Artigianato dello Sri Lanka

Oggetti scolpiti nel legno, in ottone e argento, decorati con lacca, stoffe e pizzi intrecciati a mano, stuoie di canne bellissime, attraenti batik, ceramiche, maschere, sono tra i popolari prodotti artigianali dello Sri Lanka realizzati dagli artigiani tradizionali dello Sri Lanka. Questi sono disponibili nei negozi di artigianato governativi e privati ​​​​a Colombo, nelle principali città periferiche e nelle città dell'isola.

Pizzo

Il pizzo è una tecnica per produrre abiti con vari motivi. Il metodo di produzione del merletto viene introdotto durante il periodo coloniale portoghese ed è una delle principali industrie artigianali del città coloniale di Galle. Tovaglie, arazzi e vestiti sono i principali articoli disponibili in Lace in Sri Lanka. Possono essere acquistati negozi principalmente a Galle e venditori cittadini di Galle Fort.

Artigianato dello Sri Lanka - Gioielli

Secondo le informazioni storiche, i gioielli vengono prodotti sull'isola da oltre 2000 anni. Vari articoli di gioielleria vengono prodotti utilizzando metalli come oro, argento, rame e ottone ecc. Oggi lo Sri Lanka è uno dei principali produttori di gioielli al mondo ed è uno dei principali articoli di esportazione del paese. Per la gente dell'isola, comprare oro e argento è un investimento. Di solito comprano metalli così preziosi, quando possono risparmiare un po' di soldi e li rivendono quando hanno bisogno di soldi in seguito.

Artigianato dello Sri Lanka - Intaglio del legno

L'intaglio del legno è un artigianato tradizionale praticato dagli artigiani in Kandy e la regione di Galle nello Sri Lanka. Vari oggetti sono stati creati da abili artigiani dello Sri Lanka come oggetti religiosi e secolari religiosi, figure, pannelli di legno, disegni floreali, appendiabiti da parete. Anche vari altri oggetti come decorazioni di porte, pilastri, finestre e porte utilizzavano l'arte dell'intaglio del legno. Moratuwa, la città situata a 15 km da Colombo, è la più famosa per i prodotti in legno come i mobili.

Viene praticato principalmente come industria artigianale in Sri Lanka e le tecniche vengono tramandate di generazione in generazione. Le maschere sono uno degli oggetti più popolari classificati sotto Woodcarving. I legni utilizzati per la realizzazione delle maschere sono Ebano, Teak, Mogano, Sandalo, Tamarindo, vari tipi di palme e Kaduru.

Prodotti laccati

Questa è un'altra industria artigianale nata nel distretto di Kandyan. Questo è un mestiere esperto e gli artigiani tradizionali sono sparsi per Kandy. I lavoratori Lac nella regione di Kandyan adottano la tecnica dell'unghia che è uno stile unico nel creare motivi su oggetti come posacenere, teiere, vasi ornamentali, scatole di gioielli, che sono oggetti da collezione.

Batik

Capi di design in tessuto colorato e drammatico in una tecnica di tintura resistente alla cera di origine indonesiana ma dal design distintamente dello Sri Lanka.

Sokari dello Sri Lanka

Coloro che hanno vissuto o visitato lo Sri Lanka potrebbero aver avuto la fortuna di assistere a vari spettacoli rituali secolari o "drammi rituali" condotti con grande solennità e cerimonia dalla gente del villaggio. Di questi spettacoli rituali e drammatici diavolo Danza più Kolam eseguite principalmente da ballerini mascherati, sono due delle danze tradizionali singalesi sopravvissute fino ad oggi nella fascia litoranea occidentale dell'isola (Goonetilaka, 1970).

Ancora un'altra varietà di teatro rurale chiamato Socari ascritto al culto della Dea Pattini (Dea della purezza e della fedeltà), viene ancora eseguito in rare occasioni soprattutto nelle zone montuose del paese. Anche in questa forma di spettacolo due o tre personaggi indossano maschere come mezzo di travestimento.

