Kandy Sri Lanka

Kandy è la sede del tempio buddista più sacro dello Sri Lanka. Kandy è la città principale nella provincia centrale di Sri Lanka popolare luogo di viaggio di un giorno da Colombo e località balneari. E si trova a circa 500 metri sul livello del mare. Kandy è stata l'ultima capitale dell'isola e una città con una vibrante storia, cultura, costumi e tradizione. Kandy è un'attrazione turistica molto popolare come Sigiriya fortezza rocciosa e tempio d'oro di Dambulla.

Sommario

Dove si trova Kandy

Kandy è la sede del tempio buddista più sacro dello Sri Lanka. Kandy è la città principale nella provincia centrale di Sri Lanka popolare luogo di viaggio di un giorno da Colombo e località balneari. E si trova a circa 500 metri sul livello del mare. Kandy è stata l'ultima capitale dell'isola e una città con una vibrante storia, cultura, costumi e tradizione. Kandy è un'attrazione turistica molto popolare come Sigiriya fortezza rocciosa e tempio d'oro di Dambulla.

Ruolo di Kandy come città buddista

Lo Sri Lanka è un paese con il buddismo come dominante religione e quindi la maggior parte delle persone è buddista. La maggior parte dei venti milioni di persone crede nella dottrina del Buddha.

L' Templi buddisti sono sparsi in tutta l'isola e il numero supera molte migliaia. Tempio di Kandy, noto come Dalada Maligawa or Il Tempio del dente può essere descritto come il tempio buddista più visitato dello Sri Lanka.

Dalada Maligawa ospita il bene inestimabile del buddista comunità dello Sri Lanka. Non è altro che l'occhio sinistro di Buddha. La reliquia del dente è stata portata sull'isola molti secoli fa e sin dai primi giorni le è stato riconosciuto il massimo riconoscimento spirituale.

Il tempio del dente è sotto la competenza di Diyawadana Nilame, il guardiano, scelto per gestire gli affari del tempio. Il tempio è situato in modo pittoresco nel mezzo della città di Kandy e del il tempio della reliquia del dente è uno dei luoghi turistici più importanti di Kandy.

La città e il tempio sono circondati da una catena montuosa. Queste montagne hanno fornito sicurezza durante il periodo coloniale contro gli eserciti invasori portoghesi e olandesi. Il tempio è costruito con diversi muri di protezione e un fossato d'acqua.

L' Il tempio della reliquia del dente di Kandy è visitato ogni giorno da migliaia di devoti e fa parte del tour della città di Kandy. I devoti portano fiori, lampade a olio con olio di cocco e bastoncini di incenso come offerte. IL i devoti si riuniscono nel tempio e si dedicano a offerte, chiacchiere e adorazioni come attività religiose, simili alla maggior parte dei buddisti.

Il lago Kandy, che si trova in direzione ovest del tempio, fu costruito dall'ultimo re dello Sri Lanka. Oggi occupa una porzione significativa della città e valorizza le bellezze naturali della città. Il marciapiede splendidamente ombreggiato intorno al lago offre un luogo piacevole per un piacevole trekking. Sarai ricompensato con la vista di un gran numero di uccelli, monitor d'acqua e tartarughe per il tuo tempo.

Il confine meridionale dei locali del tempio è delimitato da uno dei più importanti attrazioni naturali della città, noto come il Foresta di Udawattakele. Questa foresta pluviale ospita una vasta gamma di animali, insetti, specie di flora e specie di uccelli. È molto ricco di Bio-diversità e attira un gran numero di amanti delle vacanze avventurose. Può essere utilizzato come luogo per passeggiate, trekking e birdwatching.

Mentre Dalada Maligawa è l'attrazione più importante della città, anche l'eredità coloniale della città è molto notevole. Un gran numero di costruzioni, risalenti al 1800, si erge maestoso con altre costruzioni moderne. La maggior parte di quelle antiche costruzioni mostra la tipica architettura britannica. 

Il centro di Kandy è un luogo piacevole per fare una passeggiata, dove gli acquirenti stanno vedendo in gran numero. È pieno di negozi e bancarelle con vestiti, gioielli, artigianato, souvenir, cibi gustosi e una miscela di betel. Kandy è una città dello shopping e non dimentica di afferrare artigianato tipico indigeno come figure di elefanti in legno, maschere, oggetti in lacca e oggetti in argento in uno dei negozi di souvenir.

