Colossale statua del Buddha di Rambadagalla

Rambdagalla è una parola abbastanza straniera per la maggior parte Popolo dello Sri Lanka e che è una piccola città in Sri Lanka meridionale e ha un motivo significativo per essere popolare sull'isola, Rambadagalla non è più una città mediamente remota e si è trasformata in un principale luogo di pellegrinaggio buddista nel sud dello Sri Lanka con l'esposizione di una delle più grandi statue di Buddha dell'era moderna.

Lo Sri Lanka è una nazione buddista leader nel mondo, dove il la maggior parte delle persone crede nell'insegnamento del Buddha. La storia del buddismo sull'isola risale a molti millenni. Secondo note storiche, il buddismo fu formalmente introdotto nell'isola nel II secolo a.C., tuttavia lo stesso Buddha visitò l'isola nel VI secolo a.C.

Lo Sri Lanka è una delle principali destinazioni per studiare il buddismo e l'isola è visitata da un gran numero di pellegrini buddisti ogni anno, lo Sri Lanka ospita un gran numero di importanti templi buddisti, alcuni dei quali risalgono all'era precristiana come COME Sri Maha bodhi, introdotto nell'isola nel II secolo a.C. Secondo le note storiche, lo Sri Lanka era frequentato da molti viaggiatori buddisti stranieri, la maggior parte dei quali visitava l'isola per studiare il buddismo.

La colossale statua del Buddha alta 67.5 piedi al tempio Rambadagalla Vidyasagara nella divisione Rideegama DS sarà rivelata il 30 aprile. Si pensa che questa sia l'immagine del Buddha situata nella roccia più alta del mondo.

Al benvenuto del capo in carica di Rambadagalla Egodamulle Amaramoli Thero, nelle vicinanze del Maha Sangha, incluso Mahanayake del capitolo di Amarapura Aggamaha Panditha Most Ven. Dauldena Gnanissara Thero, Mahanayake di Ramanna Capitolo Agga Maha Panditha Most Ven. Napana Pemasiri Thero la funzione di divulgazione si terrà con il sostegno del presidente Maithripala Sirisena e del primo ministro Dayasiri Jayasekera il 30 aprile alle 3.30:XNUMX.

Otto secoli dopo le altezzose e memorabili manifestazioni delle statue di Galvihara P, un'altra leggenda singalese ha guidato l'approccio migliore per recuperare l'ultimo orgoglio degno di nota del nostro passato.

L'individuo che ha portato avanti questa considerevole impresa di recuperare la magnificenza calpestata, la meraviglia e la grandezza del paese è Mahanayaka dell'Amarapura Ariyawansa Saddhamma Yukktika Maha Nikaya Ven ... Egodamulla Amaramoli Thero, il capo dell'ufficio di Vidyasagara Priven Vihara, Monaragala, Rambodagalla, Rideegama, Kurunegala.

Il pensiero della tremenda statua del Buddha è inizialmente venuto al capo del prelato mentre sedeva sbalordito osservando la sfrenata demolizione delle enormi statue del Buddha a Bamiyan in Afghanistan. Mentre le scene della demolizione si svolgevano in TV, Thera ha deciso che avrebbe fatto tutto il possibile per assemblare una statua di Buddha per sfidare coloro che si erano lasciati sfuggire un raduno di fanatici religiosi.

ven. L'amore incrollabile e l'immancabile sostenitore di Amaramoli Thero sono stati il ​​capo dei fratelli Eswaran D. Eassuwaren. Questo devoto umanista, un indù entusiasta, è stato fondamentalmente determinante nell'ottenere le massime amministrazioni del Maestro Scultore di pietre dell'India, Bharatha Padma Shri Muttiah Sthapathi.

Nonostante il fatto che i suoi precursori avessero preso parte ai lavori scultorei a Gadaladeni Vihara, Sthapathi non aveva eseguito nessuno stampo del Buddha di recente. Stapathi rendeva completamente libere le sue amministrazioni. Questa è la prima e l'ultima figura di Buddha che realizzerà. Ha descritto questo design del Buddha Samadhi come la sua "perfetta opera d'arte". 

“Gli insegnamenti pacifici e lenitivi del Buddha Supremo vanno lontano per disperdere le indecenze del disprezzo, della mancanza di consapevolezza e del desiderio che graffiano l'eccellenza intrinseca della personalità umana.

Questa enorme statua del Buddha, scolpita nella roccia viva, da operai specializzati indiani, rafforzerà i profondi legami perpetui che uniscono i nostri due paesi in una comunione eterna”, ha scritto l'ex Alto Commissario per l'India nello Sri Lanka Nirupama Rao che è andato il sito.