Luoghi come Laggala, Hanguranketa, Uda Peradenija, Hewaheta, Meeruppe, Talatu Oya e Matale sono famosi per le esibizioni di Sokari. Di recente, Sokari sembra essere sopravvissuto in luoghi così lontani come Dambulla e Badulla.

Sokari è il nome di una donna. Lei è di origine indiana. Lei è sterile. Sokari viene in Sri Lanka con lo scopo di pregare Dio Kataragama per la nascita di un bambino. La storia di Sokari e di suo marito Guru Hamy è la narrativa di Sokari.

Ci sono diverse sceneggiature in versi sulla storia di Sokari, popolarmente conosciuta come Sokar Amma (Barnett, 1917; Saratchandra 84-94; Nevill, 1954). Sebbene questi copioni differiscano nei dettagli, il nocciolo della storia è lo stesso.

Wamana (nano) Figure

Wamana figure o nani sono una forma popolare di sculture nei templi buddisti in Sri Lanka (9 regole da seguire quando si visita il tempio buddista dello Sri Lanka) ed è frequentemente riscontrato da persone che spendono a vacanza nello Sri Lanka. Sono sculture in miniatura a forma di corpo umano. In alcune zone dell'isola, sono conosciuti come Bahirawa. Queste sono sculture popolari con uno sfondo religioso nei templi buddisti. Alla prima vista di queste figure, a volte può farti ridere, a causa del suo aspetto molto comico.

Secondo la mitologia indù, wamana rappresenta l'avatar del dio Vishnu. Nacque come wamana durante il periodo di Mahajugi. Ma nella tradizione dello Sri Lanka è descritto in modo diverso. Non è un oggetto di venerazione per i buddisti. La credenza tradizionale è che le figure wamana attirino la ricchezza e la felicità nel luogo in cui dimorano. Ma alcune persone credono che si possa nascere come wamana a causa del peccato commesso nella vita precedente.

Secondo la tradizione dello Sri Lanka, sono divisi in due categorie e cioè Il naso più padma. Può mostrare grandi differenze tra le diverse parti del paese. In alcuni luoghi, rappresentano le figure dall'aspetto gentile con una passione per il mondo. In alcune occasioni, possono sembrare totalmente diversi e mostrare figure dall'aspetto molto ruvido e testardo. Queste qualità sono indicate dalle espressioni facciali delle figure.

Queste figure possono essere viste in diverse forme. Alcune delle figure indossano un Jatawa (un pezzo di stoffa indossato intorno alla testa) mentre alcune figure hanno i capelli disordinati. Alcune delle figure wamana a Lovamahapasada e Isurumuniya sono graziosamente decorati con costumi colorati. Le figure Wamana a Mihintale rappresentano gli artisti di uno spettacolo. Stanno portando i tamburi, i flauti mentre alcuni di loro ballano ritmicamente e indossano costumi da ballo tradizionali. Possono rappresentare gli artisti in processione mentre tutte le figure si dirigono nella stessa direzione in modo crudo.

Figure Wamana di P sono molto diversi dalle figure wamana di Anuradhapura a causa dell'influenza dell'India meridionale. Figure Wamana di watadage a Polonnaruwa non indossano alcun costume e sono rappresentate come figure nude mentre hanno grandi occhi tondeggianti. Alcune di queste figure in Mihintale indossano collane fatte di monete. Ci sono diverse figure wamana nello stesso punto, che portano un grosso peso sulle spalle. Le figure Wamana di Biso Maligawa di Anuradhapura sono le figure più eleganti che si trovano sull'isola.

Le figure Wamana sono state realizzate in passato con molti materiali diversi. Legno, argilla, granito, arenarie, calcari erano stati i materiali più utilizzati. La maggior parte delle figure rimanenti dei primi giorni sono realizzate con materiali durevoli come granito, argilla o legno.

L'arte delle figure wamana è stata lentamente ridotta dopo il periodo Polonnaruwa e gli artigiani hanno utilizzato le figure dei bambini invece di wamana, durante il periodo Kandyan.

