghe. Le isole erano tredici, Karativu, Tandativu, Punkadativu, Nediuntivu, Neynativu, Analativu, l'isola gemella di Iranativu e altre cinque disabitate.

Visitare Galle in una gita di un giorno da Colombo
Il Galle Fort, la capitale amministrativa di Futch e dell'amministrazione portoghese. Oggi questa iconica attrazione turistica è un sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO e ha visitato migliaia di viaggiatori durante il loro tour di Galle. Galle Fort fa anche parte della maggior parte dei viaggi in Sri Lanak come Tour di 5 giorni dello Sri Lanka verso la costa meridionale.

Galle e Matara

Galle era la terza commenda, sotto un comandante di Galle che era anche luogotenente governatore e risiedeva nel forte. Il disavani dipendente era ancora chiamato con il vecchio nome del disavani di Matara e il disava risiedeva a Matara. La sua giurisdizione esteso dal fiume Bentota al Valawe, e verso terra a Pitigala, Beralapanatara, Mapalagama e Katuwana.

Amministrazione

Il comandante di Colombo era governatore e direttore dell'isola di Ceylon e delle sue dipendenze. Fu nominato dal governatore generale residente a Batavia e confermato dai direttori della compagnia in Olanda. Era l'autorità suprema dell'isola ed era assistito da un consiglio.

Per lo sviluppo dei commerci e la coltivazione delle terre nonché per la riscossione delle entrate e l'amministrazione civile, giudiziaria, ogni disavani era affidato a un ufficiale chiamato con il nome abituale di disava ed era assistito da sorveglianti, uno per ciascuno dei due korales, e da mudaliyars a Jaffna.

L'amministrazione commerciale e civile era nelle mani di un certo numero di ufficiali, chiamati commerciante superiore, mercante e sub-mercante. L'esercito era sotto il comando del disave e dei maggiori, dei capitani, dei luogotenenti, dei capitani luogotenenti e degli alfieri. I lascarin erano sotto mudaliyars e arachchies ed erano divisi in ranco.

Giudiziario

La società esercitava anche il potere giudiziario. Gli statuti di Batavia, che consistevano nella giurisprudenza dell'Olanda modificata per adattarsi alle condizioni del paese, furono applicati a Ceylon, senza essere stati mai emanati da alcuna autorità legislativa. In base a questi statuti, fu istituita un'alta corte di giustizia a Colombo, Jaffna e Galle. Alla decisione dei tribunali di Jaffna e Galle si potrebbero fare ricorsi a quello di Colombo e se necessario a Batavia.

Per le cause civili esisteva anche un tribunale civile a Colombo, Jaffna e Galle e un landraad per le cause fondiarie nelle disavanis, presieduto dalla disava e da altri ufficiali, olandesi e cingalesi, a conoscenza delle usanze del paese, che sedevano come assessori . Le cause civili meno importanti e la piccola criminalità erano giudicate da un fisco, verbalmente nel forte, e dalla disava nel suo territorio. Il fisco era il pubblico ministero nei casi di reati gravi. Pochissimi, se non nessuno, di questi ufficiali giudiziari avevano una formazione legale, non essendo avvocati di professione, ma solo ufficiali civili e militari della compagnia.

Elefanti

Gli elefanti venivano cacciati a Matara da maggio a settembre, e i vidanes del Kuruve o del dipartimento degli elefanti dovevano consegnare alla Compagnia 30 elefanti e nove zanne per conto di coloro che detenevano i villaggi Kuruve. I Vanniya pagavano come tributo 80 elefanti all'anno e la Compagnia, inoltre, organizzava cacce proprie nel Vanni e riceveva elefanti da Batticaloa e Trincomalee. Questi venivano venduti a Galle oa Jaffna ai commercianti dell'India meridionale. I proventi della vendita erano un puro guadagno e la società realizzava in media 200,000 fiorini all'anno dalla vendita di elefanti.

Reddito fondiario

Le entrate delle terre venivano riscosse dalla Compagnia che rivendicava tutti i villaggi reali di Raigam, Hevagam e Siyane Korales, coltivati ​​per la Compagnia. Strumenti, tasse, locazioni, maral o imposte di successione, aggiunte alla vendita di chank e radice di choya e alle entrate della pesca delle perle, insieme formavano entrate molto ampie. L'agricoltura era considerata una questione della massima importanza. Poiché molte terre si spopolavano, la compagnia importava schiavi da Tanjore, li marchiava con il marchio della compagnia e li metteva a coltivare le fertili terre, promettendo loro la libertà, se si fossero assolti degnamente.

Rajakariya

L'antico Rajakariya o servizio regio che il popolo svolgeva In cambio di proprietà fondiarie, forniva alla Compagnia manodopera gratuita per la costruzione di opere pubbliche, fortificazioni, canali e strade. Presto fu aperta una strada da Matara lungo la costa a Mannar via Galle, Kalutara, Colombo, Negombo, Chilaw e Puttalam. I fiumi più piccoli furono colmati, quelli più grandi furono forniti di traghetti; ambalam o case di riposo furono costruite a distanze convenienti; e tutto ciò, essendo fatto da manodopera gratuita e tenuto in riparazione con gli stessi mezzi, non costava nulla alla Compagnia.

Così la Compagnia delle Indie Orientali è stata in grado di dare ai suoi azionisti straordinari dividendi elevati dopo aver dedotto le vaste distese dell'organizzazione, i funzionari salariali, gli ufficiali militari e navali e aver consentito il deprezzamento delle azioni, gli sprechi e i fondi per ulteriori sviluppi. La società una volta ha pagato un dividendo così alto del 132% in tre rate! Nel 1624 pagava il 50% spesso il 40% come avvenne nei sei anni consecutivi 1715-1720. Ma ben presto la Società evitò saggiamente dividendi elevati così che la media per 96 anni fosse del 24% "che è una cosa così considerevole che deve aver gettato le fondamenta di moltissime fortune private in Olanda".