Lettura utile

La storia di Kandy

Kandy fu fondata dal re Vikrama Bahu 3 (1267-1301 d.C.), la posizione della città fu raccomandata dal bramino Senkada, come luogo sicuro per la capitale del paese. Successivamente la città fu denominata “Senkada gala pura” (la città di Senkada) dal nome del bramino. Un altro nome storico della città era “Senkadagala” (la roccia di Senkada). Il nome attuale “Kandy” deriva dal termine “Kanda Uda Rata” (il regno dei monti), che fu utilizzato come nome della città in epoca successiva.

Kanda Uda Rata era un tipico termine singalese e il portoghese trovava difficile pronunciarlo. Accorciano il nome e chiamano Kande, quindi gli stranieri potrebbero facilmente pronunciare il nome. Durante il periodo coloniale olandese, il nome della città era lo stesso del periodo coloniale portoghese (Kande), ma durante il periodo coloniale britannico si è evoluto ulteriormente ed è diventato Kandy. Kande, Kandudarata, maha Nuwara sono diversi nomi della città in passato. Oggi è noto come Nura tra la comunità locale. La città divenne per la prima volta la capitale dell'isola, sotto il regno del re Wimala darma suriya 1, da allora Kandy fu la capitale dello Sri Lanka fino alla fine della monarchia (1815).

La città fu continuamente invasa dai portoghesi dal 16th secolo. La città fu temporaneamente presa dai portoghesi nel 1590, ma furono presto espulsi dalla città dalle forze di Kandyan. Kandy è circondata da montagne e fitte giungle cresciute; quindi militarmente Kandy era molto adatta alla guerriglia, praticata dalle forze indigene. Kandy era il miglior nascondiglio contro le forze invasori portoghesi, che stabilirono il loro controllo lungo la fascia costiera.

Il dramma del re Wimala costruì il palazzo in città e per la costruzione del palazzo furono usati prigionieri di guerra portoghesi. Nel 1602 una delegazione olandese arrivò a Kandy sotto la guida dell'ammiraglio Spillenbergen. La delegazione ha firmato un accordo con il re; ottennero il permesso di erigere una fortezza sulla costa e il monopolio sul commercio della cannella.

L'anno successivo si rafforzano i rapporti tra il re e l'amministrazione olandese. Al re fu promesso il sostegno militare delle forze olandesi in caso di invasione portoghese di Kandy. Tuttavia, la città fu presa dalle forze portoghesi nel 1623 e la città fu completamente distrutta sotto la guida del generale Constantin De Sa.

A causa di una disputa sulla cattura degli elefanti del re, il re intraprese un'azione severa contro gli olandesi. Il re arrestò 688 soldati olandesi e il loro comandante, ADRIAN VAN DER STELL, e in seguito fu assassinato. Il capo del comandante è stato inviato a Negombo.

Questo atto creò una situazione di guerra permanente tra il re e le forze olandesi, creando un altro nemico per il re, oltre ai portoghesi. Gli olandesi invasero la città con 8000 soldati nel 1763 e si ancorarono nella città per nove mesi. Successivamente le forze olandesi dovettero abbandonare la città per mancanza di comunicazioni e di vettovagliamenti. Quando era difficile ottenere l'appoggio del re per mezzo dei militari, iniziarono un dialogo con il re. Gli olandesi entrarono in dialogo con il re e firmarono un accordo di pace nel 1766, in base al quale ottennero maggiore libertà sul commercio delle spezie.

Gli inglesi assunsero l'amministrazione delle aree controllate dagli olandesi sull'isola nel 1796. Kandy subì più invasioni sotto il dominio britannico di qualsiasi altra amministrazione straniera. Infinito Tentativi britannici il controllo di Kandy terminò nel 1815 quando il re fu arrestato dall'esercito britannico con l'aiuto degli oppositori del re.

La sovranità dell'intero paese fu ceduta alla corona britannica. L'ultimo re, Sri Vikrama Rajasinghe, fu mandato in esilio nel sud dell'India, dove morì nel 1832, ponendo fine alla millenaria monarchia nello Sri Lanka. Anche se c'erano state ribellioni contro gli amministratori britannici, chiedendo la libertà, la città era sotto la corona britannica dal 1815 fino alla sua indipendenza nel 1948.

