Dipinti dello Sri Lanka, dipinti del tempio di Kelaniya, Sri Lanka

Sommario

Esplorare monumenti storici come templi, dagoba, palazzi, fortezze, antichi laghi e bacini idrici è una delle attività più popolari tra i viaggiatori. Mentre guidi verso il sito antico è altamente possibile incontrare dipinti. E alcuni dei dipinti da vedere sull'isola risalgono all'era precristiana.

Dipinti dello Sri Lanka

I dipinti più antichi dell'isola risalgono all'era precristina, furono disegnati dalle persone che vissero durante la prima età della pietra sull'isola. Quei dipinti e devono essere simboli sono stati scoperti in vecchie cave di granito nella parte centrale di Sri Lanka. Tantirimale, Madagala, Kadurupoluna e Mahalena sono alcuni dei luoghi in cui sono stati scoperti tali dipinti. I temi di quei dipinti sono le piante e gli alberi, i fiori e gli animali, e sono colorati di rosso. I dipinti sono disegnati sulla superficie delle grotte di granito senza alcun tipo di intonaco.

Le grotte di granito in tutta l'isola erano spesso abitate da monaci ed eremiti nei primi giorni dell'antico Sri Lanka. Alcune di quelle grotte utilizzate dai monaci sono mostrate anche in alcuni dipinti dei primi giorni dello Sri Lanka. È opinione comune che quei dipinti non siano stati realizzati dai monaci a causa dell'insegnamento del Buddha, ma siano stati eseguiti da pittori sotto la supervisione dei governanti come re e regine.

La maggior parte dei dipinti antichi dell'isola sono classificati come dipinti religiosi e sono basati su Buddha e Bodhisatwa. Una caratteristica distintiva dei dipinti antichi dell'isola è l'uso del colore rosso come colore dominante; questo stile è stato utilizzato fino alla fine del periodo Polonnaruwa. I dipinti dell'antica India differiscono in gran parte dai dipinti dello Sri Lanka a causa dei loro bordi floreali di colore nero.

Il tempio rupestre di Kurandaka ad Ambalantota è uno dei posti migliori per testimoniare l'antica pittura religiosa dell'isola. Si ritiene che i dipinti del tempio risalgano al 2nd secolo a.C.

Karambagalla e Ridigama sono anche alcuni dei luoghi degni di nota per vedere l'antica pittura religiosa nello Sri Lanka, si suppone che anche i dipinti di entrambi questi luoghi siano realizzati in 2nd Le figure del secolo aC che si trovano in quei dipinti sono semplici e molto stilizzate e sono schematiche. I dipinti sono straordinariamente chiari e ricchi di dettagli.

La tecnica utilizzata negli affreschi nell'antico Sri Lanka è unica nel paese. C'erano pochi strati di calce o argilla sotto i dipinti. Sulla superficie è applicato anche uno strato di tempera e olio. I colori dei dipinti sono stati realizzati con elementi naturali, il colore bianco è stato ottenuto utilizzando calce o magnesia, e il carbone è stato utilizzato per rendere il colore nero, rosso e giallo da altri, il colore verde è stato realizzato utilizzando le piante.

Gli affreschi di Sigiriya (una parte della maggior parte Pacchetti turistici dello Sri Lanka) sono considerati capolavori dell'arte dell'isola che sono disegnati in 5th secolo d.C. di autore ignoto. Anche gli artisti contemporanei stanno discutendo e ricercando le damigelle del Affreschi di Sigiriya. Il dipinti del tempio rupestre di Dambulla sono considerati tra i migliori dipinti di templi di tutti i tempi nel paese. Alcuni dei dipinti nella grotta risalgono al 12th secolo o il regno del re Nissankamalla. I quadri del 3rd grotta ha avuto origine nel periodo Kandyan, durante il regno di Kirti Sri Rajasinghe.

I dipinti del tempio di Kelaniya sono considerati il ​​capolavoro dell'arte del periodo contemporaneo. Kelaniya è uno dei luoghi più venerati dell'isola poiché fu visitato da Buddha nel 6th secolo a.C.

Dipinti mozzafiato di Kelaniya, Sri Lanka

I dipinti nel tempio di Kelaniya sono alcuni dei migliori dipinti appartenenti al Giro della città di Colombo periodo. Il più vecchio viharage (casa con statue e dipinti) del tempio Kelaniya, composto da 2 camere, contiene dipinti raffiguranti il jataka katha (incidenti relativi alla vita del Buddha).

Si ritiene che i dipinti siano stati realizzati con l'intenzione di guidare le persone lungo il percorso corretto della vita. La camera accanto al vecchio viharage contiene quattro dipinti classici conosciuti come Mahiyangana, Nagadeepa, Kelaniya e Padalachana.

La sezione più recente del viharage contiene dipinti realizzati dal noto artista di Kahawa, Solius Mendis, per un periodo di 15 anni.

Il viharage è l'unico luogo nel paese dove si può vedere l'opera completa di questo grande artista, nato nel 1895 e scomparso nel 1975. Mendis ha cambiato la tradizione dell'arte del tempio seguita fino a quel momento, e ha persino scelto nuovi temi per il lavoro. Solius Mendis ha contribuito con dipinti in molti templi buddisti dell'isola, Meddepola Vihara, Mapitigala Malwana Purana Vihara, Jayamangala Vihara sono alcuni dei luoghi degni di nota.

