I 6 migliori luoghi naturali dello Sri Lanka

Lo Sri Lanka è senza dubbio la migliore destinazione turistica dell'Asia meridionale; questa isola tropicale ha un ambiente molto pulito attraente per i turisti. L'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del mare è a un livello molto basso in Sri Lanka. Anche il governo dello Sri Lanka ha imposto sanzioni severe per le persone che inquinano l'ambiente

6 migliori luoghi naturali in Sri Lanka

Lo Sri Lanka è senza dubbio la migliore destinazione turistica dell'Asia meridionale; questa isola tropicale ha un ambiente molto pulito attraente per i turisti. L'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del mare è a un livello molto basso in Sri Lanka. Anche il governo dello Sri Lanka ha imposto sanzioni severe per le persone che inquinano l'ambiente. In quanto tale, lo Sri Lanka è stato in grado di mantenere la sua ricchezza naturale a un livello molto sano. Di seguito sono riportate alcune delle attrazioni naturali dello Sri Lanka.

parco nazionale di Horton Plains

1. Parco nazionale delle pianure di Horton

Una pianura di Horton è una delle ultime foreste montane rimaste dell'isola dello Sri Lanka. Si trova ben al di sopra dei 1800 metri sul livello del mare. Il parco nazionale di Horton Plains fa parte della maggior parte Tour naturalistici dello Sri Lanak ad esempio Tour naturalistico di 5 giorni in Sri Lanka.

La foresta fu scoperta per la prima volta dagli amministratori coloniali britannici nel 1800. Successivamente era stato utilizzato per la coltivazione della patata. Pertanto parte considerevole della copertura forestale primordiale è stata asportata realizzando un'ampia traccia di superficie pianeggiante con erba. Le pianure di Horton ospitano molte specie di fauna e flora indigene dello Sri Lanka. La pianura di Horton è una delle macchie di foreste con un'altissima biodiversità. I visitatori possono vedere diverse specie di animali qui come cervi sambar, leopardi e scimmie.

Il parco nazionale di Horton Plains è a un'ora e mezza dalla città di Nuwara Eliya. Queste pianure, formate da milioni di anni di erosione, si trovano proprio in cima alle montagne dello Sri Lanka. Protetto dal vento, l'altopiano delle Horton Plains ospita alcuni dei paesaggi più spettacolari dell'isola, con distese di praterie e foreste, felci giganti, alberi che artigliano le nuvole e laghi bordati di torba. Lo strano, selvaggio, quasi malinconico paesaggio fu scoperto dal piantatore di tè Thomas Farr, che lo chiamò in onore di Sir Robert Wilmot Horton, governatore dell'isola dal 1831 al 1837.

Le pianure di Horton sono una delle zone forestali più importanti dell'isola ed è l'ultima foresta pluviale rimasta nello Sri Lanka. Il parco nazionale di Horton Plains è un hotspot biologico e ha una biodiversità molto elevata, questo lembo di foresta ospita un gran numero di specie di fauna e flora e l'endemismo è considerato molto alto nelle Horton Plains. Il paese delle meraviglie naturali, il parco nazionale di Horton Plains, si trova vicino alla famosa destinazione turistica di Nuwara Eliya a un'altitudine di 2100 sul livello del mare.

trekking nella giungla kitulgala

2. Foresta di Galway

La foresta di Galway è un altro pezzo di terra con una foresta di montagna situata vicino alla città più elevata dello Sri Lanka. La foresta si trova vicino a Nuwara Eliya e ci vogliono circa 15 minuti per raggiungere la foresta dalla città. La foresta di Galway è classificata come 2nd foresta più elevata del paese. Questa piccola foresta si estende su 70 acri. Ospita molte specie di fauna e flora. La foresta ha molti trekking per i visitatori ed è un bel posto per vivere un'avventura leggera. La foresta di Galway è la più visitata dai viaggiatori, che scelgono Nuwara Eliya come stazione durante le loro vacanze in Sri Lanka.

3. Riserva forestale di Kanneliya

La riserva forestale di Kanneliya è una delle aree forestali più preziose dell'isola e si estende su 10,100 ettari. Kanneliya è convenientemente situato nella provincia meridionale vicino al antica città portuale di Galle. Kanneliya mostra molte somiglianze con la riserva forestale di Sinharaja. In effetti, Kanneliya in passato faceva parte della foresta di Sinharaja. Oggi Kanneliya e Sinharaja sono identificate come entità separate principalmente a causa di attività umane come la deforestazione. Kanneliya è una foresta pluviale e registra 3750-4500 mm di precipitazioni annuali. La riserva forestale è molto ricca di fauna e flora. Una delle caratteristiche più sorprendenti di Kanneliya è l'abbondanza di bellissime cascate.

4. Riserva forestale di Rammale Kanda

La riserva forestale di Rammale Kanda può essere descritta come una delle attrazioni naturali più impopolari nel sud dello Sri Lanka. Si trova nel distretto di Hambantota e si estende su 1080 acri. A differenza della maggior parte degli altri luoghi menzionati qui, questa riserva forestale mostra condizioni fisiche e climatiche totalmente diverse. Poiché si trova nella parte più arida dell'isola, la vegetazione è principalmente di tipo forestale secco e arido. Secondo le informazioni storiche, la foresta era stata il nascondiglio della regina Sugala, mentre fuggiva da Polonnaruwa con la reliquia del dente nel periodo medievale.