L' dipinti stilizzati noti come Sittara arte che si vede in molti templi nel paese di collina e anche su costa meridionale dello Sri Lanka dove si è sentito l'impatto culturale di Kandy sono tipicamente kandiani. Questi dipinti sono tutti realizzati in lunghi pannelli orizzontali che coprono l'intero spazio della parete narrando una storia in dettaglio, molto spesso un Jataka, raffigurando gli eventi principali con poche parole di spiegazione scritte sotto.

Gli esempi più noti di questi dipinti a fumetti si trovano in diversi templi di Kandy come Degaldoruwa, Madavela, Dambulla e Danagirigala ea Tevatta e Mulgirigala nel sud. Uno dei più grandiosi è la rappresentazione del Vessantara Jataka a Degaldoruwa con il re cavalcando il suo elefante con tutte le insegne dello stato; l'elefante è disegnato con la massima maestria, il movimento lento dei piedi sollevati e le campane oscillanti danno proprio l'idea di un dignitoso lento procedere. Questa arte popolare didattica ma deliziosa, non può essere ricondotta a nessuna influenza straniera.

La prima spedizione

Nel 1870 i governanti dello Sri Lanka, i Nayakkar, cercavano l'assistenza di una forza straniera per espellere le forze Futch dall'isola. Una volta che l'amministrazione olandese in Sri Lanka venne a conoscenza della pianificazione di Nayakkar Baron e van Eck, che era venuto come governatore, decise di vendicarsi contro la mossa in modo duro.

Ha eretto la Stella Forte di Matara che è ancora intatto per proteggere la città dalle invasioni, catturato Chilaw e Puttalam e dopo aver offerto una ricompensa e l'esenzione da aliyam dovere verso tutti coloro che hanno assistito la Compagnia, hanno marciato su Kandy.

Le spedizioni a Kandy non erano facili come probabilmente pensava un governatore inesperto, e per un intero secolo, la compagnia si era accuratamente astenuta dal fare un tentativo.

Non c'erano strade; i percorsi esistenti sono stati volutamente mantenuti in uno stato di abbandono. Gli abitanti sarebbero fuggiti nei boschi se avessero saputo dell'avvicinarsi di un esercito e si sarebbero potuti ottenere provviste senza mantenere una linea ininterrotta di comunicazioni con Colombo. Una piccola guarnigione lasciata a protezione di un posto di comunicazione sarebbe stata presto assalita da orde di nemici e sopraffatta.

Guerra di Kandy

Il metodo di guerra kandiano è quello contro il quale un esercito regolare è impotente a meno che non sia eccessivamente numeroso. Per "consapevole della loro incapacità di resistere al regolare attacco delle truppe europee", ha scritto un ufficiale, che ha marciato con successo a Kandy con una piccola forza, e consapevole dei vantaggi che possiedono nel conoscere il paese e nell'assicurarsi al clima, il Kandyan i generali evitano il combattimento ravvicinato, preferendo una guerra irregolare e saltuaria.

Assaltano il nemico nella sua marcia, aggrappandosi ai suoi fianchi, tagliandogli i rifornimenti, interrompendo le comunicazioni tra le sue divisioni, e occupando le alture che dominano i passi, sparano con perfetta sicurezza da dietro le rocce e gli alberi. Mirano principalmente ai coolies che portano le munizioni e le provviste, ben sapendo che, senza queste, una forza regolare può fare ben pochi progressi. Staccarli da queste altezze è un'impresa di estrema difficoltà, poiché i sentieri che vi conducono sono per lo più sui lati opposti delle montagne e conosciuti solo dagli abitanti.

“Sono abituati a impedire la marcia delle truppe nemiche abbattendo e ponendo come abbattimenti, grandi alberi attraverso le gole. Nei passaggi stretti, dove non possono essere evitati, questo accorgimento presenta un gravissimo ostacolo alla marcia delle truppe, poiché tagliare e rimuovere grandi alberi non è affare di un momento.