Kolam che balla

Kola, Kolam in Tamil significa ornamento, forma, colore, abbellimento, ornamento. "Kolum tulal" è una speciale danza del tempio in Kerala. Le parole e il significato tamil trasmettono 2 idee vale a dire: - travestimento o danza. La storia originale di Kolam era in tamil secondo i manoscritti storici, che menzionano "usiratanan" e "kalingun rajuge" dalle prove storiche disponibili sembrerebbe che i singalesi abbiano preso in prestito questa forma di intrattenimento dall'India meridionale durante il primo periodo portoghese. Questa è una performance drammatica mascherata limitata alle aree rurali. È uno spettacolo a cielo aperto. Il pubblico siede attorno a uno schermo come la struttura del cadjan creata per far entrare e uscire gli attori. All'ingresso ci sono due batteristi, un suonatore di Horana e un paio di cantanti. Il cerimoniere legge i testi.

È possibile che esistesse una forma di intrattenimento simile a Kolam durante il periodo medievale singalese. I singalesi non approvavano il ballo. Nel Devales le ragazze tamil hanno eseguito la danza del tempio. Ma i documenti precedenti menzionavano che i singalesi come nazione come gli antichi romani sembravano aver disprezzato la professione dei ballerini e degli attori. La danza veniva eseguita come cerimonia religiosa nei Devales. Ma i ballerini non erano di razza cingalese.

Sebbene i singalesi considerassero la danza e la recitazione un'arte ignobile, le masse consideravano Kolam una forma di intrattenimento molto popolare. Kolam fiorì nella provincia meridionale e si trovavano i centri principali Bentota più Ambalangoda. In seguito si è diffuso nelle aree costiere basse del paese. Quando questa forma di intrattenimento divenne una grande quantità di prestito da "tovil" e "bali" aveva avuto luogo. Anche le maschere del demone e del diavolo erano indossate. A tempo debito, questi due formarono una caratteristica regolare della danza Kolam. I manuali li menzionano. La descrizione nei testi tradisce il prestito da episodi demonologici. In alcune zone, alcuni personaggi come karoya karavana rala e Lenchina non indossavano maschere.

Come con la maggior parte delle forme d'arte, la tradizione indiana attribuisce l'origine della danza Kolam a un saggio o re originale. La danza Kolam fu eseguita per la prima volta per volere del re Maha Sammata. Questo per soddisfare il desiderio della regina durante la gravidanza. Le maschere sono state realizzate durante la notte da Sakra come regalo al re. Alcuni testi menzionano che Indra era responsabile della presentazione delle maschere. Successivamente, è stato introdotto un pregiudizio religioso incorporando le storie buddiste di Jataka ai miti, alle leggende e ad altre storie esistenti.

Le storie e le leggende precedenti trattavano di demoni, diavoli e naga. Si ritiene che la danza di Kolam fosse una pantomima. Ma questo non è del tutto sostenibile. Ci deve essere stato un dialogo proprio come nella danza del diavolo. Senza la parte parlante, gran parte dell'effetto burlesque sarebbe andato perduto. La battuta ribalda è apparsa di più al pubblico. Lo spiritoso, a volte osceno scambio di battute attorno ai personaggi del villaggio ha accresciuto il valore dell'intrattenimento. Anche nella danza del diavolo il dialogo a volte rasenta l'osceno. Questa pratica potrebbe aver suggerito la necessità di includere questo tipo di dialogo fin dall'inizio della danza Kolam. Secondo Callaway il canto era una caratteristica moderna.

L'origine della danza Kolam

Si ritiene che la danza Kolam abbia avuto origine da un antico culto della fertilità di qualche tipo. Ma la maggior parte degli storici ritiene che non sia il solito culto della fertilità associato alle antiche società agricole. Si possono interpretare alcune scene come legate alla fertilità delle donne. Due fatti sembrano supportare tale vista. Una è la leggenda sull'origine stessa di Kolam, l'appagamento di un desiderio durante la gravidanza. L'altro è la presentazione di una scena, in cui una donna incinta descrive le sue ansie, paure e il piacere del parto. La stessa donna appare sul palco ed esprime le paure e i dolori del travaglio. Più tardi la donna torna sul palco con un figlio neonato in braccio. Esprime gioia nel vedere il volto del neonato. Successivamente è stato aggiunto molto materiale didattico. Le storie buddiste di Jataka sono religiosamente edificanti e gli aneddoti della vita del villaggio sono esilaranti. Le maschere hanno perso la loro magia originale e il loro significato religioso con il passare del tempo. Assunsero funzioni sempre più secolari nei drammi popolari, nelle processioni e negli spettacoli.