5. Riserva naturale di Sripada

Il picco di Adams è la montagna più popolare dell'isola dello Sri Lanka. La ragione principale della sua popolarità è l'impronta, che si trova sulla sommità del pinnacolo. Questa montagna è circondata dalla foresta al limite, conosciuta come riserva naturale di Sripada. Si estende su più di 50,000 acri ed è condiviso dai distretti di Nuwara Eliya, Kegalla e Ratnapura. Ma la maggior parte della foresta si trova nel distretto di Ratnapura, provincia di Sabaragamuwa. La riserva forestale di Sripada è stata dichiarata area protetta ai sensi della legge sulla fauna e la flora dello Sri Lanka nel 1940. La riserva naturale di Sripada è una foresta pluviale sempreverde e ospita un gran numero di specie di fauna e flora.

6. Ultima foresta palustre rimasta nello Sri Lanka

Foresta pluviale, foresta secca, foresta di montagna, savana, mangrovie sono termini molto comuni nel vocabolario del naturalista, che esplora la vegetazione naturale dello Sri Lanka. Ma la foresta paludosa è un termine che si sente molto raramente nel paese. Lo Sri Lanka è dotato di una grande quantità di aree boschive e lo Sri Lanka è tra i paesi con la più alta biodiversità al mondo. Ma, ironia della sorte, c'è solo una foresta paludosa nel paese. Questa foresta paludosa è un appezzamento di terreno situato a Bulathsinhala, nel distretto di Ratnapura. La foresta palustre si chiama Waturana e fa parte della piantagione chiamata Waluwatta. Accertando l'importanza della foresta palustre di Waturana, è stata dichiarata area protetta ai sensi della legge ambientale nel 2009.

La foresta palustre di Waturana è un raro tipo di attrazione naturale nella divisione Grama Seva di Damparagoda vicino alla grotta storica di Pahiyangala. La foresta palustre occupa oltre sei ettari della superficie terrestre nella piantagione Walauwatta. Un carattere distinto di Waturana è la fitta chioma formata dagli alberi all'altezza di 10-15 metri sopra la superficie. Il baldacchino blocca la luce del sole che cade a terra. Pertanto l'atmosfera cupa prevale nella foresta anche in una giornata con il cielo molto limpido.

La foresta palustre di Waturana si trova nella valle di Kuda Ganga. Le principali fonti d'acqua della foresta palustre di Waturana sono due fiumi. Il contributo più significativo è l'affluente di Kalù Ganga o fiume Kalu noto come Batapota Ela. Kukulu Ela contribuisce anche in modo significativo all'acqua per l'area paludosa. Kekulu ela si mescola con Batapota Ela nella foresta paludosa. L'area forestale è sott'acqua per la maggior parte dell'anno. Depositi di parti di alberi e fossili di animali rimangono intatti nello scambio per un lungo periodo di tempo e creano un ambiente ecologico unico molto sensibile. Waturana è stata in grado di attirare l'attenzione della comunità internazionale grazie a questo ambiente unico.

La maggior parte degli alberi della foresta sono endemici dell'isola. Ad esempio, l'albero di Suwada (Mesua stylosa) è endemico dell'isola, inoltre, può essere trovato solo a Waturana. Albero Suwada cresciuto fino a 8-10 metri da terra e la sua chioma è formata da foglie sottili e lunghe.

Un altro albero degno di nota è il Orawel (stemnopours mooni), anch'esso endemico dell'isola e disponibile solo a Waturana. Tutti gli sforzi precedenti per distribuire questo prezioso albero nell'isola si sono finora rivelati inutili. I naturalisti ritengono che l'albero sia altamente adattato all'atmosfera unica della foresta palustre e non possa sopravvivere in nessun altro ambiente. L'albero fu scoperto per la prima volta nel 1800 e da allora in poi non fu segnalato in nessuna parte del mondo. I naturalisti hanno ipotizzato che sia estinto fino a quando non è stato riscoperto negli anni '1970.

La maggior parte degli alberi qui è altamente adattata per sopravvivere nel terreno con acqua eccessiva. Gli alberi hanno sviluppato radici simili alle mangrovie che consentono loro di prendere l'aria fresca dall'atmosfera. Waturana ospita un gran numero di alberi endemici tra cui Atiudayana (criptocoryne spp), Leen lì (Arecca cocinna) e KatuBodu (cullenia ceylonica).

Un gran numero di specie di fauna è anche un importante contributo alla ricca biodiversità della foresta palustre di Waturana. Il cinghiale (sus scrofa cristatus), i camion snelli (Loris Tardigradys), la scimmia foglia (Trachypuhecus vetules) sono alcune delle specie animali più presenti nella foresta.

Waturana è abitata da un gran numero di anfibi e sei specie di rettili. La foresta palustre attira un gran numero di specie di uccelli, tra cui diversi uccelli endemici. In precedenza un gran numero di specie di pesci d'acqua dolce è stato registrato in waturana, ma il numero di specie di pesci è drasticamente ridotto negli ultimi decenni. L'inquinamento idrico è considerato la ragione principale della riduzione del numero di specie ittiche qui.

L'uso eccessivo di sostanze chimiche in agricoltura è la causa principale dell'inquinamento idrico a Waturana. La raccolta illegale di legname, la caccia, la rimozione di alberi per il combustibile e l'inquinamento delle acque stanno minacciando la sopravvivenza della fauna e della flora di questa preziosa foresta palustre.