La prima spedizione

Tale era il caso. L'esercito invasore fu autorizzato ad avanzare e coinvolgersi in tali difficoltà e fu tormentato dalla guerriglia a tal punto che la spedizione tornò senza successo. La compagnia perse così prestigio e il barone van Eck desiderava spazzare via la vergogna con un'invasione regolare e organizzata. Furono ottenuti rifornimenti di truppe da Batavia e furono prese tutte le precauzioni per prevenire aiuti stranieri e disordini locali e per conquistare la simpatia della fazione anti-Nayakkar a Kandy.

Nel gennaio 1765 gli olandesi scesero in campo, marciando in due divisioni attraverso i Sette Korales per entrare a Kandy dal passo Veuda, poiché era più facile del passo Balana. Il capitano Tornay con 800 uomini partì da Puttalam per unirsi al corpo principale a Kurunegala. Il governatore in persona ha accompagnato la divisione principale e ha raggiunto Kurunegala passando per Negombo, Tambaravila, Katugampola e Visionary, superando facilmente ogni resistenza. L'esercito combinato presto occupò Veuda.

Volo del re

La riuscita avanzata dell'esercito creò costernazione nella capitale. Il re, la famiglia reale e gli abitanti fuggirono; la fazione Nayakkar organizzò la resistenza, ma il partito singalese, con cui il governatore era in comunicazione, cercò ora di sfruttare l'opportunità per detronizzare il re.

Per più di un secolo Kandy era stata libera dall'invasione e il re era ansioso di evitare l'umiliazione di un saccheggio della sua capitale. Pertanto, inviò un messaggio per chiedere agli olandesi di non avanzare ulteriormente, poiché avrebbe inviato i suoi cortigiani a concedere agli olandesi tutto ciò che chiedevano. Di conseguenza, il giorno successivo arrivò un'ambasciata e si offrì di concedere ai Tre, Quattro e Sette Korales con Sabaragamuwa e il possesso assoluto della costa.

La fazione singalese

Ma la fazione cingalese si era offerta di consegnare il re se la Compagnia avesse riconosciuto il Disava come sovrano indipendente. Questi negoziati fecero pensare al governatore che il re fosse alla sua mercé, e su consiglio, si dice, di van Anglebeck e segretario del governo, van Eck chiese che il re deponesse la sua corona ai piedi dell'olandese e accettarlo come vassallo della Compagnia, pagando un tributo annuale. Tale richiesta proveniente da una compagnia mercenaria che aveva inginocchiato il re di Kandy più volte in numero, fece infuriare notevolmente il re, che respinse la proposta con disprezzo.

Kandy ha preso

Il governatore allora entrò in città, si impadronì del palazzo del re e saccheggiò la città. l'esercito presidiava la città e distaccamenti furono inviati in tutte le direzioni per inseguire il re. Ma questi distaccamenti furono respinti con perdite e gli olandesi, non abituati alle operazioni militari, iniziarono a mettersi in una posizione scomoda.

Il governatore tornò a Colombo, lunatico e malinconico, e morì in pochi giorni. L'ufficiale in comando a Kandy è stato quindi convocato a Colombo e partì con una parte delle truppe.

Ritirarsi

Per alcuni errori inspiegabili, la linea di comunicazione è stata abbandonata. La guarnigione di Kandy si trovò assediata dai kandiani e isolata con la maggior parte degli uomini malati. Dopo nove mesi, con grandi difficoltà e perdite, la guarnigione si ritirò a Colombo, inseguita dai Kandyani, e la spedizione su cui il governatore aveva fatto tanto affidamento si rivelò un completo fallimento.

Invasione olandese di Kandy: il trattato

Il successore di Van Eck ha cercato di ottenere con la diplomazia ciò che le operazioni militari non sono riuscite a ottenere. I sudditi del re soffrivano gli effetti della recente guerra che impediva loro di mostrare i campi. Per aumentare i loro guai, gli olandesi devastarono le frontiere e prepararono spedizioni verso l'interno da Puttalam e Trincomalee. In queste circostanze, il re decise di fare la pace e inviò un ambasciatore a Colombo.