Il lavoro pittorico di Kelaniya iniziò nel 1930 e terminò nel 1948. Il dipinto del nuovo tempio a Kelaniya Raja Maha Vihara fu elogiato da molti pittori famosi nel mondo come gli artisti indiani Nandalal Boss e Joe Pikasso. Solius Mendis ha migliorato le sue capacità pittoriche in istituzioni di fama mondiale in India e durante quel periodo ha avuto l'opportunità di studiare i dipinti di Ajantha, Ellora e Sharanath.

L'opera d'arte di Kelaniya descrive la storia del tempio e altri eventi importanti del buddismo e segue la tradizione di altri paesi orientali. Il vecchio metodo di disegnare più immagini per rappresentare una serie di avvenimenti nello stesso evento è stato eliminato e sono state disegnate immagini più grandi, che occupano più spazio sulle pareti. Alcuni di loro erano veri e propri disegni a grandezza naturale. Si dice che abbia seguito il proprio stile nel disegno, dopo aver studiato i dipinti delle grotte di Ajantha ed Ellora in India.

Anche i colori e le pitture utilizzati erano stati creati da lui, utilizzando il materiale naturale disponibile localmente come l'argilla. Si dice che Mendis abbia creato anche le statue nel tempio. Le linee della sua arte sono molto delicate e vivaci e hanno un aspetto tridimensionale. Ha seguito la tecnica nota come “Petpara” dove i disegni sono eseguiti su intonaco asciutto. utilizzando vari colori sotto forma di gocce, si erano ottenute forme trasparenti.

L'artista ha avuto molto successo nel mescolare i colori e non ci sono quasi casi in cui colori come il blu e il verde siano usati nella loro forma pura. I colori che sono più importanti sono marrone, giallo, nero, bianco e rosso. È difficile persino immaginare come Mendis avrebbe concepito alcune delle ombre nel tempio. Sono più pallidi e più rilassanti per gli occhi. Queste opere d'arte hanno ricevuto consensi in tutto il mondo e sono state riconosciute per la loro raffinata eleganza.

Dipinti dal Periodo kandiano dello Sri Lanka

I dipinti stilizzati noti come Sittara arte che si vede in molti templi nella regione collinare e anche sulla costa meridionale dello Sri Lanka, dove l'impatto culturale di Kandy è stato sentito sono tipicamente kandyan. Questi dipinti sono tutti realizzati in lunghi pannelli orizzontali che coprono l'intero spazio della parete narrando una storia in dettaglio, molto spesso un Jataka, raffigurando gli eventi principali con poche parole di spiegazione scritte sotto.

Gli esempi più noti di questi dipinti a fumetti si trovano in diversi templi di Kandy come Degaldorowa, Madavela, tempio rupestre di Dambulla e Danagirigala ea Tevatta e Mulgirigala nel sud. Una delle più grandiose è la raffigurazione del Vessantara Jataka a Degaldoruwa con il re che cavalca il suo elefante con tutte le insegne dello stato; l'elefante è disegnato con la massima maestria, il movimento lento dei piedi sollevati e le campane oscillanti danno proprio l'idea di un dignitoso lento procedere.

Questa arte popolare didattica ma deliziosa, non può essere ricondotta a nessuna influenza straniera; né trae alcuna ispirazione dall'affresco e dalle arti di Sigiriya classiche e più sofisticate P. Non era l'arte cortese di una corte e di una nobiltà benestanti, ma una forma raffinata e dignitosa di arte popolare al servizio dei bisogni religiosi di una popolazione contadina.

Si dovrebbe menzionare la danza e la musica che erano frequentate dalla corte kandiana, come il vannam che era di origine dell'India meridionale e lo stile vigoroso di danza appropriatamente designato danza kandiana. In effetti, alla fine del diciottesimo secolo, Kandy era diventata una zona culturale definita con la propria arte e architettura, arti e mestieri, danza e musica. Qualsiasi forma di espressione artistica sopravvissuta nella società singalese odierna deve la sua origine o ha privato l'ispirazione di Kandy.

Ciò che è prominente nell'era kandiana, nonostante il declino economico e politico, è il forte sistema sociale dei singalesi kandiani, che ha generato una capacità di azione comunitaria. Tra instabilità e impoverimento, le conquiste culturali singalesi sono state rese possibili dalla struttura socio-economica all'interno della quale l'architetto, l'artigiano e il fabbro facevano parte del servizio civile pagato dalle concessioni statali della terra. Per tutti questi motivi sembrerebbe quindi che il regno di Kandy meriti un posto nella storia.

La fine del diciottesimo secolo fu testimone di una rinascita della religione e dell'apprendimento e ci fu un'improvvisa produzione di opere letterarie singalesi, sia in versi che in prosa. Il patrocinio di corte fu generosamente esteso agli scrittori così che la letteratura tendeva ad essere di natura panegirica e spesso elogiava le virtù inesistenti di re e nobili nella speranza di una ricompensa. L'apprendimento era in gran parte limitato ai monasteri e la letteratura serviva ai bisogni della religione e della comunità religiosa.