PONTE HANUMAN

Secondo i geologi, Sri Lanka e l'India erano collegate attraverso una terra stretta ed era popolarmente conosciuta come Palk straight o Hanuman bridge. Secondo la leggenda di Ramayana Hanuman ei suoi seguaci raggiunsero l'isola dall'India attraverso lo stretto di Palk, che fu costruito da loro.

Ponte Hanuman e Ramayana
Monkey God Hanuman, questa statua può essere vista al Seetha Amman tempio di Nuwara Eliya, Nei pressi di Ashok Vatica. Questo il tempio è visitato da un gran numero di devoti indù e incluso nella maggior parte dei tour del Ramayana.

Ponte Hanuman e Ramayana

Lo Sri Lanka è una parte essenziale della storia del Ramayana, che è strettamente collegata alla religione indù. Lo Sri Lanka è la patria di molti importanti monumenti storici menzionati nel Ramayana, come il tempio Seetha Amman, Ashok Vatica, la grotta di Ravan ecc. Se desideri conoscere i luoghi importanti dello Sri Lanka menzionati nel Ramayana, consulta il nostro articolo su "Ramayana dello Sri Lanka".

Le testimonianze storiche del ponte Hanuman

Ci sono prove per dimostrare l'esistenza dello stretto Palk tra lo Sri Lanka e l'India durante il regno del re Gajaba, durante il Periodo di Anuradhapura (113-135 d.C.). Secondo le cronache, il re Gajaba e le sue forze invasero l'India e salvarono i soldati cingalesi, imprigionati dai governanti indiani. Non solo ha salvato il soldato singalese, ma ha anche preso 12000 soldati indiani come prigionieri di guerra.

Antica via della seta

Mannar era l'ultimo porto dell'antica rotta marittima della Via della Seta che collegava il Mar Rosso e l'Africa orientale, l'India, la Cina e i paesi del sud-est asiatico. Questo porto storico era conosciuto come Mahatitta e si trovava vicino a Mannar. Pertanto Mannar era stato un importante porto di scalo tra gli antichi commercianti e un'importante fonte di reddito per il paese.

La regione oceanica intorno allo Sri Lanka si estende a circa 20 chilometri dai confini dell'isola. È molto ampio nelle aree di Mannar e Kalpitiya e misura tra i 30 e i 60 chilometri, ma in Sri Lanka meridionale, si restringe.

Golfo di Mannar

Golfo di Mannar si estende lungo il costa occidentale dello Sri Lanka e ospita grandi barriere coralline, mangrovie, aree paludose di acqua salata, baie, dune di sabbia e un'affascinante fauna e flora sottomarina. Oltre alla barriera corallina, ci sono grandi barriere coralline vicino a Mannar nelle aree di Kamdakuliya, Talawila, Silawatura e Wankale.

Il mondo sottomarino intorno al Golfo di Mannar è considerato molto ricco di biodiversità. Pertanto attrae un gran numero di appassionati di immersioni da tutto il mondo. C'è una grande somiglianza tra i coralli di Bar-reef e del Golfo di Mannar.

Queste barriere coralline di Bar-reef e Golfo di Mannar sono costituite da chiazze di coralli nelle acque poco profonde e da scogliere di arenaria nelle acque profonde. La maggior parte dei coralli si trova in acque poco profonde a una profondità compresa tra 1 e 10 metri, mentre le scogliere di arenaria si trovano a una profondità di oltre 30 metri. Questi le barriere coralline sono abitate da un gran numero di preziose specie di pesci esotici come Angidae, lethrinidi, Lutjanldee, Heamulidae, Serranldae.

Qui si possono vedere anche molte specie di pesci in via di estinzione con diverse specie di pesci endemici come Chlorunus rhakura e Plectohinchus ceylovnensis. Cinque specie di tartarughe marine sono tra gli animali minacciati che vivono intorno al Golfo di Mannar. Il Golfo di Mannar è uno dei migliori punti di osservazione delle balene nella regioneQui si possono spesso assistere a sette specie di balene e cinque specie di delfini.

Il Golfo di Mannar è collegato con la terraferma attraverso un ponte e l'isola è lunga 28 km e larga 6 km. Il ponte di nuova costruzione fornisce l'accesso a Manner Island.

Una delle costruzioni più antiche dell'isola di maniera è il forte costruito dai portoghesi agli inizi del 1500. Successivamente fu occupata da olandesi e inglesi. Il forte è stato costruito con tutti i servizi come ospedali, edifici religiosi, complesso giudiziario, scuole, prigioni, negozi e case. Oggi la maggior parte degli edifici è in condizioni molto fatiscenti a causa dell'incuria.

La vegetazione dell'isola è dominata dalle palme. Ma l'albero di Baobab (Adasonla digitata), che ha circa 800 anni, è considerato il più significativo dell'isola. Si ritiene che l'albero sia stato portato dagli antichi commercianti arabi per nutrire i cammelli e i cavalli.

L' i naturalisti sono preoccupati per il futuro della ricca biodiversità of Golfo di Mannar, A causa dell'impatto sulla ricchezza naturale intorno al Golfo di Mannar dovuto al progetto Suthu Smudram e alla centrale nucleare di Kondamkulam nell'India meridionale.