Trattato del 1766

Falk si rese conto dell'impotenza del re e sollecitò condizioni molto sfavorevoli, che gli ambasciatori non avevano altra scelta di accettare. Questi termini erano che il re avrebbe dovuto rinunciare a tutte le pretese e concedere alla compagnia la sovranità legale, indipendente e suprema del diva di Matara, Galle, Colombo e Jaffna; i distretti di Kalpitiya, Mannaro, Trincomalee e Batticaloa; e una striscia di costa.

La compagnia aveva la striscia di terra che collegava l'insediamento olandese in modo che la compagnia fosse padrona dell'intera costa di Ceylon. La compagnia a sua volta riconobbe la sovranità del re sulle parti insulari di Ceylon; ha promesso di dare libero accesso al sale lavays a est e costa ovest e concedere il libero scambio.

Il re doveva concedere agli olandesi il monopolio del commercio e il permesso di sbucciare la cannella nelle terre del re, e farla finita con l'umiliante prostrazione richiesta agli ambasciatori. La compagnia in compenso pagherebbe un sussidio annuo pari al reddito che sarebbe stato ricavato dal re dal lembo di mare concesso alla compagnia.

Gli olandesi conducono un affare difficile

Con questo trattato il re si fece prigioniero virtuale, tagliando fuori la possibilità di comunicare con gli stranieri e mettendo se stesso ei suoi sudditi nella pericolosa posizione di dipendere dagli olandesi per le loro scorte di sale.

Questo iniquo trattato l'ambasciatore accettò per una volta, apparentemente nella speranza di ottenere modifiche in seguito, o di non osservare i termini quando fossero abbastanza forti. Questo tentativo degli olandesi di concludere un duro affare, tuttavia, aprì la strada alla loro rovina, così come l'analogo tentativo di isolare Rajasinghe portò all'espulsione dei portoghesi.

Tentativi di modificare il trattato

Il Disava di Colombo portò il trattato ad Hanguranketa per la firma del re. Era abbastanza pronto a firmarlo, poiché era a conoscenza della macchinazione della fazione anti-Nayakkar. Quella fazione, infatti, comprendeva anche gli ambasciatori kandiani venuti a stipulare il trattato e Falk che lo sapeva, suggerì persino di aggiungere una clausola contro i Nayakkar, ma gli ambasciatori non erano disposti a mostrare la mano troppo presto. Falk, tuttavia, ordinò al suo Disava di chiedere al re di convincere anche i Kandyan Disavas a firmare il trattato. Il re Kirti Sri non avrebbe ascoltato un suggerimento calcolato per dare più solennità al trattato e maggiore importanza al Disava.

Subito dopo aver firmato il trattato, il re tornò a Kandy, riparò i danni causati agli edifici e ai templi dagli olandesi, fece ricostruire i vihara e inviò ambasciatori a Batavia per chiedere una modifica del trattato. Batavia era inesorabile e l'ambasciatore non sopravvisse al viaggio.

Nel 1772 quando il re riuscì a rafforzare la sua posizione contro la fazione anti-Nayakkar, inviò ambasciatori a Colombo per chiedere una quota del pesca delle perle e il diritto di inviare almeno due o tre dhonies. Per assecondare il re, il governatore ha promesso di deferire la richiesta alle autorità di Batavia. Queste autorità ordinarono prontamente al governatore di chiarire al re che non c'era la minima speranza di ottenere anche un solo dhony gratuito.

Di conseguenza, nel 1775 il re chiese il ripristino del litorale. Le istruzioni di Batavia furono rapide e decisive: tutte le volte che i cortigiani accennano loro anche al ripristino della costa marittima, assicurateli subito severamente che possono togliersi completamente dal capo ogni speranza di tale riacquisizione.

Kandy durante l'era coloniale (1505-1948)

Come un paese basso (regione marittima) controllato dal portoghesi e olandesi per 300 anni, Kandy ha mantenuto la sua indipendenza durante questo periodo. C'erano stati molti cambiamenti nel costumi, tradizioni, lingua e religione della popolazione di campagna dello Sri Lanka sotto l'amministrazione portoghese e olandese.