Ci sono diversi testi di danza Kolam. Non tutti sono d'accordo sull'argomento. Alcuni hanno più episodi e altri meno. La copia della British Library ha 53 caratteri. Il Museo Colombo Ola Manuscripts ha il numero di versi come nel testo stampato nel 1935. Il testo stampato di Salaman ha una caratteristica aggiuntiva. Include l'adorazione al Buddha, Dhamma, Sangha e Brahma per portare la pace ai pazienti. La paziente menzionata qui è la donna incinta. Poi segue di Isvara, Natha, Kataragama, Rama, Kali, Dedimunda e Pattini, seguono altre scene. Il dramma si conclude con Mahasona e Daka yaka e infine si conclude con la benedizione.

In un'altra versione di Kolam, la performance termina dopo episodi di danze sfrenate in una scena finale in cui gli dei appaiono insieme al re, alla regina e ai ministri e si pronunciano sul popolo. Secondo Raghavan, il vero Kolam dovrebbe iniziare alla presenza del re e della regina e, successivamente, dovrebbero seguire le scene mitologiche, i personaggi dei demoni, le scene di Jataka ecc.

L'intrattenimento e il divertimento sono i punti salienti di uno spettacolo di danza Kolam. Gli attori indossano maschere senza eccezioni. Gli abiti da loro indossati si adattano al rango, alla posizione e alla classe di ogni personaggio nella loro vita normale nella società. Viene rappresentata la vita del villaggio in tutta la sua varietà e il suo vero carattere. Il linguaggio usato nel dialogo è semplice, forte e sorprendente. Gli aneddoti del villaggio rimangono indimenticabili. Il dialogo è improvvisato. L'allusione e le insinuazioni a vicende e personaggi locali, sebbene delicate e quasi al limite dell'oscenità, fanno parte del programma prevedibile.

La danza Kolam era più popolare tra la gente del villaggio rispetto a qualsiasi altra rappresentazione drammatica di un periodo successivo. La caratterizzazione e l'espressione di stati d'animo e modi di vita sono rappresentati con abilità. Le emozioni e le azioni sono trasmesse come naturali e reali. Le debolezze di alcuni personaggi sono ben evidenziate. La vita tipica del villaggio è descritta con parole e azioni per trasmettere sentimenti reali. La caratteristica fisica è da vedere nelle maschere. I volti delle persone anziane sembrano abbastanza reali con i denti caduti, la pelle rugosa sul viso e sulla fronte. Il temibile e il terribile; l'innocente e il semplice; lo spiritoso e il gaio sono alcuni dei sentimenti esaltati nel loro fascino dalla conversazione piccante. A questo proposito, le maschere singalese assomigliano a quelle usate nella danza giapponese No. I volti del re e della regina sono affascinanti e soavi con dignità e maestà. “L'esagerazione viene impiegata per sottolineare gli aspetti tragici e comici. La bellezza sta nei modelli convenzionali che sono antichi e molto rari. Molti hanno un alto merito come scultura quanto l'arte indù”.

James Callaway ha osservato che il divertimento è l'oggetto apparente e i cingalesi ne traggono molto piacere, le impressioni indelebili delle forme più degradanti sono prodotte nelle menti giovanili. Il valore di intrattenimento della maschera è indubbiamente presente nella danza Kolam. Ma l'argomento si è sviluppato con l'aggiunta di più episodi dei racconti di Jataka. Nelle commedie precedenti, gli episodi erano limitati a Sankapala, Bimsara e Pinguttara. Successivamente furono aggiunti gam-kolama, hewa kolama, andabera kolama, maname kolama e sandakinduru kolama ecc.