Sono stati costretti a imparare le lingue straniere, sono stati costretti ad abbracciare il cristianesimo e il patrocinio del governo per la cultura e la tradizione è terminato ei valori tipici singalesi sono stati sminuiti. Durante tutti questi cambiamenti nel paese basso, tuttavia, la gente di Kandy era stata in grado di mantenere gli autentici valori dello Sri Lanka. Pertanto Kandy riceve un meritato riconoscimento e rispetto per la sua dedizione e il suo coraggio nel proteggere i valori dello Sri Lanka e Kandy è diventata il centro culturale della razza singalese.

Gli inglesi ottennero il controllo di Kandy

Ma il re di Kandy non fu in grado di resistere a lungo alle forze straniere, poiché gli olandesi fuggirono dal paese con l'arrivo delle forze britanniche. I nuovi invasori hanno rilanciato lo sforzo per prendere il controllo di Kandy. E questa volta erano molto più forti nella potenza di fuoco mentre usavano diversi oppositori locali del re per arrestarlo nel 1976. Kandy fu l'ultima capitale della dinastia dello Sri Lanka e fu portata sotto il dominio britannico nel 1796 ponendo fine alla sovranità dello Sri Lanka.

Regalità e cerimoniale di corte durante il periodo Kandy

Nello Sri Lanka le idee sulla regalità derivavano dal subcontinente indiano. Lì la prima leggenda sull'origine della regalità si trova nel Aitareya Brahmana, uno dei successivi testi vedici scritto forse nell'VIII o VII secolo a.C. Dà un'idea di come gli dei e i demoni combattessero in una guerra e gli dei sentissero di aver bisogno di un raja per condurli in battaglia nominarono Indra come loro re.

Poco dopo nel Taittiriya Upanisad questa storia è significativamente alterata. Gli dei non elessero Indra ma sacrificarono all'alto dio Prajapati che mandò il suo Indra a diventare il loro capo. La regalità ricevette così l'approvazione divina e la sua idea prevalse in India, sebbene dovette affrontare una leggera sfida da parte di un gruppo dissenziente come i buddisti.

I buddisti concepivano il re come un essere eletto dal popolo (Mahasammata) per salvaguardare la società dall'anarchia e in cambio della protezione offerta pagata da una parte del grano. Questa idea ha avuto il maggior peso nello Sri Lanka, come si vede nell'opera del X secolo, il Vamsattappakasin e l'opera ottocentesca, la Niti Nighanduva. Ma in pratica, troviamo questa teoria elettiva combinata in modo piuttosto incongruo con le credenze indù e mahayana riguardanti la divinità dei re.

Sebbene l' re dello Sri Lanka non erano più eletti di quanto fossero divini i loro fratelli indiani, l'influenza della teoria elettiva fu chiaramente vista nel periodo kandiano quando in diverse occasioni il re non aveva lasciato discendenza dalla regina unta, la successione fu stabilita da un'elezione.

In quattro occasioni gli adigari che agivano per conto del popolo scelsero il successore al trono con una "finta elezione". Fu un'elezione monacale perché la scelta era prestabilita ma furono adottati elaborati espedienti per dimostrare che non era così, e che la scelta era in realtà del popolo.

Davy riferisce che alla morte del re gli adigar avrebbero convocato i capi e il popolo, che secondo la tradizione avevano il diritto di essere consultati sull'elezione di un nuovo monarca, a comparire a Kandy. In pratica, se il monarca defunto non aveva nominato il suo successore, gli adigari facevano la scelta e ottenevano l'approvazione nominale dei capi e del popolo, per poi annunciarla all'assemblea. Questa approvazione pubblica, anche se nominale, suggerisce l'ideologia secondo cui la regalità traeva la sua forza dal sostegno popolare e non dal diritto divino.

La cerimonia di nomina era un rito importante connesso con l'adesione. Gli astrologi reali selezionavano nomi adatti per il nuovo re e li scrivevano su lastre d'oro che li depositavano nel Nata Devala.

In un giorno di buon auspicio, il principe si recò in stato al Vishnu Devala dove fece prostrazioni al dio. Da lì procedette al Nata Devala e dopo aver seguito lo stesso rito, scelse un nome e lo lesse al primo adigar che lo proclamò ad alta voce.

La cerimonia di nomina sembra suggerire che il sovrano scelto dal popolo avesse ricevuto l'approvazione e la benedizione delle divinità protettrici. Nessuna cerimonia di incoronazione, tuttavia, era collegata all'adesione del re kandiano.